Crea sito

La Cina svela il missile balistico ipersonico DF-41, che può raggiungere Washington in 30 minuti

Military Watch, 1 ottobre 2019

Alle celebrazioni del 70° anniversario della Repubblica popolare cinese, l’Esercito di liberazione del popolo cinese (PLA) svelava una serie di nuovi mezzi avanzati nella grande parata su Piazza Tiananmen. Oltre ai nuovi missili tattici ipersonici DF-17, droni di sorveglianza ipersonica WZ-8 e bombardieri invisibili senza pilota Gongji-11, il PLA mostrava per la prima volta i missili balistici intercontinentali ipersonici DF-41. Questi seguivano i più vecchi ICBM DF-31 e DF-5B, nonché gli ICBM per sottomarini JL-2, rappresentando l’ultima acquisizione dell’arsenale strategico cinese, e secondo quanto riferito sarebbe in servizio da oltre due anni.
Il DF-41 utilizza un composito a combustibile solido molto simile a quello del Minuteman III, il che significa che può essere immagazzinato pronto e che ha un tempo di lancio considerevolmente più breve rispetto ai missili a propellente liquido come il russo RS-28 Sarmat o il nordcoreano Hwasong-15. Il missile ha un portata superiore a quella di qualsiasi ICBM in servizio, esclusa la Russia e, secondo quanto riferito, può trasportare una dozzina di testate termonucleari sul veicolo di rientro multiplo rendendone gli attacchi estremamente difficili da intercettare. I missili sono altamente manovrabili in volo e possono colpire gli obiettivi a velocità ipersoniche, di Mach 25. La capacità della piattaforma di compiere attacchi nucleari dalla Cina agli Stati Uniti in soli trenta minuti veniva fortemente evidenziata dai media occidentali presentando il DF-41.
Cogli Stati Uniti che adottano sistemi di difesa sempre più capaci progettati per intercettare gli ICBM, incluso il BMD negli Stati Uniti e i sistemi THAAD e AEGIS nell’Asia orientale fornendo informazioni sulla ricerca e la necessità di svilupparsi ancor di più ICBM in grado di colpire con le proprie testate in modo più affidabile sono cresciute. I piani nordamericani di sviluppare intercettori dei missilistici balistici spaziali e integrare le caratteristiche dei missili antibalistici sui nuovi aerei da combattimento, hanno solo aumentato il pericolo che la deterrenza missilistica della Cina e altri potenziali avversari degli statunitensi possano essere parzialmente annullati. Secondo quanto riferito, una versione su rotaia del DF-41 è in fase di sviluppo, così come un ICBM lanciato da sottomarino derivato dal progetto che, secondo quanto riferito, ha iniziato i test nell’ambito del programma JL-3.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Una risposta a “La Cina svela il missile balistico ipersonico DF-41, che può raggiungere Washington in 30 minuti”

  1. Si conferma la superiorità tecnologica della Cina… Trump solo con i dazi commerciali sta andando verso il baratro. Trump che esce da accordi sul clima.. Trump sempre peggio..

I commenti sono chiusi.