Golpe in Venezuela e capitale finanziario: avvoltoi e spartizione del bottino

Simón Andrés Zúñiga, CLAE 01/02/2019

Appena due giorni dopo il colpo di Stato del 23 gennaio, una delle più note agenzie di rating di rischio, Standard&Poor, pubblicava in un rapporto le possibili misure economiche che verranno prese dall’autoproclamato “presidente ad interim” Juan Guaidó (1). Come previsto, dopo questo colpo di Stato (in corso), una delle prime misure è la modifica della legge sugli idrocarburi, per consentire maggiore controllo estero del settore petrolifero. All’unisono, l’economista venezuelano Francisco Rodríguez, raccomandava, sul social network, cosa dovrebbe fare il “presidente provvisorio” per prendere il controllo della società CITGO, proprietà dello Stato venezuelano. Rodriguez sottolineava: “Il nuovo governo deve procedere ad informare le corti statunitensi della nomina di nuovi rappresentanti legali per difendere gli interessi della nazione e proteggere i beni dal bottino che i rappresentanti di Nicolás Maduro sicuramente cercheranno di fare” (2). Poi, prima del fine settimana, l’ingegnere venezuelano Ricardo Hausman scriveva nel suo account Twitter: “Il presidente Guaidó ha un piano economico per avviare la ripresa del Venezuela (…)” (3). Cioè, Hausman annuncia che Guaidó ha un piano economico per iniziare la ripresa del Venezuela. Il professore di Harvard, all’inizio del 2018, aveva già avanzato lo scenario che ora viene attuato. A quel tempo, scrisse un articolo in cui giustificava intervento militare e un’operazione di salvataggio (economica) di Stati Uniti e alcuni Paesi dell’America Latina (4). È impressionante come un anno prima dettagliasse la sceneggiatura statunitense viene ora letta (ed interpretata) da Bolton e Guaidó. Non è molto difficile immaginare chi abbia partecipato all’elaborazione di tale pacchetto economico, e probabilmente la risposta porterà alcuni personaggi che vi hanno partecipato con entusiasmo all’elaborazione del piano economico che il golpista Pedro Carmona Estanga aveva a disposizione nell’aprile 2002. I golpe di destra, come dimostrato in Cile nel 1973, richiedono un “mattone” (come fu chiamato in quel momento il programma economico di Pinochet) preparato da squadre di economisti, dove dovrebbero risaltare chi sia nato nei Paesi in cui gli Stati Uniti pianificano i colpi di Stato. In questo caso, è assai probabile che tra tali autori del Piano economico del golpista Carmona (11 aprile 2002), fu un amico e allievo di Ricardo Hausman, l’economista Francisco Rodríguez. A dimostrazione dell’allineamento di tali portavoce della strategia imperialista, il governo degli Stati Uniti annunciava il sequestro delle attività estere di PDVSA e l’assegnazione dei conti bancari a favore dell’usurpatore Guaidó. Oltre 7 miliardi di dollari venivano confiscati illegalmente in beni PDVSA e circa 12 miliardi in esportazioni di greggio. In cambio, Mike Pompeo annunciava che a Guaidó sarebbero stati dati 20 milioni di dollari apparentemente destinati all’aiuto umanitario. A dire il vero, il piano di Hausman era coordinato col piano imperiale, dato che dichiarò nell’agosto 2018 che il salvataggio dell’economia venezuelana deve contemplare un finanziamento di circa 80 miliardi di dollari per i prossimi due anni, circa 20 miliardi in donazioni multilaterali (Banca mondiale, Nazioni Unite, Banca interamericana di sviluppo) e circa 60 miliardi dal Fondo monetario internazionale (5). L’intervento militare e il debito estero sono due meccanismi di invasione e consolidamento del dominio imperialista, mortali per i popoli in cui avanzano.

