Il golpe che venne dall’estero: geopolitica e interferenze in Bolivia

Mision Verdad, 12 novembre 2019

È incontestabile che sia Luis Camacho e Carlos Mesa, sia violenze e repressione di polizia-militari che le accompagnavano nel rovesciamento di Evo Morales, coprivano l’intero programma informativo. Tuttavia, uno sguardo rigorosamente locale potrebbe impedirci di vedere le pressioni internazionali che influenzavano in modo decisivo il campo di battaglia boliviano.

Il ruolo degli Stati Uniti
L’OAS, e più precisamente Luis Almagro, fu il fattore scatenante del colpo di Stato cristallizzatosi il 10 novembre con le dimissioni imposte del Presidente Evo Morales. Il rapporto distorto dell’agenzia appoggiava la tesi della “frode” e istigava la persecuzione dei funzionari del governo, essendo il suo scopo così definitivo che, alla fine, divenne lo strumento principale per proteggere istituzionalmente il cambio di regime. Essendo un braccio esecutivo della politica estera nordamericana in America Latina, la partecipazione di Almagro è prova sufficiente che Washington fosse l’attore strategico del colpo di Stato. Ma non solo la figura di Almagro rivela il coinvolgimento degli Stati Uniti. Altri attori che fino alla fine del colpo di Stato erano poco visibili, almeno nel panorama dei media, appaiono i lobbisti dietro il sipario. È il caso dei senatori Marco Rubio, Bob Menéndez e Ted Cruz, che appaiono in un audio trapelato di recente. “Questi tre nomi citati nella nostra agenda, sono la chiave che guida l’interesse del popolo boliviano ad avere giustizia col voto del 21 febbraio 2016”, dichiarava il capo dell’opposizione boliviana Manfred Reyes Villa sull’accordo politico che rendesse possibili varie pressioni statunitensi su Evo Morales. Tali confessioni denudano un tipo d’interferenza che implica non solo lobbismo dei capi golpisti col supporto emisferico, ma anche la mobilitazione dell’apparato dell’OAS e la consulenza diretta ai capi politici della destabilizzazione. Quando il meccanismo golpista entrò in piena attività e divenne sempre più violento, il 29 ottobre il segretario di Stato Mike Pompeo dichiarò: “Siamo profondamente preoccupati per le irregolarità nel processo di conteggio dei voti delle elezioni del 20 ottobre in Bolivia (…) Chiediamo alla Bolivia di ripristinare l’integrità elettorale procedendo a una seconda tornata di elezioni libere, eque, trasparenti e credibili coi due principali vincitori del voto”, dichiarava. Il discorso di Pompeo ordinava la politica estera degli Stati Uniti secondo una linea definitiva a favore del colpo di Stato: incoraggiare la narrativa del broglio, e quindi che il governo di Evo Morales “non è democratico” e non “permetteva” al candidato della Casa Bianca, Carlos Mesa, di disputare il secondo turno a cui aveva perso diritto dato il risultato elettorale.
La dichiarazione del capo della diplomazia statunitense portava al ritiro dei partner regionali in modo che Evo Morales non fosse riconosciuto al momento della vittoria. Così, si generò un clima di ignoranza politica ed elettorale con cui Camacho e Mesa, giorni dopo, avrebbero giocato istigando la belligeranza con la pretesa di coprire il “movimento democratico” con ciò che era (ed è tuttora) un golpe. Tali dichiarazioni pubbliche e pressioni nell’ombra erano la realizzazione politica di un piano d’intervento morbido occultato da anni. Sebbene (“ufficialmente”) l’Agenzia per lo sviluppo internazionale (USAID) degli Stati Uniti abbia smesso di funzionare in Bolivia nel 2013, i suoi finanziamento all’opposizione, dal 2002, erano volte a rafforzare secessionismo e “autonomia regionale”, quadro storico e discorsivo che riunisce la maggior parte della facciata della classe dirigente boliviana. Lo stesso che cristallizzava il golpe. Tale finanziamento, sebbene tagliato dalle rotte regolari nel 2013 (l’ambasciata avrebbe potuto continuare il lavoro clandestinamente) coll’espulsione dell’USAID dal Presidente Evo Morales, servì a consigliare, addestrare e rafforzare logisticamente i complottardi che, sconfitti nel 2008 , avrebbero cercato un decennio più tardi la vendetta omicida. L’ ultimo budget annuale riconosciuto dell’USAID (nel 2011) fu di 26,1 milioni di dollari. Aggiunti quasi due decenni di finanziamenti si avrà abbastanza per il colpo di Stato del 2019 ed attori armati ben addestrati. Tuttavia, l’USAID riconosce nelle sue relazioni pubbliche che fino al 2013 il suo approccio conteneva altre rotte molto più morbide. Il programma di sviluppo sostenibile e ambientale ed altri volti a “rafforzare la democrazia”, avevano l’obiettivo di costruire una massa critica che, al momento giusto, potesse essere utilizzata per criminalizzare il governo di Evo nella nazionalizzazione di risorse naturali e terre privatizzate.
