Il drone “invisibile” S-70 Okhotnik coopererà col velivolo “invisibile” Su-57

Valentin Vasilescu, Reseau International 29 gennaio 2019

I media internazionali hanno recentemente elogiato il drone “invisibile” russo S-70 Okhotnik, creato collettivamente da Sukhoj e MiG, con caratteristiche simili al drone sperimentale X-47B testato da Northrop Grumman. Questo drone ha un peso di 20 tonnellate, una velocità di 1000 km/h, un’autonomia di 3000 km ed è propulso da un reattore. L’autonomia di volo è di 7 ore. Tuttavia, il dettaglio più importante è il concetto con cui la Russia intende usarlo. Questo velivolo senza pilota non sarà utilizzato in missioni di ricognizione, per le quali la Russia ha un drone specializzato (Orion) in grado di volare 24 ore al giorno, simile al MQ-1/MQ- 9 Reaper. Un altro elemento interessante è che la Russia passerà alla produzione di su-57 nel 2020, che sarà alla fine dei test di volo dell’Okhotnik. Entrambi gli aerei entreranno in produzione di serie. Fonti del Ministero della Difesa nella Federazione Russa indicavano che S-70 e Su-57 saranno utilizzati nella prima ondata di attacchi sulla principale direzione strategica in difesa delle truppe di terra russe. Circa 20-30 UAV S-70 e 2 -4 aerei Su-57 garantiranno la supremazia aerea in un’area ristretta creando un corridoio sicuro nella difesa antiaerea del nemico. La missione sarà colpire la rete di radar al a suolo e sulle navi, le batterie di missili antiaerei e le piste di decollo nemiche.
L’Okhotnik ha due vani in cui può trasportare 2 tonnellate di armi. In 5-10 secondi, quando l’S-70 apre i boccaporti per lanciare le munizioni, diventa visibile ai radar. Ecco perché un Su-57 nella configurazione intercettore accompagnerà il gruppo di S-70 coprendo l’area operativa durante la missione dei droni S-70. Molte apparecchiature e soluzioni per l'”invisibilità” radar utilizzate dall’Okhotnik provengono dal Su-57. In effetti, il Su-57 serviva da banco di prova per le armi adattate all’S-70. Per l’annientamento di radar e missili antiaerei, il drone Okhotnik eredita i missili supersonici del Su-57 Kh-58UShK che hanno una gittata di 260 km. Contro obiettivi navali, l’Okhotnik può lanciare 4 missili Kh-35UE, dalla gittata di 260 km. L’Okhotnik può anche usare 4 missili da crociera Kh-74M2 dalla velocità di Mach 4 e una gittata di 245 km. Il drone sarà anche armato con 8 bombe BetAB-150C per distruggere le piste di atterraggio e può essere armato con 8 bombe “intelligenti” KAB-250 per colpire bunker ed altri bersagli.

Traduzione di Alessandro Lattanzio



PayPal è il metodo rapido e sicuro per pagare e farsi pagare online.

Precedente Lo situazione in Venezuela: ciò di cui i media non scrivono Successivo L'Egitto perde un caccia Rafale da 200 milioni di dollari