Petrolio come oggetto del confronto
La politica petrolifera di Chavez, contenuta nella legge sugli idrocarburi, è stata una delle principali e più importanti riforme nazionaliste e di sviluppo che hanno avuto luogo durante la prima fase del governo di Hugo Chavez. Era la principale e più fondamentale, perché fronteggiò il nucleo del modello di accumulazione del capitalismo venezuelano dipendente: presa e distribuzione delle grandi entrate petrolifere. Alcuni mesi dopo il primo governo di Hugo Chávez, i settori conservatori reagirono a tale audacia del processo bolivariano. Lo stesso atteggiamento assunsero le classi sociali che dipendevano dal latifondo contro la legge sulla terra (un’altra delle riforme fondamentali). I tentativi di rovesciare Chavez furono motivati dalle passioni scatenate nei principali interessati: i capitalisti nazionali (o locali) e il capitale transnazionale e i suoi Stati imperialisti. Non possiamo analizzare la trama politica che accompagna l’avanzata del Chavismo senza considerare la particolare lotta di classe che caratterizza questa economia capitalista dipendente e petrolifera. Alí Rodríguez Araque ha sempre sottolineato che la principale contraddizione capitale-lavoro, nel nostro caso e nel nostro tempo, era influenzata dalla contraddizione capitale-terra (risorse naturali) per evidenziare, in questo modo, la particolarità del nostro capitalismo dipendente, sul cui accumulo capitalista hanno grande influenza le entrate petrolifere. Uno dei modi per generare un processo di distribuzione sociale del reddito tra i settori popolari e produttivi nazionali, aveva come premessa principale il controllo della fonte di generazione e acquisizione del reddito, cioè: il controllo della compagnia petrolifera di Stato PDVSA. All’inizio del governo di Chávez, la compagnia petrolifera statale era risultato della nazionalizzazione che portò all’esistenza di uno Stato nello Stato, poiché PDVSA assunse la figura di “corporation mondiale” (definita dalla propria direzione), dove una casta sociopolitica si allineò agli interessi del capitale transnazionale e alla politica energetica degli Stati imperialisti. Era, quindi comprensibile la partecipazione del top management corporativista di tale PDVSA, nella strategia insurrezionale della destra nel colpo di Stato contro il governo nazionalista-popolare di Hugo Chávez (eletto secondo le regole elettorali della democrazia borghese). Tale azione si concluse con la sconfitta disastrosa dei promotori del cosiddetto “sciopero” petrolifero. In conclusione: la presa del potere reale concentrata nella PDVSA, da parte del governo bolivariano di Hugo Chávez, fu realizzata nel 2003; l’azione insurrezionale che coinvolse il sabotaggio dell’industria petrolifera trovò una correlazione di forze assai favorevoli a Chavez, con un’intensa mobilitazione popolare e la pulizia dei comandi militari. Il nazionalismo promosso da Chavez, l’unità civile-militare e l’alto livello di consapevolezza dei settori popolari, ruppe la strategia di un’élite la cui cultura disprezzava i lavoratori. Più di una volta, la strategia del diritto di opposizione (obbedendo alle istruzioni dirette dal Nord) fu, in pratica, uno dei migliori alleati dell’avanzata del Chavismo. Il governo di Chávez prese il controllo dello Stato parallelo e autonomo istituito nel PDVSA dalla sua nazionalizzazione, e quindi poteva intraprendere un processo di distribuzione del reddito petrolifero tra settori sociali svantaggiati e cercare di finanziare lo sviluppo di un modello economico che presentava come alternativo.

