La Russia crea armi mai viste

Paul Antonopoulos, FRN 13 febbraio 2019

La Techopolis dell’innovazione militare ad Anapa inizierà a lavorare alla creazione di armi basate su nuovi principi e sistemi fisici per l’individuazione di azioni sottomarine, dichiarava il Viceprimo Ministro russo Jurij Borisov, a capo dell’Industria della Difesa. Va notato che Tecnopolis si concentrerà su nuovi “segmenti promettenti”: piccoli velivoli, armi basate su nuovi principi fisici, piattaforme militari di geo-informazione, sistemi idroacustici per il rilevamento di oggetti sottomarini e sviluppo di tecnologie d’intelligenza artificiale per la difesa. Borisov visiterà Technopolis per partecipare a una conferenza sulla cooperazione tra Ministero della Difesa russo ed università e aziende della difesa coinvolte nella ricerca svolta dal centro delle innovazioni tecnologiche militari di Anapa, città sul Mar Nero. L’idea di creare centri militari per la ricerca scientifica fu proposta per la prima volta nel 2013 dal Ministro della Difesa Sergej Shojgu, che suggerì che inizialmente il tempo trascorso dai laureati in progetti di difesa poteva contare come servizio militare obbligatorio. Nel frattempo, il capo del Burevestnik Design Bureau Research Center, Georgij Zakamennykh, dichiarava che il modulo da combattimento russo AU-220M può essere integrato in tutti i veicoli, aeroplani e navi militari. L’AU-220M sarà presentato alla fiera IDEX-2019 di Abu Dhabi, dove quattro anni fa fu firmato un memorandum di partnership tra Russia ed Emirati Arabi Uniti sulla fornitura di moduli militari. “Attualmente, il Burevestnik Institute ha creato una base scientifica e tecnica che consente la creazione del sistema d’arma multiruolo da 57mm, basato sull’installazione di un modulo di combattimento unificato su mezzi, aerei e navi, su interesse delle forze terrestri, aeree, aerospaziale e navali russe”, dichirava Zakamennykh. Il rappresentante dell’istituto spiegava che il modulo da combattimento multiruolo aumenta la potenza di fuoco delle unità dei fucilieri motorizzati e amplierà le prospettive della Russia nella cooperazione dell’industria della Difesa con Paesi stranieri.
Il modulo AU-220M è costituito da una torre telecomandata dotata di un moderno cannone da 57mm con vari tipi di munizioni, anche guidate, e una mitragliatrice calibro 7,62 mm. Inoltre, il nuovo modulo dispone di sofisticati sistemi di stabilizzazione e puntamento, che consentono di effettuare tiro ad alta precisione in tutte le condizioni meteorologiche, di notte o in mare.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente Yemen: gli USA armano al-Qaida Successivo La Nazione Profonda della Russia