Avana e Teheran preservano l’equilibrio mondiale

Maria Poumier, Plumenclume 24/01/2019

Dal punto di vista della posizione geografica, ci sono somiglianze tra i due Paesi. L’Iran è un crocevia tra Mar Caspio e Golfo Persico, ma anche tra Europa e Oriente. Ciò che è notevole è che i due Paesi, capaci di rivoluzioni che scossero l’occidente dominante e sicuro di sé, sono rimasti profondamente fedeli alla più alta tradizione filosofica greca di cercare l’applicazione politica dei valori di giustizia e verità (l’islam sunnita non è interessato a tale prospettiva, diversamente dallo sciismo). Non sono Paesi avventuristi nei loro culmini rivoluzionari, ma restauratori del senso.

1. Cuba, chiave per le Americhe
Cuba è definita la “chiave del Golfo (del Messico)”; l’isola è sempre stata una questione strategica; per l’impero spagnolo, era il bastione militare da cui iniziarono le spedizioni di scoperta, conquista e colonizzazione. Le fortezze dell’Avana (El Morro, La Punta, Cabaña) e Santiago de Cuba erano la guardia. Queste due città erano anche l’obiettivo dei pirati francesi e dei corsari inglesi. Fu dall’Avana che le pubblicazioni sovversive furono esportate in tutte le principali città di lingua spagnola. L’Avana conobbe l’invasione inglese, rapidamente respinta dalla popolazione, nel 1762… Poi la Spagna perse Cuba, con gli Stati Uniti che sbarcarono nel 1898 e non riuscì mai a riacquistare un piede militare in America. Tuttavia, Madrid è rimasta la capitale spirituale di tutta l’America Latina, e questa le testimonia regolarmente la sua fedeltà. Così, il più profondo pensatore di tutta l’America Latina, José Marti, diede la vita per l’indipendenza di Cuba in relazione alla Spagna, ma in totale continuità con il più alto pensiero spagnolo. Poi venne dall’America Latina, osando e salvando con gesta: il Messico non ruppe mai i legami col generale Franco, mentre tutto l’occidente “democratico” gli voltò le spalle, né con il governo cubano quando si sollevò contro l’imperialismo USA dal 1962; Il generale Juan Domingo Perón, espulso dall’Argentina, trovò rifugio a Madrid. Nel campo opposto, gli esuli repubblicani spagnoli crearono grandi case editrici, in particolare Losada, enorme motore della cultura popolare, da Buenos Aires. La filosofa andalusa María Zambrano formò l’élite intellettuale cubana cattolica, dal 1938, quando dovette andare in esilio, e questa élite rimase fedele all’antimperialismo. È quindi una profondità di visione che che da forza al collegamento Spagna – America ispanica, e Cuba ne è il fulcro

2. Iran, bastione di resistenza all’imperialismo USA
Forti legami unirono Iran e Francia per secoli e nonostante i capricci della politica. Montesquieu aveva scelto un punto di vista persiano per criticare i costumi francesi. È vero, non aveva una conoscenza molto precisa dell’Iran; ma aveva bisogno di questo riferimento per costruire una narrazione coerente, come di un polo orientale che concentrasse tutti i valori che rimpiangeva perduti nel suo Paese, sopraffatto dal dispotismo. Era il 1721. Montesquieu si nascondeva dietro la Persia per esprimere il suo pensiero critico, consapevole dei limiti dell’orizzonte franco-francese. Fu in Francia che l’Imam Khomeini si rifugiò e che nel 1978 elaborò il suo programma anticapitalista e antimperialista. D’altra parte, è in Iran che la riflessione più critica, perseguitata dalla censura in Francia, è riconosciuta al suo vero valore; l’imperialismo occidentale ha una punta di lancia con la colonia sionista. Quindi l’Iran, direttamente e costantemente minacciato dall’entità sionista, affronta il mondo per denunciarne le menzogne, base della propaganda essenziale per giustificare i suoi sanguinosi complotti contro i palestinesi. Ciò è particolarmente vero per il lavoro di Robert Faurisson, che fu ospite regolare a Teheran dal 2006, perché è l’eroico francese che ha considerevolmente indebolito la presa israeliana sulla coscienza occidentale, tornando alla madre di tutti le usurpazioni del giudaismo. L’Iran continua a svolgere un ruolo unificante organizzando regolarmente incontri internazionali di pensatori da tutto il mondo anti-sionisti e anticolonialisti. Al giorno d’oggi, parte del cinema iraniano è scritta a Parigi; i festival cinematografici iraniani proliferano grazie all’ostinazione di Alain Brunet, un iraniano particolarmente colto. Una splendida recensione in francese fu pubblicata per vent’anni a Teheran; Il redattore capo Amélie Razavifar è francese: è il riferimento di tutte le aree della civiltà iraniana. L’Iran rimane il faro della cultura e la ricerca intransigente delle verità umane, in un dialogo permanente con la Francia.

