Crea sito

Come Russia e Cina disarmeranno gli Stati Uniti

Paul Antonopoulos, FRN 26 luglio 2019

La Cina pubblicava il Libro bianco sulla difesa nazionale, sottolineando il ruolo di Mosca come partner strategico di Pechino. Diversi esperti ritengono che l’alleanza politico-militare dei due Paesi avrà la guida non solo nella regione dell’Asia-Pacifico, ma di altre regioni del pianeta. Il Libro bianco pubblicato dal Consiglio di Stato cinese rappresenta la strategia del gigante asiatico per i prossimi anni. Un ruolo speciale è assegnato alla Russia. Gli eventi che accompagnano la pubblicazione del Libro bianco confermano che la cooperazione militare tra Pechino e Mosca ottiene slancio. Il portavoce del Ministero della Difesa cinese Wu Qian affermava che le forze armate dei due Paesi continuano a rafforzare la cooperazione e continueranno a migliorare le relazioni militari. Il Primo Ministro Dimitri Medvedev, a sua volta, firmava un decreto per colloqui su un nuovo accordo di cooperazione militare tra i due Paesi. Inoltre, il 23 luglio, Russia e Cina effettuavano il primo pattugliamento aereo congiunta nella regione dell’Asia-Pacifico. Lo stesso giorno, carri armati cinesi sono arrivavano nella regione di Mosca per partecipare ai Giochi militari internazionali. Allo stesso tempo, Mosca riforniva la Cina del secondo reggimento di sistemi antiaerei S-400. Il cacciatorpediniere Xian della Marina cinese arrivava a San Pietroburgo il 24 luglio per partecipare alla parata navale.

Garanzie di pace e stabilità nel mondo
Gli esperti hanno fiduciosi che la cooperazione militare tra Mosca e Pechino sia una garanzia che i Paesi della NATO guidati dagli Stati Uniti non scateneranno grandi conflitti militari. “Sono convinto che solo tre Paesi possano condurre guerre moderne: Stati Uniti, Russia e Cina. Stipulando un accordo militare, due di questi tre Paesi privano gli Stati Uniti del dominio tecnico-militare”, dichiarava Franz Klintsevich, membro del comitato del Comitato di difesa e sicurezza del Consiglio della Federazione Russa. Russia e Cina dovrebbero aumentare presenza e influenza non solo nella regione dell’Asia-Pacifico, ma anche in altre regioni del pianeta, affermava Andrei Kortunov, direttore generale del Consiglio per gli affari internazionali russo. “Mosca e Pechino dovrebbero anticipare le proposte di Washington sui pattugliamenti internazionali dello Stretto di Hormuz, in modo che non solo le navi statunitensi controllino la libertà di navigazione, ma anche quelle dei nostri Paesi”, affermava Kortunov sottolineando l’atteggiamento favorevole di alcuni Paesi del Golfo Persico.

Stretta cooperazione militare-politica
Secondo Aleksej Maslov, direttore del China Center for Strategic Studies presso la RUDN University, consultato dal quotidiano Vzglyad, il Libro bianco evidenzia chiaramente la posizione amichevole della Cina nei confronti della Russia nella politica militare. “Anche quando i nostri Paesi collaborano avendo già eseguito cinque esercitazioni militari, alcun documento strategico dalla Cina registrava questa cooperazione. Ora l’hanno fatto ed è ovvio che Russia e Cina passano a un’alleanza, anche se non formalizzata, che sarà presente nella strategia cinese”, affermava Maslov.

Traduzione di Alessandro Lattanzio