Le “armi all’avanguardia” si rivelano essere dei grilli

Wayne Madsen SCF 13.01.2019

Ciò che era stato sostenuto dall’amministrazione Trump essere un diffuso malanno tra i diplomatici statunitensi a Cuba per l’uso, da parte di un nefasto attore di Stato, di avanzati armamenti acustici, risultò essere il frinire dei grilli. In risposta alle accuse che un’arma sonica veniva usata sul personale statunitense a Cuba, l’amministrazione Trump ritirò metà del personale dall’ambasciata a L’Avana ed espulse 15 diplomatici cubani dalla loro ambasciata a Washington, DC. Nel 2017, circa 26 diplomatici statunitensi lamentarono nausea, mal di testa, problemi alla vista, disturbi cognitivi e altre malattie causate dal suono acuto che subivano a casa e negli hotel. In effetti, uno studio dettagliato del fenomeno rivelava che i colpevoli non erano i servizi di intelligence russi, cinesi o cubani, ma il grillo dalla coda corta delle Indie, scientificamente noto come “Anurogryllus celerinictus”. Il richiamo maschile di queste fastidiose creature notturne è di 7 kilohertz, la frequenza adatta a causare disagio e insonnia per certuni. Due biologi, il Dott. Fernando Montealegre-Zapata dell’Università di Lincoln del Regno Unito e Alexander Stubbs dell’Università della California, condussero studi comparativi sulle registrazioni dei suoni sospetti che affliggevano gli statunitensi a Cuba con quelli del grillo delle Indie. Il risultato è che la frequenza degli impulsi acustici, le armoniche di frequenza e la durata si accordavano completamente con quelle del grillo dalla coda corta delle Indie. La leggera differenza tra i suoni era dovuta alle registrazioni effettuate al di fuori e quelle prese al chiuso, cogli echi causati da pareti e pavimenti che causavano la leggera differenza. I primi risultati dei due scienziati ricevevano valutazioni favorevoli dai colleghi accademici. Un dettaglio intrigante dello studio è che il grillo dalla coda corta delle Indie si trova in varie parti dei Caraibi, ma non è noto abitasse a Cuba. Nel 2018, un rapporto provvisorio del Federal Bureau of Investigation (FBI), che collaborava con le autorità cubane, concluse che i suoni striduli, da soli, non avrebbero potuto causare i problemi medici vissuti dai diplomatici. Il governo cubano smentì le accuse degli USA di usare armi soniche. Uno studio scientifico cubano sulle registrazioni dei suoni che Washington pretendeva causati da armi da guerra acustica, generalmente concordano con lo studio di Montealegre-Zapata e Stubbs: le registrazioni dell’Avana erano paragonabili ai suoni di cicale e grilli sulle coste cubane. Tuttavia, lo studio cubano non si concentrò sul grillo delle Indie non indigene come fonte del suono offensivo, perché la specie non è originaria di Cuba. Il grillo dalla coda corta delle Indie si trova in Giamaica, Isole Cayman e più intrigantemente, nelle Keys della Florida. Il principale beneficiario del congelamento delle relazioni tra Cuba e Stati Uniti era la comunità di esiliati cubani nel sud della Florida, che comprende le Keys e la contea di Miami-Dade, dove è noto che il grillo delle Indie prospera. La comunità di esuli, che ha legami di vecchia data con la Central Intelligence Agency, potrebbe aver introdotto il grillo dalla coda corta delle Indie nel quartiere dei diplomatici nordamericani a L’Avana, ben sapendo e coll’intenzione che le creature avrebbero alla fine causato problemi agli statunitensi che potevano essere attribuiti ad armi acustiche utilizzate dai governi cubano, russo, cinese o nord-coreani o che tutti agissero di concerto. Tali dichiarazioni stravaganti furono diffuse dai media di destra negli Stati Uniti.