3. I collegamenti tra Cuba e Iran
Cuba ed Iran hanno eccellenti relazioni diplomatiche; la loro cooperazione è vecchia: nelle telecomunicazioni, ma non solo; un laboratorio genetico è stato costruito in Iran con i tecnici cubani; nel 2008, una linea di credito di 200 milioni di euro fu offerta dall’Iran a Cuba; entrambi i Paesi rafforzano le relazioni commerciali; questo è essenziale per tutti, soprattutto perché i due Paesi condividono il record di sanzioni economiche ingiustificate volute dagli Stati Uniti con feroce costanza, dal 1962 per Cuba, dal 1984 per l’Iran. In entrambi i casi, spetta agli Stati Uniti dimostrare la propria capacità di intimidazione, specialmente su altri Paesi, creditori o debitori. Gli embarghi sono azioni di guerra illegali, che mirano principalmente a far morire di fame le popolazioni. Queste azioni sono contrarie agli interessi economici degli stessi Stati Uniti e dei loro alleati, inclusa la Francia. Il tentativo del presidente Obama di ripristinare normali relazioni sia con Iran che con Cuba è stato invalidato non appena il presidente Trump ha preso le redini. Questo non è coerente col nazionalismo esibito dal presidente, che può solo desiderare lo sviluppo commerciale degli Stati Uniti. C’è solo una spiegazione di ciò: il peso della lobby filo-israeliana. Non nasconde il desiderio di indebolire l’Iran con qualsiasi mezzo. Per Cuba, si può solo capire l’inarrestabile affiliazione sionista dei repubblicani della Florida: i primi capi dell’emigrazione cubana anticomunista furono temporaneamente i rifugiati askenaziti a Cuba, senza tifare o essergli leali (specialmente Otto Reich, organizzatore della controrivoluzione in Nicaragua, Ileana Ros-Lehtinen ecc.). Cuba non ha mai perseguitato gli ebrei e ha normali accordi commerciali con Israele, ma è la logica della vendetta biblica che è all’opera, perché Cuba sostiene la resistenza palestinese dalla rivoluzione del 1959, e finora, impeccabilmente.

4. Francia e Russia
Né Cuba né l’Iran possono finora spostare la Francia nel campo della resistenza dalla lobby pro-israeliana. Tuttavia, insieme alla Germania, il ministro degli Esteri Le Drian compie sforzi in questi giorni per svuotare le sanzioni statunitensi sulla capacità di soffocare l’Iran. In Europa, la Francia è la forza trainante per chiedere la revoca dell’embargo contro Cuba. Il peso del ricatto nordamericano è tuttavia considerevole: ogni accenno all’indipendenza dei nostri successivi governi dà luogo a minacce effettive di ritorsione; perché secondo le leggi statunitensi, qualsiasi Paese che abbia contratti con i Paesi sanzionati dagli Stati Uniti è un Paese che viola la loro legge e le sue società sono soggette a cause legali non appena hanno un minimo interesse con aziende statunitensi. Molte ditte francesi sono state oggetto di cause legali e multe pesanti. Non potendo vincere la guerra, Iran e Cuba hanno comunque l’immenso merito di offrire uno specchio intransigente all’Europa. L’Iran di Iman Khomeini fu in grado di costruire un sistema di protezione sociale basato su principi religiosi, anche se l’occidente vuole vietare il concetto stesso di religione di Stato. Cuba ha dimostrato che il sistema comunista rimane un quadro coerente mantenendo un corso che combini la giustizia sociale e sovranità nazionale; mentre l’URSS collassava, e il mondo sovietico era spiazzato. D’ora in poi, i due Paesi svilupparono i legami con la Russia, il grande Paese europeo che non ha mai creato colonie e che, con la sua legislazione sociale protettiva degli strati produttivi, delle classi lavoratrici, come si diceva una volta, costrinse l’Europa occidentale a sua volta a fare passi in questa direzione per tutto il periodo sovietico.