L’anno scorso, il Presidente Evo Morales disse quanto segue sul direttore aziendale Bruce Williamson: “Adesso anche il nuovo incaricato d’affari (lo vedo di nuovo con vagabondi cospiratori. Aspetteremo un po’. Abbiamo il diritto decidere sovranamente cosa faremo col nostro Business Manager”. “Non cospirate”, concluse. L’attrito per le dichiarazioni invasive del funzionario rimase nel registro dei media, tuttavia, alla luce della conclusione del colpo di Stato, il suo ruolo attivo non può essere escluso. Quel preciso momento fu l’incendio di La Chiquitania a settembre-ottobre, un evento che fu lo sparo iniziale per le ONG ambientaliste addestrate dall’USAID per produrre la prima “rivolta” (sostenuta da una logica ambientalista) contro Evo Morales. Tale costruzione in laboratorio aveva un precedente: durante gli incendi, esattamente il 29 agosto, l’ USAID fece un ritorno improvviso (e illegale), dove fu ricevuto dalle autorità di Santa Cruz per, in teoria, collaborare all’estinzione del fuoco. Ora sappiamo che i consigli ai golpisti, iniziati come al solito a Santa Cruz, erano diretti e in diretta. Ma ai fondi dell’USAID, come quasi sempre, si aggiunsero quelli della National Foundation for Democracy (NED). Questo strumento della politica estera statunitense afferma apertamente, proprio nel 2018, di aver erogato risorse per quasi 1 milione di dollari a beneficio di progetti “civili” e ONG che non sfuggono al legame col colpo di Stato. Tra i finanziamento, spiccano quelle dirette alla Millennium Foundation, all’International Republican Institute (IRI) e al Center for International Private Enterprise (CIPE), per un totale di circa mezzo milione di dollari. Queste tre vetrine condividono lo scopo comune di “ritenere i candidati e le autorità elettorali responsabili di una campagna e di pratiche di voto eque e trasparenti”, sostenendo il “settore privato boliviano” e promuovendo “riforme elettorali”. Tali argomenti furono inclusi nella narrazione della preparazione del colpo di Stato.
Fu l’inizio del colpo di Stato morbido, confermando il ruolo degli Stati Uniti nella preparazione, successiva attivazione e suggello “diplomatico” del regime golpista. Ciò che seguirà sarà il pieno sostegno alla persecuzione contro il governo di Evo. Dopo l’audit dell’OAS che sosteneva i brogli, il vicesegretario ad interim dell’Ufficio per gli affari dell’emisfero occidentale del dipartimento di Stato nordamericano Michael Kozak dichiarò: “Sosteniamo la richiesta di nuove elezioni e un Supremo tribunale elettorale rappresentativo e credibile. Tutte le persone coinvolte nel processo difettoso dovrebbero dimettersi”. Tale narrativa coincidente con quella di Carlos Mesa e Luis Camacho fu successivamente rafforzata da Pompeo, che dichiarò: “Sosteniamo pienamente i risultati del rapporto dell’OAS che raccomanda nuove elezioni in Bolivia per garantire un processo veramente democratico e rappresentativo della volontà del popolo. La credibilità del sistema elettorale deve essere ripristinata”. In seguito, una dichiarazione ufficiale dell’amministrazione Trump proteggeva il colpo di Stato come “momento significativo per la democrazia nell’emisfero occidentale”, riferendosi alle dimissioni imposte con la forza del Presidente Evo Morales. Applaudiva “l’esercito boliviano per aver rispettato il giuramento di proteggere non solo una persona, ma la costituzione boliviana”, giustificando la repressione selvaggia successivamente scatenata. Infine, la dichiarazione ufficiale reindirizzava l’onere narrativo e simbolico del colpo di Stato verso l’obiettivo strategico, il Venezuela, di fronte all’annuncio di nuove manifestazioni violente per tentare un nuovo cambio di regime. “Questi eventi mandano un forte segnale ai regimi illegittimi di Venezuela e Nicaragua che prevarranno sempre la democrazia e la volontà popolare. Ora siamo un passo avanti verso un emisfero occidentale completamente democratico, prospero e libero”, affermandone l’uso geopolitico antivenezolano che si vuole dare al rovesciamento di Evo.

