Crea sito

“Guerra civile siriana”: terroristi inglesi, truppe statunitensi e ostaggi occidentali!

Arabi Suri, Syria News 10 ottobre 2019

Guerra civile siriana, da oltre 8 anni gli esperti occidentali dipingono la crisi in Siria come guerra civile, no? Ma potrebbe essere qualsiasi altra cosa tranne che una guerra civile. Una guerra civile è “una guerra tra cittadini dello stesso Paese”. Dice il dizionario di Google. Wikipedia la pone così: “Una guerra civile, nota anche come guerra intrastatale nella polemologia, è una guerra tra gruppi organizzati all’interno dello stesso Stato o Paese”. Merriam Webster definisce “Guerra civile” come: “Una guerra tra gruppi opposti di cittadini dello stesso Paese”. I propagandisti dei media occidentali definiscono la guerra civile siriana come: “Una guerra condotta da terroristi stranieri sponsorizzati da altre nazioni contro l’intera popolazione di un Paese e il loro Stato”. Qual è la fonte per le definizioni dei termini: dizionari o articoli supponenti?
Negli avvisi di posta in arrivo oggi ho ricevuto quanto segue dal New York Times:

Le truppe statunitensi presenti illegalmente in Siria presero in custodia due terroristi inglesi dello SIIL illegalmente introdottisi clandestinamente in Siria dallo Stato membro della NATO Turchia, che ucciso ostaggi occidentali sempre illegalmente presenti in Siria! Dov’è la “guerra civile” in tutto questo? Ecco cosa è venuto fuori quando ho cercato: ‘nytimes syria civil war’:

Guerra civile siriana: il New York Times sfida i dizionari e definisce la guerra al terrore guidata dagli Stati Uniti contro la Siria come guerra civile, come anche detto dagli “esperti”. Ecco un esempio di “Ribelli moderati siriani” e “Opposizione armata siriana”, come descritto dai propagandisti occidentali che partecipano alla “Guerra civile siriana”:

