Le portaerei USA nel Mediterraneo sono preda dei missili russi

Valentin Vasilescu, Reseau International 30 aprile 2019

Due portaerei nordamericane della classe Nimitz (Abraham Lincoln e John C. Stennis), con 130 aerei da combattimento e gruppi di supporto navale partecipavano alle esercitazioni nel Mar Mediterraneo con navi militari spagnole e danesi che manovravano a fianco degli statunitensi. L’ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca John Huntsman aveva detto alla CNN che: ciascuno degli attuali contingenti del Mediterraneo trasporta 100000 tonnellate di diplomazia internazionale. L’ammiraglio James Foggo, comandante della Marina degli Stati Uniti in Europa, sosteneva che la presenza militare statunitense nella regione era necessaria per contrastare le azioni aggressive della Russia, riferendosi alla violazione delle acque territoriali russe nello stretto di Kerch, con conseguente cattura di tre navi da guerra ucraine. In altre parole, la Russia non ha nulla da fare in acque internazionali, interamente controllate dagli Stati Uniti attraverso la NATO e altre alleanze non dichiarate.
La Russia può rispondere a tali sfide usando le nuove armi ipersoniche nel Mediterraneo. Data la portata superiore a quella di qualsiasi missile antinave degli Stati Uniti e un’enorme velocità, i missili ipersonici della Russia possono distruggere il mito dell’invincibilità delle portaerei statunitensi. La Russia ha uno squadrone di 10 MiG-31K armato con missili Kh-47M2 Kinzhal. In confronto, la US Navy usa il missile ant-nave Harpoon dalla velocità di crociera di 864 km/h e una gittata di 278 km. Si supponga per esempio che quattro MiG-31 russi siano posizionati in Siria e lanciano missili Kinzhal verso la regione mediterranea a nord di Tripoli-Libia e a sud di Malta. I gruppi navali devono passarvi per raggiungere il Mar Egeo, e il Mar Nero. Il missile Kinzhal ha una gittata di 2000 km e un probabile raggio d’errore di 2-6 m, mentre i ponti delle portaerei statunitense sono di 332×78 m. Il Kinzhal ha una velocità di 12250 km/h e una quota di crociera di 40-50000 m. I missili antiaerei del sistema navale RIM-67 SM-2ER hanno una quota massima di 25000 m e una velocità massima di 4280 km/h.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente Il valzer dei satelliti russi sul Venezuela scaccia lo spettro della guerra Successivo Lettura politica del golpe fallito

Un commento su “Le portaerei USA nel Mediterraneo sono preda dei missili russi

  1. Luca il said:

    Semplicemente non c’è storia. Game over.

    Miliardi per attrezzare portaerei e strutture gigantesche possono essere polverizzate in pochi secondi da missili tecnologici che costano molto meno…… ma molto meno!!

    Gli americani (parlo dei governanti e non del popolo) farebbero meglio a mettere le loro risorse per appianare il loro debito stellare invece di costruire navi e missili e cominciare a e smantellare le loro 800 basi in giro per il mondo che sono solo un costo per i loro contribuenti.

    A breve il dollaro non sarà più valuta primaria di riserva ma una delle tante e una enorme quantità di dollari tornerà al suo legittimo proprietario ovvero il governo usa deprezzando anche del 50% la moneta, che in soldoni significa fine dei sogni imperiali e tornare a lavorare seriamente

I commenti sono chiusi.