5. Iran e mondo arabo
L’indispensabile ruolo di contrappeso dell’Iran nel mondo musulmano può essere misurato: nel 2014 si riteneva che l’Iran sconvolgesse le alleanze regionali e cambiasse la geostrategia; cinque anni dopo, fu l’Iran a vincere simbolicamente la guerra in Siria: fornendo un sostegno effettivo al governo legalmente eletto, dal 2011, con oltre 5000 consiglieri militari (secondo stime ostili); la cooperazione con la Siria fu rafforzata con l’annuncio di nuove sanzioni contro l’Iran nel 2016. Dalla costanza dell’Iran, un vero fronte di resistenza alle azioni israeliane in Medio Oriente è ora più attivo che mai; è notevole il fatto che il governo iraniano sia riuscito a superare le differenze ideologiche, la Siria è un Paese secolare e l’Iran al contrario islamico. È attraverso questa coerenza trovata da quando Trump violava l’accordo nucleare, che l’Iran ottiene il rispetto delle popolazioni arabe, sia in Yemen che in Iraq. Di fronte alla minaccia nordamericana di ritirarsi dal trattato sui missili nucleari a raggio intermedio (INF), la Russia vuole rafforzarlo coll’adesione di India ed Iran: tante risposte al guerrafondai trumpiani sono nella logica della deterrenza nucleare. E ci si può solo meravigliare del fatto che la leadership del Qatar ora stia mettendo tutto il suo peso a Gaza finanziando Hamas; Il Qatar ora è al fianco dell’Iran consolidando influenza contro l’Arabia Saudita, e quindi necessariamente a sostegno della resistenza palestinese, mentre il principe MbS è pronto ad aiutare gli Stati Uniti ad espellere i palestinesi dalla loro terra ancestrale. Così, rispondendo alle domande di RT France, Walid Sharara , ricercatore di relazioni internazionali presso l’Advisory Centre for Studies and Research di Hezbollah, ritiene che “Hamas stia sfruttando questa relazione col Qatar per ottenere finanziamenti senza rinunciare alla resistenza”. Secondo lui, le capacità militari di Hamas “non hanno smesso di svilupparsi” e se Hamas è legato al Qatar, “è anche vicino all’Iran”, incubo d’Israele… dai tempi della regina Ester. Il piano di Jared Kushner, zelante servitore d’Israele che non riesce a vedere che questo Paese conduce gli Stati Uniti alla sconfitta e perdita d’influenza in Medio Oriente, è ora bloccato dall’alleanza Iran-Hamas-Qatar. La gigantesca pulizia etnica prevista non avrà luogo, gli abitanti di Gaza saranno in grado di resistere, il Qatar finanzia già diverse infrastrutture. Nel 2014, mentre l’accordo nucleare del presidente Obama sembrava rappresentare una nuova area, David Rigoullet sperava in ciò che ora sembra sfuggire: “oggettivamente parlando, l’Iran è quindi un potenziale alleato degli Stati Uniti, anche se suona ancora inaudito”. Quando il servilismo catastrofico di Jared Kushner sarà pienamente assurdo, l’Iran apparirà come l’indispensabile mediatore tra i corrotti fanatici arabi e i corruttori fanatici ebrei, e potrebbe imporre col negoziato lo Stato unico che garantisca gli stessi diritti a tutti i suoi abitanti. L’Iran ha gestito per secoli la presenza di minoranze ebraiche e di altre sul suo territorio. Il tribunale delle Nazioni Unite ha già costretto gli Stati Uniti a fare un passo indietro nel loro programma di sanzioni .. Il presidente Trump, sottoposto a un mostruoso ricatto della minoranza ebraica impiantata ai vertici del potere degli Stati Uniti, è anche un pragmatico protagonista delle barzellette più sconcertanti nel suo entourage…

