Perché il nuovo T-90M russo vale 2 Abrams statunitensi

Sergej Suvorov, FRN, 4 marzo 2019

Il nuovo carro armato dell’esercito russo T-90M è 2-3 volte più efficiente delle controparti straniere per efficienza/costo”. Il Ministero della Difesa della Federazione Russa prevede di adottare il carro armato T-90M quest’anno e ha già ordinato il primo lotto di questi mezzi. Il sito del canale televisivo “Zvezda” spiega cos’è questa macchina e perché è superiore agli analoghi stranieri.

Aggiornato o nuovo?
Il carro armato T-90M è un mezzo nuovo, sebbene ovunque sia presentato come modernizzazione del T-90. A differenza dei predecessori carri armati T-90 e T-90A, il T-90M ha molti più cambiamenti di quanti ce ne fossero tra T-72B e T-90. Così, per esempio, sul carro armato “modernizzato”, con nuovo scafo e torretta, nuovo cannone, equipaggiamento elettronico speciale utilizzano una nuova base dall’ergonomia radicalmente migliorata. L’equipaggio del T-90M può ora vantare comode sedili, ampio spazio di lavoro, aria condizionata personalizzata, ecc. Nessuno dei carri armati di fabbricazione occidentale si avvicina a tale comfort. A questo proposito, l’estrema modernizzazione della serie degli anni ’90 potrebbe facilmente avere un nome di serie diverso.

Affermazione dell’Ural Design Bureau
A tale riguardo, nel 2005, l’ufficio di progettazione Ural avviò, di propria iniziativa, lo sviluppo del programma di ammodernamento del nuovo carro armato. Il ROC “Proryv-2” che definì lo sviluppo di un “modulo da combattimento unificato”. Dopo che i militari s’interessarono al lavoro ed ebbero incarichi tecnici nella progettazione e sviluppo, il lavoro iniziò a provvedere la modernizzazione del veicolo, completato nel settembre 2011 fu presentato nella parata a Starant col nome di “T-90S Modernizzato”. Tuttavia, i lavori per la modernizzazione del carro armato continuarono, ma già nel quadro del nuovo ROC “Proryv-3”. L’obiettivo principale era garantirsi la superiorità qualitativa sui carri armati esteri delle ultime versioni: Abrams M1A2SEP (USA), Leopard 2A7 “(Germania), Leclerc S21 (Francia), K2 Black Panther (Corea del Sud) e altri. I lavori per la modernizzazione del carro armato T-90 erano volti a migliorare il sistema di controllo del tiro, le capacità di ricerca e osservazione e le prestazioni. Tuttavia, i progettisti poterono migliorare tutti i principali indicatori dell’efficacia in combattimento del carro armato: difesa, potenza di fuoco, mobilità e comandi. Allo stesso tempo, nello studio di progettazione furono sviluppati la piattaforma armata unificata “Armata” e il carro armato T-14 in particolare.

