La Cina trova l’alternativa al CPEC in Iran

Umer Jamshaid, Urdu Point 16 settembre 2019

La mossa per stabilizzare l’economia iraniana, aumentare influenza ed investimenti cinesi nell’intensificarsi della lotta tra Washington e Pechino, il Pakistan avrebbe potuto attirare ingenti investimenti cinesi.
Presidente del Pakistan Businessmen and Intellectuals Forum (PBIF), Presidente della All Karachi Industrial Alliance (AKIA), Vicepresidente senior del Businessmen Panel di FPCCI ed ex ministro provinciale, Mian Zahid Hussain aveva dichiarato che la Cina ha deciso d’investire 410 miliardi di dollari in diversi settori dell’economia iraniana.
Le ripercussioni della decisione cinese d’investire in energia, infrastrutture e produzione si faranno sentire a livello globale e aumenteranno le tensioni tra Washington e Pechino. La mossa garantirà l’economia cinese e rafforzerà l’economia iraniana, aumentandone l’influenza a livello regionale e globale ed intensificherà l’insicurezza tra le nazioni arabe.
Parlando con la comunità imprenditoriale, il veterano dirigente d’azienda affermava che la Cina era a disagio per i lenti progressi del CPEC e l’atteggiamento freddo del nostro governo compiacendo il FMI e che l’ha spinta a cercare alternative. Inoltre, la Cina dipende dagli approvvigionamenti energetici dei Paesi considerati parte del blocco statunitense che costituisce una minaccia alla sua sicurezza. Aveva detto che l’equazione del potere in Medio Oriente cambierà e l’Iran effettivamente svolgerà il suo ruolo tra vari Paesi, come Pakistan, Yemen, Iraq, Siria, Libano e Afghanistan.
L’ex-ministro osservava che gli investimenti in Iran furono considerati un’alternativa al CPEC e Pechino ritiene che saranno immuni dall’influenza nordamericana, indiana e araba. E affermava che stretti legami possono stabilizzare l’economia iraniana in quanto la Cina può acquistarne tutta la produzione di petrolio e gas anche se raddoppiasse, e potendo anche creare un nuovo gasdotto. La leadership cinese può anche creare una base navale nel porto iraniano di Chahbahar su cui l’India ha investito molto, osservava, e affermava che il Pakistan avrebbe potuto attirare gli investimenti evitando l’atteggiamento freddo e continuando relazioni cordiali coll’importante vicino.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente ARAMCO bombardata da droni Successivo La Russia è pronta a costruire una nuova portaerei

Lascia un commento