Il fattore brasiliano: gas e un incontro che dice tutto
Secondo la rivista brasiliana Forum, il presidente del Comitato Civico di Santa Cruz, Luis Camacho, “fu ricevuto da Ernesto Araújo, cancelliere di Jair Bolsonaro, a maggio per discutere della Bolivia”. Era a maggio ed è logico dedurre che gran parte della discussione riguardava il cambio di regime. Ma lasciamo parlare Camacho per ora. “Abbiamo raggiunto l’impegno personale e governativo del ministro degli Esteri Ernesto Fraga Araújo di affermarsi come Stato brasiliano e a garanzie per la commissione CPE d’interpretare la convenzione sulla rielezione indefinita alla CIDH. Il ministro degli Esteri ha incaricato immediatamente e nella stessa riunione di tenere la consultazione”, aveva detto il capo golpista dopo l’incontro con Araujo. Ma l’impegno citato da Camacho andava oltre l’alleanza col governo Bolsonaro per delegittimare la vittoria sicura che Evo Morales ebbe il 20 ottobre. Il quotidiano boliviano El Periódico rivelò un audio che dimostrava il sostegno del governo Bolsonaro ai capo del colpo di Stato. Manfred Reyes Villa, un membro dell’opposizione boliviana residente negli Stati Uniti, rivelò che un “uomo di fiducia” consigliava uno dei candidati alla presidenza, molto probabilmente Carlos Mesa. L’audio riflette anche l’orchestrazione del colpo di Stato in generale, la preparazione di una “rivolta di polizia e militare”, l’invalidazione del risultato elettorale del primo turno con misure di forza e l’assedio delle sedi diplomatiche come quella venezuelana. Se gli interessi degli Stati Uniti nel colpo di Stato in Bolivia erano geopolitici, quelli del Brasile erano geostrategici ed energici. La sua principale compagnia petrolifera, Petrobras, ha sempre avuto una quota dominante nelle riserve di gas boliviane, una realtà cambiata alla luce della ristrutturazione della sua filiale in Bolivia. Tra le turbolenze golpist, Petrobras ridusse significativamente le importazioni di gas boliviano, mentre il Consiglio di amministrazione economica della Difesa (CADE) del Brasile staccò Petrobras dal controllo del gasdotto strategico Brasile-Bolivia, decidendo al contempo come verrà gestito. Sullo sfondo di tali negoziati che andavano in direzioni diverse, c’era la lotta per definire il prezzo del gas che la Bolivia fornisce al Brasile. Secondo l’agenzia Argus Media, “il Brasile è ora inondato di gas pre-salato, mentre l’Argentina sviluppa enormi riserve di gas di scisto, lasciando la Bolivia con mercati ridotti per le forniture senza sbocco sul mare”. Che questi fattori commerciali ed energetici siano passati assieme al colpo di Dtato, indica che vi erano pressioni dagli affaristi. Il colpo di Stato contro Evo fa precipitare la Bolivia nella totale instabilità, offrendo ai capitalisti brasiliani l’opportunità di appropriarsi delle quote di esportazione del gas naturale boliviano.
La debolezza in cui lasciava lo Stato boliviano lo strato reazionario che assume di fatto un potere in modo molto simile a quello preso da Bolsonaro, danno al capitale brasiliano un vantaggio per respingere il concorrente boliviano, ora limitato nel far rispettare l’autorità pubblica su un’importante riserva di gas nel mercato dell’energia. Il quotidiano La República de Perú sottolinea che con la caduta di Evo, molti progetti bi-nazionali su larga scala precipiteranno sicuramente, una realtà che si replicherà su scala sudamericana. Con l’arrivo del MAS al potere, la Bolivia divenne una piattaforma energetica d’importanza globale (date le riserve strategiche di gas e litio), con enormi possibilità di concentrare un’influenza geopolitica, energetica e con proiezioni in Amazzonia che Brasile e Stati Uniti temevano da sempre. La geopolitica determina la politica e l’interesse di ridurre la Bolivia a una posizione energetica marginale, soffocandone lo sviluppo come polo di potere, potrebbe aver forgiato l’accordo tra i settori economico e del potere di Brasilia e Washington nel sostenere il colpo di Stato in modo così aperto. E la manovra geostrategica, inoltre, potrebbe portare il Brasile a sostituire la Bolivia come primo fornitore di gas naturale dell’Argentina, che presto avrà un governo progressista situato all’altra estremità ideologica e politica opposta a Bolsonaro. Un buon modo per contrassegnare presenza e dominio nelle future relazioni bilaterali.