Cosa c’è di nuovo
1. Sicurezza. L’aumento del livello di sicurezza del carro armato T-90M fu raggiunto coll’introduzione di un’intera serie di misure di protezione. Tra cui l’installazione di moduli “Relic” di protezione dinamica universale (DZ) su scafo e torretta, nonché sugli schermi laterali. Le parti blindate inferiori della torretta, così come dei lati e la blindatura rinforzato sono coperti con schermi a graticcio. I scomparti abitativi del serbatoio sono coperti all’interno da rivestimento anti-shrapnel in tessuto a base di aramide. La nuova difesa frontale è in grado di resistere a qualsiasi munizione da carro armato moderna. Il DZ integrato del T-90M ha un design completamente modulare, che consente di sostituire prontamente i moduli con una scelta di diversi livelli di protezione, anche in base alle condizioni di utilizzo e alle attività eseguite. L’architettura razionale a bassa riflessione del serbatoio aggiornato, combinata con l’uso di una combinazione di materiali radioassorbenti, riduce la visibilità al radar del carro armato di molte volte rispetto alla linea di base. Al fine di aumentare la capacità di sopravvivenza, il posizionamento di carburante e munizioni è stato ottimizzato nello scafo e sono stati introdotti schermi per proteggere equipaggio, munizioni ed attrezzature dal danneggiamento dal flusso secondario dei frammenti, cose che non c’era nei precedenti T-72 e T-90. Inoltre, il T-90M è dotato di un nuovo sistema automatico di diffusione della cortina e del sistema di soppressione optoelettronica con campo operativo esteso.
2. Potenza di fuoco. La potenza di fuoco del T-90M è arricchita dall’adozione del nuovo cannone da 125 mm, del sistema di controllo di tiro altamente automatizzato (FCS), della mitragliatrice telecomandata e da munizioni di maggiore potenza e da un caricatore automatico. Il cannone ad anima liscia da 125 mm ha una precisione di tiro migliorata del 25-30% e maggiore capacità di sopravvivenza della canna. Solo il miglioramento della precisione del cannone ha permesso di aumentarne la gittata del 15%. Il sistema di controllo altamente automatizzato “Kalina” è radicalmente diverso da tutti quelli precedentemente utilizzati sui carri armati nazionali. Per la prima volta nei carri armati nazionali, il comandante del carro armato riceveva un sistema di sorveglianza esterno e visione panoramica accoppiato dall’OMS, con la possibilità di trasferire automaticamente la designazione del bersaglio dal comandante al cannoniere, garantendo l’attuazione della cosiddetta capacità caccia-carri.
3. Mobilità. All’elevata mobilità del mezzo provvede il nuovo diesel V-92S2F, in grado di sviluppare una potenza di 1130 CV. Per ridurre l’affaticamento del conducente durante marce e controllo sul campo di battaglia, viene utilizzato un sistema di cambio automatico. Per controllare il mezzo invece delle leve si usa il volante. Il carro armato T-90M è dotato di un telaio BIUS (Onboard Information Control System). Il CICS prevede la prevenzione di guasti e incidenti, nonché l’estensione della durata in servizio grazie alla diagnostica di tutti i sistemi e componenti, oltre a bloccare possibili azioni errate dell’operatore.
4. Gestibilità della squadra. Al fine di aumentare significativamente la controllabilità del comando del carro amato, il T-90M monta una serie di controlli d’interazione ed attrezzature del sistema di controllo automatizzato tattico. Attraverso il canale multiplex per lo scambio di informazioni, questa apparecchiatura, così come CICS ed OMS, sistema della cortina, identificazione “amico o nemico”, visione panoramica ed orientamento topografico, nonché il nuovo caricatore automatico, sono tutti collegati. Il complesso di apparecchiature da comunicazione installato nel T-90M offre comunicazioni radio a prova di disturbo con mascheramento tecnico e programma di risintonizzazione (“salto”) delle frequenze.

Un T-90 vale due “Abrams”
Mantenendo i tradizionali carri armati a sagoma bassa dalla massa massa ottimale ed elevata mobilità e velocità per superare gli ostacoli più difficili, il carro armato T-90M ha un moderno livello di protezione e sopravvivenza, una “scheda digitale” ad alte prestazioni, mirini multispettrali, computer ad alte prestazioni, sistemi di comunicazione digitali multifunzionali ed ergonomia migliorati. Uno degli indicatori più importanti delle caratteristiche dei moderni veicoli da combattimento di oggi è “l’efficienza/costo”. Il T-90M qui è 2-3 volte maggiore ai moderni carri armati stranieri. In altre parole, il T-90M ad un costo circa due volte inferiore a quello dell’Abrams M1A2SEP e ne supera l’efficacia in combattimento di una volta e mezza.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente L'Avangard della Russia è rivoluzionario Successivo Attenzione ai cavalli di Troia dei Rothschild