150 MiG-29 a Delhi; i militari indiani espandono la flotta di Fulcrum

Military Watch 14 febbraio 2019

L’Indian Air Force ha recentemente disposto un ordine per 21 caccia multiruolo medi MiG-29 per ampliare la propria flotta, in seguito a vari incidenti che hanno colpito numerosi aviogetti di origine inglese, francese e sovietica. L’arma attualmente dispone circa 70 caccia MiG-29, con la Marina che ne ha 45 MiG-29M navalizzati. Si prevede che la Marina Militare indiana effettuerà ulteriori ordini per caccia MiG-29M nel prossimo futuro da destinate sulla nuova portaerei INS Vikrant, in costruzione nei Cochin Shipyard del Kerala e destinata a schierare oltre due dozzine di caccia. Diverse figure influenti dell’esercito indiano da tempo sostengono l’acquisizione più ampia di caccia MiG-29 e loro versioni avanzate di nuova generazione MiG-35, apprezzati per la versatilità, affidabilità e bassi costi operativi, rendendoli senza dubbio la piattaforma ideale per assolvere un ruolo complementare ai caccia pesanti da superiorità aerea. Un contratto per la vendita di caccia MiG-35 è attualmente in fase di negoziato. I caccia MiG-29 che saranno acquisiti dall’India furono fabbricati per l’Aeronautica Sovietica negli anni ’80, ma non furono mai resi operativi a causa del crollo dell’URSS e della conseguente contrazione della flotta aerea russa. I caccia sono pronti per essere assemblati con aggiornamenti integrati allo standard MiG-29UPG, che forniranno funzionalità comparabili al MiG-29SMT di “Generazione 4+”. Ciò includerà nuovi sistemi di avionica e guerra elettronica, la sostituzione del radar N-109 col più potente Phazotron Zhuk-M e la capacità di dispiegare l’R-77 con raggio d’azione aria-aria oltre l’orizzonte. Mentre il MiG-29 è apprezzato per l’estrema manovrabilità, le capacità operative oltre l’orizzonte sono estremamente formidabili se aggiornate coll’R-77. Questo missile ha capacità analoghe all’AIM-120C prodotto negli Stati Uniti, e supera notevolmente la gittata di missili come il MICA utilizzata dai caccia medi Mirage 2000 di costruzione francese. Un ufficiale dell’Aeronautica Militare indiana coinvolto nell’acquisto di nuovi caccia MiG-29 dichiarava in merito all’acquisizione: “Questi caccia furono costruiti negli anni ’80 ma mai completati od impiegati. Il nostro team visitava la Russia il mese scorso trovando le cellule dei MiG-29 in buone condizioni”. La vita operativa di questi caccia sarà prolungate da 25 a 40 anni nell’ambito del potenziamento, il che significa che gli aerei continueranno a volare anche negli anni 2050 e forse oltre.
L’India ha una lunga storia operativa col MiG-29, avendo piazzato il suo primo ordine per i caccia nel 1980, cinque anni prima che entrassero in servizio nell’Aeronautica Militare Sovietica, divenendo il primo cliente dell’esportazione dei caccia nel 1985. Mentre l’acquisizione del velivolo sovietico avanzato era inizialmente visto come cruciale per prevalere sugli F-16 Fighting Falcons dell’Aeronautica pakistana, forniti dagli Stati Uniti e che si comportavano bene contro i vecchi aviogetti sovietici e afghani durante la guerra in Afghanistan in una serie di scontri al confine, il caccia da allora è stato assegnato al ruolo d’attacco integrandone le capacità aria-aria. La flotta di MiG-29 indiani avrà 150 caccia una volta che l’ordine sarà completato, ma ulteriori ordini per caccia MiG-29 e MiG-29M saranno probabili nel prossimo futuro, aumentando ulteriormente questa flotta. L’acquisizione dei caccia in ultima analisi molto probabilmente è il mezzo più efficace e meno complesso per espandere la flotta di caccia medi dell’Aeronautica Militare indiana, nel numero di squadroni previsti per la metà degli anni ’20.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente L'Iran accusa il Pakistan di terrorismo Successivo FANB: "Non ci riusciranno, dovranno passare sui nostri cadaveri"