Nina Sokolova: la sommozzatrice che apri la “via della vita” nella Leningrado assediata

Libetégérie 20 aprile 2019

Nina Sokolova fu la prima donna sommozzatore della storia, ma questo non è il suo unico merito. Fu lei a suggerire ai leader di Leningrado, assediati dai tedeschi, di costruire un oleodotto sul fondo del lago Ladoga attraverso cui la città avrebbe ricevuto il prezioso combustibile durante il blocco.

Prima sommozzatrice
Dopo la scuola, Nina Sokolova entrò nell’Istituto di trasporti idrici di Leningrado. Dopo essersi diplomata, entrò in una brigata speciale per lavori subacquei e costruendo il porto di Sochi al momento. La ragazza era coraggiosa e fu mandata a Leningrado per corsi di aggiornamento, dove incontrò una compagnia di sommozzatori. La commissione esaminatrice fu sorpresa dalla profonda conoscenza della ragazza e il Contrammiraglio Krylov firmò un documento che l’autorizzava a immersioni fino a 10 metri. Il certificato richiedeva la sanzione del Presidente del Consiglio Supremo Kalinin.

Via militare
Durante la guerra d’inverno del 1939, Nina Vasilievna partecipò alla costruzione di piattaforme anfibie nelle dure condizioni del Mare di Barents. In un turni, quasi annegò, cadendo sotto il ghiaccio. Dopo l’attacco di Hitler all’Unione Sovietica, Sokolov fu nominata ingegnere di un distaccamento speciale incaricato di ripristinare le comunicazioni sottomarine del lago Ladoga, distrutte dagli aerei tedeschi. All’inizio dell’autunno 1941, durante uno sbarco, le truppe sovietiche occuparono un territorio largo 2 km sulla sponda opposta della Neva, bombardato dai nazisti. Il gruppo di supporto di Sokolova costruì un passaggio sul fondo del fiume per rimorchiare serbatoi d’acqua, proiettili d’artiglieria e attrezzature. Nina Vasilievna condusse operazioni di salvataggio nel Mar Baltico. Spesso era necessario operare sotto il fuoco nemico. Il lavoro era complicato dalle tempeste autunnali del Baltico. Pur immergendosi ogni giorno prendeva 300 grammi di pane al giorno. Molti furono feriti dall’esplosione di bombe tedesche. Durante la guerra, il gruppo Sokolova recuperò 4000 sacchi di grano, mandati nella città affamata.

Carburante sul fondo del lago
Nell’autunno del 1941, i sommozzatori iniziarono a posare cavi telefonici sul fondo del lago Ladoga, collegando al “continente”. Dopo diversi tentativi infruttuosi, l’attività si concluse il 30 ottobre. Durante il lavoro, Sokolova si chiese se si poteva posare un gasdotto sul fondo. In precedenza, il carburante veniva consegnato a Leningrado su chiatta. Il problema principale era la bassa capacità di carico. Nina Vasilievna suggerì l’idea a Ivan Zubkov, comandante dei genieri militare, che chiese il permesso alla Commissione della Difesa. Nella primavera 1942, un gruppo di palombari ed operatori speciali fece una ricognizione sul fondo del lago Ladoga. La costruzione iniziò dal faro Osinovetskij, dove vi era grande foresta sulla riva, in cui si nascosero centinaia di operai, trasportatori, mezzi di trasporto e oleodotto. A costi incredibili, il gasdotto segreto con stazioni di pompe e serbatoi di carburante si distese in sole sei settimane. In alcuni punti, i tubi furono posati a una profondità di 35 metri e, grazie ad un abile travestimento, i tedeschi non ne seppero nulla. L’audace idea di Nina Sokolova portò carburante alla città aiutando a difendere Leningrado e salvare migliaia di cittadini. Durante la guerra, oltre 45000 tonnellate di carburante furono trasportate attraverso il gasdotto. Contemporaneamente all’installazione di tubi, Nina Sokolova partecipò alla posa di cavi elettricità lungo il fondo del lago Volkhovskaja. Durante questo lavoro, la ragazza fu gravemente ferita. Dopo le cure, partecipò alla rimozione delle mine sottomarine e detriti. Dopo la fine del blocco di Leningrado, Nina Vasilievna ricevette il grado di colonnello-ingegnere, e in servizio trascorse circa 650 ore sott’acqua. Dopo la guerra, Sokolova si dedicò all’insegnamento sulla sua esperienza.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente Come i pionieri sovietici combatterono nella Grande Guerra Patriottica Successivo Tehran risponde