Avvoltoi e squali
La discussione sul successivo uso corretto di quel surplus di petrolio sotto controllo governativo e la sua fuga verso conti esteri, è un dibattito in sospeso nel bilancio della storia dei governi di Chavez. Tuttavia, di questa opportunità, ciò che interessa risaltare sono gli attori dietro il bottino che viene messo all’asta, in questo momento, tra le potenze imperiali. Tale bottino è la Repubblica Bolivariana del Venezuela, non solo le sue risorse naturali ma anche la sua istituzione politica, cioè la sua esistenza come nazione sovrana e indipendente. In questa pignata, il ruolo dei rappresentanti del capitale finanziario è definitivo, anche se non è così evidente. Naturalmente, altre componenti del capitale transnazionale partecipano al saccheggio imperialista, ad esempio i cartelli energetici e il complesso industriale militare statunitense ed europeo. Il capitale finanziario può essere classificato come capitale finanziario transnazionale e capitale finanziario (nazionale) locale. L’agenzia di rating Standard&Poor (S&P), da oltre 23 anni mantiene una valutazione del rischio del Paese assolutamente parziale (sfavorevole) politicamente. Da quando nacque il governo Chavez, per gli analisti finanziari e la loro oscura metodologia di valutazione del rischio del paese, il vero obiettivo era squalificare politicamente un’esperienza che andava contro gli interessi del capitale mondiale. Allo stesso tempo, le agenzie di rating approfittavano delle informazioni ottenute dalle statistiche ufficiali, per utilizzarle nella speculazione finanziaria. Naturalmente, dietro S&P e altre agenzie di valutazione del rischio vi sono le grandi banche di investimento, i rappresentanti di quel capitale finanziario globale che ha dominato, dalla metà degli anni ’70, la logica dell’accumulazione planetaria. Francisco Rodríguez, non molto tempo fa rappresentante della Bank of America in America Latina, e Ricardo Hausman sono le facce intellettuali degli interessi del capitale finanziario internazionale e delle Istituzioni Internazionali Finanziarie (IFI) i cui principali esponenti sono Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale. Nel territorio nazionale, la banca locale era l’ultima custode e rapinatrice della rendita petrolifera, consentendone il massiccio trasferimento all’estero. I gruppi finanziari nazionali come Banesco e Banco Occidental de Descuento (BOD), e transnazionali come BBVA, hanno avuto un’espansione esponenziale basata su amministrazione e concentrazione delle entrate petrolifere, facilitando il loro volo all’estero. Banesco continuava a superare i giganti bancari della Spagna acquisendo banche in quel territorio periferico dell’Unione europea, mentre BOD si concentrava sul consolidamento di un monopolio bancario, rafforzando nel contempo l’influenza sulle principali decisioni finanziarie del governo, in particolare nella politica di cambio in cui diresse gli sforzi dello smantellamento del controllo dei cambi. SITME ieri e oggi Interbanex, sono proposte di cambio che non lasciavano le istituzioni governative responsabili delle politiche finanziarie e monetarie, ma i nuclei consultivi del private banking. E i banchieri non avevano bisogno di essere alla presidenza della Banca Centrale o del Ministero delle Finanze come nella IV Repubblica. Col potere che hanno concentrato, la rapina dell’economia venezuelana insieme alla vocazione imprenditoriale di certi alti funzionari governativi e la mediocrità nella gestione della politica economica, potrebbero e possono influenzare la politica economica. Il governo Chavez ottenne il controllo sull’amministrazione della rendita petrolifera nella presa e distribuzione primaria (PDVSA e controllo del cambio), ma non stabilì meccanismi per evitare il massiccio flusso di essa verso l’estero e l’uso efficiente per la trasformazione strutturale. Il governo ha la mucca ma gran parte del latte finisce nelle mani della borghesia locale che l’usa per esportarla nel sistema finanziario internazionale. La fuga di capitali e lo smantellamento del controllo dei cambi (altamente inefficiente e corrotto), riuscì a convincere lo Stato venezuelano a perdere il controllo sulla destinazione finale della rendita del petrolio e permise al capitale finanziario nazionale e internazionale di deciderne la politica di cambio, fino al punto di stabilirne il tasso. Allo stesso tempo, il capitale finanziario internazionale adattava una sua strategia di rapina dell’economia venezuelana: i concessionari della banca internazionale riuscirono a vendere a PDVSA (comandata da Rafael Ramirez), Ministero delle Finanze e Banca Centrale uno strumento finanziario che, nelle sue varie varianti, consisteva nell’emissione di obbligazioni denominate in dollari e che potevano essere acquistate in bolivar. Tale strumento e l’emissione incontrollata di vaglia cambiari per finanziare la PDVSA divennero una delle corde (se non la principale) che legava il collo alla “bella rivoluzione”. Questo meccanismo divenne il viadotto che consentiva la rapida e sostanziale fuga di capitali con protagonista principalmente cogli Amos del Valle contemporaneo (potenza effettiva concentrata a Caracas). Non è l’unico meccanismo di fuga, ma il più legittimo e sfacciato. Il colpo di Stato in corso è il coronamento di una strategia che si chiude con la distribuzione del bottino dei beni della PVDSA e altre ricchezze dello Stato nazionale. Il successo dell’attuazione del governo di transizione e l’imposizione di un governo alleato consentiranno l’attuazione di un programma economico che implichi il massiccio indebitamento. Il debito estero generato da un probabile governo di destra sarà responsabile della protezione delle catene di dipendenza e controllo delle risorse naturali.

