In Venezuela, un remake del modulo libico

Mision Verdad 14 gennaio 2019

La detenzione illecita del deputato Juan Guiadó da parte di funzionari della SEBIN che agivano da soli, secondo il Ministro della Comunicazione e dell’Informazione Jorge Rodríguez, finiva per attrarre le simultanee operazioni che formano l’agenda dell’antichavismo (locale e globale) e i suoi obiettivi politici di fondo. D’ora in poi, le carte sul tavolo del consiglio politico appaiono con maggiore chiarezza e portata.

Marketing estetico come operazione di mobilitazione
La nomina di Juan Guiadó a presidente dell’Assemblea nazionale in disgrazia, a prima vista, mostrava una scelta interessata. Per pura struttura di partito, e in base alla distribuzione delle presidenze fatta dall’opposizione nel 2016, chi era chiamato ad assumere l’avanguardia in tale fase del conflitto non era Guidó, ma Juan Andrés Mejía, anche lui deputato ma con una posizione di vertice in Voluntad Popular. Ciò fu dimostrato una volta che Freddy Guevara si rifugiò nell’ambasciata cilena a Caracas, scappando dalla giustizia venezuelana, lasciando Mejía a coordinare i resti dell’organizzazione. Per abilità politica e risorse, Mejía e Guaidó fanno parte della stessa catena che confonde discorso di auto-aiuto ed incendiario, ma ciò che li rese diversi nell’assume il ruolo di figura principale, è che il deputato dello Stato di Vargas raccoglie gli attributi simbolici e identitari dello stesso ceto venezuelano: giovane, oscura e di estrazione borghese. Nell’operazione estetica, si pensava al mercato di consumo (politico) in cui le caratteristiche del Venezuela sono anche suscettibili di manipolazione, Guaidó aveva le caratteristiche che favoriscono la simulazione di una “resistenza popolare” e l’identificazione con ampi segmenti della popolazione. Qualcosa di difficile per Mejía, perché il suo mercato è molto più piccolo e Washington sa che l’equilibrio nella società venezuelana non è nelle sue ricche aree della capitale. Nell’ambito delle Guerre di quarta generazione, supportate da società postindustriali suscettibili di configurazione attraverso tecnologie dell’informazione, linguaggio simbolico e “marketing culturale”, diventano armi di seduzione non regolamentate (puntando direttamente sull’intimità) per modellare nuove percezioni sociali e identità facili da assemblare e smantellare. Armato da Big Data, Barack Obama ne fu un primo esempio. In questo senso, a differenza di Mejía, Guaidó come prodotto estetico rilassa i contrasti, pretende un certo egualitarismo e cerca di ridurre le apparenze dello status socioeconomico che operano in misura così rilevante nella vita politica venezuelana, che gli attori politici per discendenza e denaro, come María Corina Machado, Diego Arria o Henrique Capriles, hanno sempre trovato d’ostacolo alle loro carriere politiche. È anche una manovra di seduzione contro il chavismo. Ma è proprio questo vantaggio nel marketing a rendere Guaidó usa e getta, perché chi opera dietro di lui sa da dove viene e che non potrà mai dare ordini a chi gestisce i soldi. La sua permanenza nella Pent House dell’antichavismo è temporanea.

Una foto con María Corina e la benedizione di Washington
Dopo la dipartita del deputato Luis Florido di Voluntad Popular, che per lungo tempo fu viceconsole imperiale per poi attrarre l’odio di tutti per la sua presenza al tavolo del dialogo della Repubblica Dominicana, l’organizzazione si formò coi consigli e finanziamenti del dipartimento di Stato Ritornò senza opporre resistenza al ruolo di macchinista del colpo di Stato. Questo è esattamente ciò che conferma la simulazione dell’unità nella fotografia a gambe incrociate con María Corina Machado, che ora trasmette più efficacemente nella pianificazione ciò che arriva da Marco Rubio e della mafia antivenezuelana della Florida del sud. Il centro operativo delle componenti mercenarie e terroristiche fondamentali nella logistica dell’attentato del 4 agosto. Un altro problema che indica anche la foto, e Voluntad Popular in quanto tale, si trova nella composizione in nuce. Come organizzazione formata nel catechismo del libero mercato, del neoliberismo e della difesa dell’ordine occidentale che ha copyright e guida spirituale negli Stati Uniti, i tecnocrati dei bimbiminkia di Voluntad Popular ricevono il sostegno dagli estremisti dell’amministrazione Trump, che vedono nella “promessa di Vargas” e nei diplomati di Monte Ávila e del Metropolitan che l’accompagnano, la strada per le risorse energetiche della nazione. È proprio su tale mentalità da colonizzati, vuota, complessata e inutile che Washington può operare con tranquillità.

Rianima la strada e senti “un nuovo inizio”
Coi “Cabildos Apiertos” e un’intensa campagna su social network, la dirigenza locale ha cercato di avvolgere l’opinione pubblica in grandi finte dimostrazioni di strada e nuovo inizio. Cercando di risolvere le enormi divisioni nell’opposizione, Juan Guiadó è considerato un attore di sostegno, abbastanza utile per bilanciare le tensioni che si celano sotto l’euforia della spinta estera dell’amministrazione Trump che non declina e che Luis Almagro continua a chiamare “presidente ad interim”. Sebbene il consenso supportato da una figura così fragile abbia una data di scadenza prossima, lo si usa per dare l’impressione che ci sia stato un cambiamento nell’opposizione, che le fessure interne sono già state chiuse e che naturalmente ora “l’unità” sia invalicabile. Sappiamo già cosa c’è dopo affermazioni magniloquenti, perciò l’amministrazione Trump si muove rapidamente tendendo lo scenario il più possibile, in modo che l’entusiasmo ricreato dai social network mantenga l’effetto mentre le operazioni sul terreno diventano armate. In un articolo, la BBC affermava che in 48 ore, quasi magicamente, Juan Guaidó era passato dall’essere un politico di seconda classe a principale figura dell’opposizione, dimostrando che la sua pubblicità non ha nulla a che fare con un effetti improvvisi. La sua leadership è da laboratorio e la BBC lo conferma fingendo distanza.