Terroristi ceceni in Siria

Quanto sopra è dell’articolo: L’Esercito arabo siriano ha ucciso 5000 terroristi ceceni e la Russia altri 4200 al gennaio 2017; si vede quanto è una guerra civile? A proposito, questo articolo aveva un report video molto interessante sulla polizia militare russa ad Aleppo guidata da un maggiore dell’esercito ceceno giunto a sistemare l’immagine che il popolo siriano ha del popolo ceceno. Oh, ha detto “terroristi ceceni in Siria”? Ma per i propagandisti occidentali questi sono membri dell’opposizione siriana sponsorizzata dall’Organizzazione Terroristica del Nord Atlantico per promuovere democrazia e libertà di parola nei Paesi in cui mancano; no, non in Francia che opprime il movimento dei gilet gialli e non si riferisce alle proteste dei cittadini inglesi contro il regime di Elisabetta II, finita col definire le proteste come “tumulti di Londra” e ad intimidire il pubblico a non protestare inviando due giovani in carcere per 4 anni per il crimine di scrivere un post su facebook che invocava una protesta che ha mai avuto luogo…! I propagandisti dei media occidentali fecero di più col loro pioniere delle Fake News, la CNN, che inventava le notizia sulla Siria a causa della mancanza di notizie su una “rivolta” del popolo. La CNN effettivamente inviò un gruppo di “giornalisti” e “cameraman” ex delle forze speciali in Siria che facero saltare in aria un gasdotto ad Homs nell’inverno del 2012, il più freddo che il Paese visse da decenni. Il loro unico errore era che avevano posizionato le telecamere il giorno prima, indicando il luogo in cui si sarebbe verificata l’esplosione, per assicurarsi l’angolazione fosse corretta, lasciando le telecamere che trasmettevano al quartier generale ad Atlanta, Georgia, usando il sistema di comunicazione dello Stato siriano che avvisava gli ingegneri della larghezza di banda molto ampia trasmessa a lungo!
Avviciniamoci alla nostra regione e vediamo come i giornalisti di al-Jazeera informarono sulla “guerra civile” in Siria. Ecco il post intitolato Siria e bastardi umanitari, in cui la stazione tv miliardaria al-Jazeera, portavoce dello Stato del Qatar, fiancheggiava i terroristi di al-Qaida quando rapì oltre 200 donne e bambini dalla provincia di Lataqia e poi trasmesse la notizia, per poi cercare disperatamente di cancellarla dopo che alcuni bambini rapiti comparvero nel famigerato attacco chimico di Ghuta.
Cosa farebbe il vostro governo se un giornalista straniero entrasse illegalmente nel vostro Paese, compiendo sabotaggi mentre era parte di un gruppo terroristico? Rispondete da voi e lasciatevi sprofondare. In Siria, vogliono che permettiamo a tali giornalisti terroristi di non esserne preoccupati e quando uno di loro viene ucciso in uno scontro a fuoco o dai terroristi cui erano incorporati cogli stessi terroristi della NATO per cui facevano appello alla Siria chiedendo di risarcire la famiglia del giornalista-terrorista ucciso 300 milioni. In vostra coscienza, quanto dovrebbe chiedere il popolo siriano ai governi occidentali come compensazione per uccisioni e distruzioni compiuti nel nostro Paese sulla base di questo giudizio? Si potrebbe ancora sostenere che all’inizio fosse una “guerra civile” che attrasse tali attori stranieri a centinaia di migliaia, venuti nel Paese con l’aiuto della NATO e dei suoi tirapiedi. Non preoccupatevi, l’abbiamo smontato da subito. Ecco come tutto iniziò, con un documentario inestimabile di due episodi se si vuole davvero distinguere tra “Guerra civile” e lotta della nostra nazione contro la guerra terroristica guidata dagli Stati Uniti.
Il Presidente Dr. Bashar Al-Assad ha detto: “Una rivoluzione viene di solito fatta dal popolo non importando stranieri che si ribellano contro il popolo”. Siete d’accordo con la descrizione di Assad di “rivoluzione” e la descrizione sui dizionari di “guerra civile”, o seguirete le definizioni degli esperti occidentali? Le seguenti due citazioni potrebbero aiutare:
Mark Twain: “Se non leggi il giornale non sei informato; se leggi il giornale sei male informato”.
Malcolm X: “Se non stai attento, i giornali ti faranno odiare gli oppressi e amare gli oppressori”.
E quindi fu ucciso.
Spero che i lettori non prendano questo post come attacco a New York Times e al-Jazeera, no, non solo contro questi due, sono solo degli esempi, abbiamo anche smacherato altri che promuovono crimini contro l’umanità in Siria, come le madre di tutti: BBC , il Los Angeles Times, l’agenzia di diffusione delle bugie Reuters, Washington Post, The Guardian, Times, al-Arabiya, per citarne alcuni. Se il New York Times e roba del genere non conoscono la differenza tra “Guerra civile” e Guerra terroristica condotta da potenze straniere contro un Paese, è un disastro; tuttavia, se il New York Times e banda conoscono la differenza tra “guerra civile” e “guerra terroristica” condotta contro un Paese, tuttavia indicano la guerra terroristica degli Stati Uniti contro la Siria come “guerra civile”, è un crimine contro l’umanità, o almeno, promuove un crimine contro l’umanità. Per addolcirsi: coprire un crimine contro l’umanità, o in parole semplici: è il loro lavoro con cui ‘mettere sul tavolo e dare da mangiare ai loro figli pane cotto col sangue di decine di migliaia di bambini inermi versato dall’altra parte del pianeta”, per quanto “bianchi come loro!”

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Una risposta a ““Guerra civile siriana”: terroristi inglesi, truppe statunitensi e ostaggi occidentali!”

I commenti sono chiusi.