Non solo petrolio e risorse naturali sono la causa delle interferenze imperialiste
D’altra parte, ripetere che “ciò che è dietro al colpo è solo il petrolio” (e altre ricchezze naturali) non può essere che una verità ovvia che con una terribile omissione. L’analisi del caso venezuelano e dell’attuale rancore interventista dell’imperialismo nordamericano ed europeo non dovrebbe essere ridotta alla necessità geostrategica di controllare i giacimenti petroliferi. È importante riconoscere che la battaglia combattuta in Venezuela è anche di confronto e contenimento di paradigmi contrari allo status quo imposto dal sistema di dominio del capitale mondiale. L’attuale battaglia in Venezuela è anche uno scontro geopolitico globale. Il Venezuela (grazie alla particolare capacità di Chavez di intrecciare alleanze internazionali) è un territorio della nuova guerra fredda. Quello che succede in Venezuela passa non solo da Washington, ma anche da Beijín e Mosca. Questa analisi, che tocca solo uno dei fattori strutturali dell’economia venezuelana, mira a trascendere le analisi macroeconomiche positiviste e neoclassiche che predominano nelle forze filo-imperialiste e nelle forze che si riuniscono nel polo sinistro dello spettro politico venezuelano (6), rimanendo in superficie, accusando gli uni il governo e altri il blocco economico. Omettono sia il protagonismo degli attori, classi o poteri di fatto che determinano le tendenze nella fucina della lotta di classe, così come le caratteristiche strutturali del capitalismo venezuelano. Non dovrebbe esserci un’analisi limitata alla diagnosi, ma una che dovrebbe consentire di fornire indicazioni per la costruzione di una strategia di politica economica di mutamento. In questi percorsi o temi possiamo evidenziare il peso del debito estero, il controllo del capitale, il controllo del cambio, la disciplina del private banking (regolamentazione o nazionalizzazione?) e la necessità di riprendere la politica petrolifera originale (non quello deviata dalla gestione di Rafael Ramírez). Allo stesso tempo, assumere una stabilizzazione inflazionistica non regressiva o recessiva. Elementi che analizzeremo in seguito e che dovrebbero far parte dell’agenda delle forze del cambiamento radicale.

Note
[1] Vedi, SP Global
[2] Vedi, Twitter
[3] Vedi, Twitter
[4] Project syndicate
[5] El Pais
[6] È interessante (esasperante) vedere i portavoce dei fattori che coesistono nel Chavismo come siano intossicati da concezioni e paradigmi economici finora difesi dalla destra. Ecco come vediamo che per difendere la liberalizzazione/flessibilizzazione dei cambi, criticare “l’emissione inorganica di denaro” (oltre a attribuirla quale principale causa dell’inflazione), proporre l’obiettivo del “deficit zero”, utilizzare una politica monetaria bipolare con inclinazione ad annegare il credito con la contrazione, le condizioni flessibili per gli investimenti privati… sono diventati il frequente riferimento sia delle autorità economiche governative sia degli ex-ministri.

* Economista venezuelano, membro della Sociedad de Economía Política Crítica (SER). Distribuito dal Centro latinoamericano per l’analisi strategica (CLAE)

Traduzione di Alessandro Lattanzio



PayPal è il metodo rapido e sicuro per pagare e farsi pagare online.

Precedente Patriottismo e sostegno russo cruciali per difendere il Venezuela dall'aggressione USA Successivo I Cambi di Regime degli Stati Uniti: la storia

Lascia un commento