Detenzione irregolare, gestione simbolica, fuorigioco di John Bolton e audio di Leopoldo
La detenzione irregolare di Guaidó è avvenuta nell’autostrada Caracas – La Guaira. La paralisi del traffico fu registrata con calma e poi viralizzata. Da parte sua, il Ministro Jorge Rodríguez la descriveva come azione isolata che portava al licenziamento dei funzionari della SEBIN. Il tono del dramma fu notato ricostruendo l’evento a posteriori, proiettando la narrazione che “la città di Vargas” aspettasse il suo “presidente ad interim”. Poi arrivava la consueta etichetta internazionale da media, capi auto-esiliati e certi governi del gruppo di Lima in difesa di Guaidó, cercando di proiettare la questione come dimostrazione rapida, ineluttabile, che la legittimità presidenziale fosse sua. Ma ciò che l’ha falsificato non era solo il tentativo di costruire Guaidó come vittima e poi guadagnare terreno nella sfera internazionale per il riconoscimento, ma anche il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Bolton, un’ora prima, avvertiva che il “regime di Maduro” era “responsabile della sicurezza dell’Assemblea nazionale”. Un minaccia calcolata da Washington. A tale fuorigioco del neoconservatore, che dichiarava premeditato il fatto, si aggiunse un altro attributo che lo ricostruiva come operazione di propaganda: un audio di Leopoldo López in cui assicurava che Juan Guaidó disse ai funzionari della SEBIN che non poteva essere ammanettato. Dopo aver spiegato i concetti costituzionali e averli convinti che era il presidente dell’Assemblea nazionale, gli agenti si tolsero il passamontagna, eliminato l’atteggiamento ostile e quindi lo rilasciarono. In questo modo, la storia della vittima all’inizio cambiò drasticamente, mostrando un Guaidó investito da abbastanza autorità per evitare l’arresto. Va notato che questa versione non corrispondeva alle mani tumefatte mostrate da Guaidó. Tuttavia, il senso del messaggio di Leopoldo López aveva lo scopo di dare peso a uno degli appelli più importanti di Juan Guaidó quando assunse la presidenza dell’Assemblea nazionale: subordinare le FANB per cooperare nella “transizione”, il colpo di Stato. L’effetto di quanto accaduto, annunciato da Bolton e poi accomodato da Leopoldo, cercava di simulare una rottura nelle Forze di sicurezza dello Stato venezuelano, che nella storia del colpo di Stato, si traducesse in legittimità di Guaidó nell’apparato armato del Paese. Un colpo alle FANB per cercare di mutare equilibrio e stabilità, ma piuttosto mediocre nell’esecuzione.

Remake del formato libico e l’urgenza di unificare il fronte interno
Tale tentativo porta a due conclusioni. Primo, l’urgenza dell’opposizione locale di mantenere le fila unite, mobilitare i loro macchinari e spacciare la storia sulla legittimità presidenziale di Guaidó. Come attori di sfondo, spinta e coesione vanno mantenute mentre Mike Pompeo e John Bolton tirano le fila. E il tempo gioca contro. Il test di ieri è, a sua volta, la conferma delle manovre a cui devono ricorrere per rimanere uniti su un terreno fragile. Una delle fila è supportata dalla Legge sullo Statuto che regola la transizione verso la democrazia dell’Assemblea Nazionale , dove sono configurati gli aspetti generali del “governo parallelo” e il ruolo come strumento per promuovere il caos politico e istituzionale comportando un’opzione armata. Da lì, Washington simula facoltà extraterritoriali e sovranazionali per applicare lo stesso metodo usato in Libia nel 2011: la confisca dei beni e conti nazionali all’estero, sotto la facciata del “recupero degli attivi dei corrotti”; la sospensione del pagamento delle bollette petrolifere e loro trasferimento al “governo parallelo”; soppiantare le missioni diplomatiche, tra le altre manovre per esautorare il governo di Nicolás Maduro a livello internazionale, ma che internamente promuovono il confronto totale, aprendo la porta ai mercenari nel conflitto e alla configurazione di un apparato armato parallelo interventista. È esattamente lì che “governo parallelo” e remake del modello libico sono al limite: promuovere il maggior caos possibile al fine di rendere possibili azioni gravi. Tale era il senso della prova di ieri. Tuttavia, quel piano ha anche una controparte. Fattore sorpresa e tempistica, così come la cattiva amministrazione per usura dell’anti-Chavism, sarà la chiave per misurare la correlazione di forze che renda la follia bellica praticabile a John Bolton.

Traduzione di Alessandro Lattanzio



PayPal è il metodo rapido e sicuro per pagare e farsi pagare online.

Precedente Gli Stati Uniti sono preoccupati dall'ascesa della Marina Militare iraniana Successivo "Effetto Gadkari" sulle crescenti relazioni Iran-India