L’introduzione di una specie invasiva non nativa e distruttiva in un habitat, dove causa il massimo danno, fa parte dei piani della CIA da decenni. I piani della CIA per condurre operazioni di guerra biologica coinvolgevano in gran parte Cuba e la sua comunità di espatriati che vivevano nel sud della Florida. Ad esempio, il piano SQUARE DANCE della CIA, gestito in collaborazione col Joint Chefs of Staff, comportava la distruzione del raccolto di canna da zucchero di Cuba introducendo il bunga, scientificamente noto come Aeginetia Indica, un parassita della pianta della canna da zucchero. SQUARE DANCE anche comportava l’introduzione a Cuba di malattie per distruggere la popolazione zootecnica di bovini, pecore, capre e maiali. SQAURE DANCE intendeva “provocare il collasso del regime di Castro”. Nel 1972, gli agenti della CIA che operavano a Cuba, in gran parte esuli in Florida, introdussero la febbre suina nella popolazione dei suini cubani. Come risultato, Cuba fu costretta ad eliminare 500.000 maiali. Il virus proveniva dalle operazioni di guerra biologica svolte a Fort Gulik nella Zona del Canale di Panama. Tra il 1979 e il 1981, la CIA, sempre con l’aiuto degli esuli cubani nel sud della Florida, introdusse a Cuba congiuntivite emorragica, febbre dengue, bunga e muffa del tabacco. Alcuni di furono dispersi nell’aria da aerei commerciali in rotta da Miami a Grand Cayman. Non era impossibile alla comunità di esiliati cubani nel sud della Florida, che non ha mai abbandonato la speranza di rovesciare il governo socialista di Cuba, di usare i manuali da guerra biologica della CIA scoprendo i vantaggi d’introdurre il grillo dalla coda corta delle Indie in alcune parti dell’Avana, vale a dire hotel ed area residenziale di proprietà del governo cubano per diplomatici, per devastare la salute del personale nordamericano.
Ci sono indizi sul grillo dalla coda corta delle Indie introdotto a L’Avana intenzionalmente per provocare la rottura nelle relazioni USA-Cuba. Gli effetti del frinire del grillo non colpirono solo gli statunitensi. Dieci diplomatici canadesi ne furono anche colpiti e furono rimandati a casa. I canadesi vivevano nello stesso luogo delle controparti statunitensi. Se fossero state usate armi soniche, avrebbe preso di mira solo gli statunitensi. Tuttavia, coi grilli, l’impatto sarebbe stato molto più ampio e meno discriminante. Nel maggio 2018, un console degli Stati Uniti a Guangzhou, in Cina, ebbe sintomi simili a quelli dei diplomatici a Cuba. La Cina era confusa quanto Cuba e annunciò che indagava sul caso.
Se il grillo dalla coda corta delle Indie fosse stata un’arma, cone gli Stati Uniti studiarono con altri animali, tra cui delfini, focene, balene, lontre, pipistrelli, topi, gatti, tassi, coyote, varie specie di uccelli (in particolare corvi, gufi e piccioni), ed insetti, potremmo aver assistito alla prima salva a Cuba e Cina delle operazioni sotto falsa bandiera usando gli insetti. Dopotutto, sono il materiale di molti thriller. Chi non ricorda James Bond contro la tarantola velenosa in “Dr. No “o Hercule Poirot che incontra un cobra mortale in “Morte sul Nilo?” Negli anni ’80, la Marina degli Stati Uniti usava i delfini per assistere la posa di mine nei porti del Nicaragua. I delfini addestrati alla guerra dalla Marina sarebbero stati scatenati dai marines a Cam Ranh Bay uccidendo circa 60 guastatori nordvietnamito durante la guerra del Vietnam. La DARPA (Agenzia per la Ricerca Avanzata della Difesa degli Stati Uniti) finanzia attualmente un programma chiamato “Insetti alleati”. Gli insetti, inclusi afidi, ragni, mosche bianche, cavallette e scarafaggi, vengono armati per attaccare o spiare. La domanda da porre: la CIA e i suoi esuli cubani in Florida hanno arruolato il grillo dalla coda corta delle Indie nella loro armata degli attentati sotto falsa bandiera?

Traduzione di Alessandro Lattanzio



PayPal è il metodo rapido e sicuro per pagare e farsi pagare online.

Precedente La Marina Militare russa equipaggia i sottomarini coi siluri nucleari Posejdon Successivo Trump inizia la sua guerra, infine?