Crea sito

Sottomarino russo opera al largo d’Israele senza essere rilevato

Military Watch, 14 novembre 2019

Secondo quanto riferito, un sottomarino della Marina russa fu rilevato dalla Marina israeliana a soli 15 km dalle coste mediterranee del Paese, dopo aver operato inosservato nelle acque territoriali del Paese per un periodo sconosciuto. Secondo quanto riferito, la Marina russa fu contattata attraverso il meccanismo di coordinamento militare russo-israeliano e il sottomarino poi salpava per le acque internazionali. La classe del sottomarino rimane sconosciuta, ma la Russia conserva in particolare una base considerevole per le navi da guerra nella vicina Siria, attualmente in fase di espansione. I media israeliani notavano che le forze di difesa israeliane non erano riuscite a rilevare la nave da guerra che entrava nelle acque del Paese, sollevando dubbi sulla forza delle difese marittime del Paese.
La Marina israeliana fu a lungo la più piccola branca delle forze armate del Paese, e con la maggior parte delle minacce provenienti da forze in gran parte basate a terra, negli ultimi anni, in particolare dalla milizia appoggiata da Corea democratica e Iran, Hezbollah, che non ha alcuna capacità navale significativa, fu sollevata la preoccupazione che la sicurezza marittima del Paese fosse trascurata. L’Iran ha in particolare investito molto nello sviluppo di sottomarini lanciamissili da crociera di media gittata, che si ritiene che coll’integrazione dei sistemi di propulsione anaerobici nordcoreani possano operare molto silenziosamente lontano dalle acque iraniane.

Traduzione di Alessandro Lattanzio