6. Venezuela
Per Cuba, che si dice sia pronta a riaprire la base russa a Lourdes, è un’isola che svolge lo stesso ruolo di freno contro gli incendiari irresponsabili. Per ora, si tratta principalmente di installare il sistema di geolocalizzazione russo GLONASS. Trump vorrebbe riportare il Venezuela, principale Paese ribelle nel bacino dei Caraibi a semplice cortile dagli Stati Uniti, con lo status di colonia, mero deposito di materie prime senza autonomia politica. È Cuba che l’impedirà con la sua esperienza nella lotta antimperialista e le sue capacità diplomatiche. Il 23 gennaio 2019, l’esercito venezuelano sventava il colpo di Stato armeggiato dagli Stati Uniti contro il Presidente eletto Nicolás Maduro. Cuba, Bolivia, Russia, Iran e Messico l’appoggiano apertamente quale rappresentante legale del suo popolo e il Venezuela non ha mai esitato a sostenere la resistenza palestinese. Nel 2002, il popolo impedì il rovesciamento del Presidente Chávez. Questa volta, il Presidente Maduro, circondato dai consiglieri militari cubani, ha preso l’iniziativa, arrestando 27 capi di spicco del colpo di Stato. L’opposizione invoca un “vuoto della presidenza”… dopo un attentato fallito con droni al presidente eletto, perché si rifiutava di partecipare alle elezioni presidenziali del maggio 2018. Il ridicolo sostiene il grottesco guidando l’ambasciata nordamericana a Caracas. Si trattava per i putchisti d’approfittare del peso simbolico del 23 gennaio, perché fu quel giorno, nel 1958, che il dittatore Pérez Jiménez venne rovesciato. Ma ciò che colpisce oggi è la mancanza di volontà marziale nel nuovo presidente auto-nominato, un semplice fantoccio senza carattere. Secondo i giornalisti di Telesur, è la BBC la principale artefice della diffusione di immagini false per far credere a una mobilitazione popolare a suo favore.

7. L’ago della bilancia
Cuba è l’ago della bilancia, come diceva José Martí, tra iord America e l’America ispano-indiana; L’Iran ha un ruolo paragonabile tra mondo arabo ed Europa: impedisce al mondo di cadere nella guerra globale che la smania predatoria dell’occidente pretende. Gli Stati Uniti sono condannati in quanto una nazione straniera, “lo Stato ebraico”, pretende di deciderne la politica internazionale, poiché i parassiti distruggono l’organismo che li mantiene artificialmente in vita. Un altro Paese in America è ancora più profondamente sottomesso all’entità sionista a livello politico, militare e finanziario (ma non a livello spirituale); è l’Argentina, regolarmente portata sull’orlo della rovina dagli agenti della lobby israeliana negli Stati Uniti, in particolare, da vent’anni, éaul Singer, ideatore dei successivi fallimenti a Buenos Aires. Negli anni ’20, New York e Buenos Aires erano due città rivali di pari livello. Gli Stati Uniti ora hanno solo condiscendenza verso l’Argentina; ma il ritorno della realtà già apre gli occhi, attraverso certe battaglie giudiziarie. Noi francesi abbiamo un debito enorme con Cuba e Iran, i due Paesi che si oppongono all’impero e danno l’esempio della lotta per la sovranità e la giustizia sociale. I giulet gialli costruiscono la loro rete di solidarietà internazionale. Hanno espresso contrarietà alla vendita di armi francesi all’Arabia Saudita, in occasione del trattato di cooperazione militare franco-tedesco firmato il 22 gennaio 2019 ad Aquisgrana. Sviluppano un progetto che costituisca le basi per la rinazionalizzazione e la socializzazione di beni e scambi. Senza dubbio hanno in agenda la disobbedienza alle sanzioni statunitensi contro qualsiasi Paese. D’ora in poi, i gilet gialli eludono gli ostacoli con abilità. Fanno anche contrabbando d’idee, perché il governo che reprime i gilet gialli anche reprime il pensiero costruttivo ed imprigiona le teste pensanti. Robert Faurisson avrebbe compiuto 90 anni il 25 gennaio 2019: fu condannato a un anno di prigione, ma le autorità francesi non ebbero il tempo di applicare la sentenza contro di lui. Alain Soral ne prende il posto, ora altamente simbolico, d’obiettivo principale della lobby israeliana che ha potere sull’attuale governo francese. I popoli di Iran e Cuba ci ispirano, con la loro resistenza, col senso delle loro responsabilità internazionali, con la generosità e la portata dei loro progetti sociali.

Traduzione di Alessandro Lattanzio



PayPal è il metodo rapido e sicuro per pagare e farsi pagare online.

Precedente Sessione del Consiglio di Sicurezza: Foto del conflitto globale Successivo Il Venezuela ringrazia la Russia dell'amicizia in periodo di crisi