Il caos politico statunitense danneggerà la fiducia globale

Shi Tian, Global Times, 25 /9/2019

Il caos politico negli Stati Uniti avanza. La portavoce della Camera Nancy Pelosi annunciava che la Camera dei rappresentanti avvierà un’indagine formale sull’impeachment contro il presidente Donald Trump. La telefonata di Trump col presidente ucraino Volodymyr Zelenskij a luglio avrebbe chiesto zioni “che potrebbero avvantaggiarlo politicamente”. Tale dichiarazione suscitava grande attenzione in tutto il mondo, anche in Cina. Perché il caos politico a Washington è sempre sotto i riflettori? Perché la Cina è preoccupata dagli eventi politici di un Paese dall’altra parte dell’Oceano Pacifico? La risposta è semplice: il caos negli Stati Uniti, una delle maggiori potenze mondiali, può interessare altri Paesi. Anche se non mancano contraddizioni e conflitti tra Cina e Stati Uniti, hanno connessioni sono inseparabili. In particolare in campo economico e commerciale, gli Stati Uniti erano il secondo partner commerciale, la più grande destinazione dell’esportazione e la sesta fonte d’importazione della Cina nel 2018. Nel frattempo, mentre la guerra commerciale lanciata dagli Stati Uniti contro la Cina è ancora in corso, numerosi colloqui commerciali attendono le due parti.
Trump fu profondamente impantanato dalle accuse d’interferenza russa nelle elezioni nordamericane del 2016, quando assunse l’incarico. La politica nordamericana era carica di varie indagini e relazioni negli ultimi due anni e mezzo. Anche i cambiamenti del personale sono all’ordine del giorno. Come il consulente per la sicurezza nazionale. Robert O’Brien, il quarto ad assumere la posizione nell’amministrazione Trump. La guerra commerciale è intrinsecamente incerta. Ora la situazione peggiora. Con un’indagine formale sull’impeachment nei confronti di Trump, sarà ancora più difficile per Pechino valutare dove siano dirette le politiche di Washington e come la Cina dovrebbe rispondere.
Alcuni osservatori ritengono che Trump potrebbe essere più ansioso di concludere un accordo con la Cina nel tentativo di mutare la pressione interna. Anche se un tale impatto non si manifestasse immediatamente, l’incertezza in Cina sarà evidente. Oltre alla guerra commerciale, la situazione politica degli Stati Uniti può toccare molteplici aspetti. Ad esempio, Cina e Stati Uniti si assumono le responsabilità di importanti questioni internazionali, come la penisola coreana e del nucleare dell’Iran. Un caotico governo degli Stati Uniti potrebbe condurre discussioni efficaci su questi temi? Saprà garantire la coerenza delle sue politiche? Dovrebbe grandemente preoccupare Cina e mondo. Pechino non può dire del futuro della situazione politica di Washington, né interferirà negli affari interni di altri Paesi. Ma va ricordato agli Stati Uniti che il caos in politica ha portato a un calo della fiducia degli Stati Uniti in Cina e nel mondo. Se Washington continua a concentrarsi su lotte politiche piuttosto che a risolvere problemi pratici, se il caos politico diventa normale, perderà attenzione e fiducia del mondo.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente Russia e Algeria: decenni di amicizia e cooperazione militare e tecnica Successivo La FED di corsa inietta nel sistema finanziario 53 miliardi di dollari