La nuova portaerei cinese Tipo 002 da 85000 tonnellate

Military Watch, 13 maggio 2019

Gli analisti a lungo ipotizzano la natura della terza portaerei che sarà costruita per la Marina dell’Esercito di Liberazione Popolare Cinese (PLA), una delle quattro piattaforme che l’arma dovrebbe schierare entro la metà del 2020, insieme a tre portaelicotteri Tipo 075 che sarebbero destinato a trasportare aerei da caccia specializzati ad ala fissa con capacità di atterraggio verticale. La Portaerei Tipo 002 seguirà il Liaoning, Tipo 001, entrata in servizio nel 2012, e la portaerei Tipo 001A ancora senza nome attualmente sottoposta a prove in mare. A differenza dei predecessori, entrambi derivati dal progetto della classe Kuznetsov sovietica integranti sistemi di decollo Sky Jump, la nuova nave da guerra dovrebbe essere dotata con un sistema di lancio a catapulta. L’annuncio del PLA sullo sviluppo riuscito di un sistema di lancio elettromagnetico (EMALS) e i ripetuti test su tali sistemi a terra osservati da un lustro, utilizzando ciò che appaiono essere caccia J-15 Flying Shark modificati per la compatibilità col sistema, ne rende l’integrazione nella Tipo 002 assai probabile. L’integrazione del sistema di lancio elettromagnetico fu confermata dal Contrammiraglio Yin Zhuo nel 2017, anche se le sue affermazioni furono messe in discussione da molti analisti occidentali che sostenevano che tale sistema di lancio sarebbe andava oltre le capacità del PLA per la sua raffinatezza. Mentre la maggior parte dei progetti di portaerei è privo di sistemi di lancio a catapulta a causa dei costi considerevoli, delle tre classi in servizio che utilizzano le catapulte, solo una integra l’EMALS, la statunitense Gerald Ford, con le altre due che utilizzano sistemi a vapore molto più economici e meno complessi. Il sistema offre considerevoli vantaggi ai velivoli della portaerei, oltre ad occupare meno spazio sulle navi consentendo agli aerei di decollare con un carico utile maggiore e più carburante. Ciò fornisce ai caccia imbarcati un considerevole vantaggio rispetto a quelli schierati dalle portaerei con catapulte a vapore o senza catapulte.
Una valutazione delle immagini satellitari riprese nel maggio 2019 dal famoso think tank di Washington DC Centro per gli studi strategici e internazionali, confermava che la Tipo 002 sarà una nave da guerra integrando un sistema di lancio a catapulta, il primo del genere ad entrare in servizio al di fuori del blocco occidentale. Le immagini mostravano la costruzione della nave nel Cantiere Jiangnan di Shanghai, dove furono costruite le più grandi navi da guerra del Paese, tra cui i cacciatorpediniere Tipo 052D e Tipo 055. L’adozione della Tipo 002 contribuirà notevolmente a fornire alla Marina del PLA parità qualitativa cogli Stati Uniti e capacità notevolmente superiori a quelle di tutte le altre potenze. Si stima inoltre che la nave da guerra abbia un dislocamento da 85000 tonnellate significativamente maggiore rispetto ai predecessori, col Tipo 001 che disloca appena 55000 tonnellate senza il carico di armi e gli aeromobili e 70000 tonnellate a pieno carico. Dato che la Cina in precedenza guardò al programma della classe Kuznetsov, interrotto prematuramente, per ispirare il progetto della Tipo 001, rimane una considerevole possibilità che la Tipo 002 sia derivata dalla piattaforma sovietica della Classe Uljanovsk. La primo di queste portaerei sovietiche fu impostata, ma non fu mai completata a causa del crollo dello Stato; integrava anche un sistema di lancio a catapulte con un dislocamento di 80000-85000 tonnellate. Accanto all’integrazione dell’EMALS, la Tipo 002 dovrebbe mantenere un certo numero di vantaggi rispetto ai predecessori, tra cui un più grande complemento di caccia, maggiore autonomia, armamento più pesante, sensori più potenti ed elettronica superiore. Fu ampiamente ipotizzato che una seconda classe di caccia potrebbe essere schierato dalla portaerei insieme al caccia da superiorità aerea J-15 Flying Shark, piattaforma più leggera che integra capacità stealth principalmente assegnata al ruolo d’attacco. Questo va ancora confermato, ma una versione dello Shenyang J-31 adattata al dispiegamento su portaerei fu presa in considerazione. Il progetto J-15 integrerà una serie di aggiornamenti per l’implementazione sulla classe Tipo 002, portandone le prestazioni allo standard “4.ta++ generazione”. Accanto alle modifiche da implementare col sistema EMALS, i caccia dovrebbero integrare un radar AESA e motori a spinta vettoriale tridimensionali, una struttura modificata che usi maggiormente compositi e la compatibilità coi missili più recenti come PL-15 e YJ-12 per le missioni aria-aria e anti-nave, tra gli altri miglioramenti. Una versione del J-15 specializzata nella guerra elettronica, nota come J-15D, dovrebbe anche essere schierata per fornire ai gruppi d’attacco cinesi un analogo al nordamericano E/A-18G, anche se molto più veloce, dall’autonomia e tangenza maggiori. Si prevede inoltre che la portaerei schiererà aeromobili per il controllo aereo in volo KJ-600, fornendo un analogo diretto al Grumman E-2 Hawkeye dell’US Navy. La Tipo 002 probabilmente sarà la prima di molte superportaerei schierate dal PLA, sebbene possa essere l’unico della sua classe mentre la Marina indica piani per le navi Tipo 003m piattaforme più pesanti con dislocamento previsto di oltre 100000 tonnellate e possibilmente sistemi di propulsione nucleare. Le portaerei saranno scortate da una nuova generazione di cacciatorpediniere cinesi, vale a dire i Tipo 052D e Tipo 055, dalla capacità di difesa aerea multistrato e antiaerea e antinave estrema per garantire la sicurezza delle navi ammiraglie.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente Le Repubbliche del Donbas hanno 5 anni! Successivo La Cina aggiunge 2 cacciatorpediniere Tipo 052D alla sua flotta

Lascia un commento