Sul gas, si verifica un altro evento importante. Cinque giorni prima delle elezioni “la statale YPFB boliviana e la società russa Acron decisero di creare una joint venture per commercializzare fertilizzanti prodotti da gas naturale in fabbriche di loro proprietà in Bolivia e Brasile”, secondo l’agenzia Sputnik. Se vogliamo cercare un’altra motivazione geopolitica per il colpo di Stato, fu pochi giorni prima che Evo vincesse le elezioni. La versione brasiliana della dichiarazione degli Stati Uniti era un tweet di Ernesto Araujo che affermava che non vi era alcun colpo di Stato e che questa espressione era semplicemente una “narrativa della sinistra”. Detto questo, e coll’incontro con Camacho al seguito, bastano poche prove in più per dedurne il coinvolgimento.

Argentina, Cina, la corsa al litio e un finale
È noto che la Bolivia concentra le maggiori riserve di litio al mondo, il cosiddetto “oro bianco” che rappresenta la materia prima per la pazza industria globale dei prodotti tecnologici, aerospaziali e digitali. Esiste una dinamica di coincidenze per nulla coincidenti tra atteggiamento temporaneo del governo uscente Macri (non ha descritto il colpo di Stato come un colpo di stato) e la necessità strategica dell’Argentina di avere la Bolivia come maggiore grande produttore di litio nei prossimi anni. Il governo argentino pestava l’acceleratore della produzione di questo minerale attirando investimenti dal capitale occidentale negli ultimi anni, strettamente collegati a Canada e Stati Uniti, poiché il potere statale sul controllo del minerale era. Visto in questo modo, è conveniente e poco più che il colpo di Stato in Bolivia, la frammentazione del suo Stato e la sfida che i golpisti pongono al controllo governativo sulle risorse naturali, culmini nel fatto che geopoliticamente le capitali occidentali assumano dall’Argentina la leadership nella produzione di litio. Un altro aspetto è legato a questa dinamica di pressioni che, sebbene manifestate a livello diplomatico, hanno le loro radici nel “mondo degli affari” definitivo e sempre velato. Il 6 febbraio la Cina investiva 2,3 miliardi di dollari nella produzione di litio boliviano. Alla firma dell’accordo, l’ambasciatore cinese dichiarò: “È un giorno storico perché dopo questa firma stabiliremo l’alleanza strategica nell’industrializzazione del litio. La Cina sarà il maggiore produttore di veicoli e consumatore al litio e la Bolivia il più grande Paese dalle riserve di litio”. L’accordo siglato tra Bolivia e consorzio cinese Xinjiang TBEA Group-Baocheng fu volto ad industrializzare le miniere delle saline di Coipasa e Pastos Grandes a Oruro e Potosí, due dipartimenti che il colpo di Stato di Santiago usò come dei forti per assediare il Paese, schierando un’ondata di violenza e persecuzione contro i seguaci del MAS. La variabile della proiezione cinese, così presente nei discorsi e nelle strategie della sicurezza nazionale degli Stati Uniti come sfida geopolitica che deve culminare, non sfugge al colpo di Stato in Bolivia. Potrebbe essere anche questo cambio di regime un capitolo per procura e artiglieria della guerra commerciale e delle risorse che l’amministrazione Trump attua contro la Cina; il golpe per prosciugare la linea di alimentazione del litio sicura e affidabile per il gigante asiatico.
Una triade di potenze e sottopotenze regionali operava in modo troppo sincrono per detronizzare Evo. Il ciclo di privatizzazione e disidratazione dello Stato che guida il pensiero politico dell’avanguardia del colpo di Stato lo rese ancora più necessario. Ancora una volta, dal potere del denaro derivavano le pressioni che definivano il quadro generale del colpo di Stato, in cui Camacho è un dipendente delle macchinazioni di aziende e centri di potere.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente Viva Evo! Morales è rovesciato, ma il socialismo boliviano perdurerà Successivo Karma: il cofondatore dei "caschi bianchi" morto in Turchia