Distruggere il dollaro: la Russia rafforza la riserve nazionali con yuan, euro e yen

Paul Antonopoulos, FRN 12 gennaio 2019

La misura è arrivata dopo che Mosca manifestava la volontà di ridurre la dipendenza dal dollaro, osservando che non ci sono piani per limitare le transazioni nella valuta statunitense. La Russia affermava che l’obiettivo della dedollarizzazione è migliorare l’integrità dell’economia russa proteggendola dalle sanzioni statunitensi. A fine luglio 2018, la Banca centrale russa riduceva la quota del dollaro nelle riserve al 24,4%, aumentando quelle in euro e yuan al 32% e 14,7%, secondo le valutazioni dei servizi bancari. Allo stesso tempo, il regolatore aumentava la quota di diverse di altre valute dal 12,4% al 14,7%, comprese sterline inglesi, yen giapponesi, dollari canadesi e australiani, nonché franchi svizzeri. Secondo il sondaggio, il rendimento più elevato tra i portafogli di asset valutari tra giugno 2017 e giugno 2018 si dimostrò lo yuan col 3,2% annuo, mentre il rendimento del dollaro USA fu dello 0,35%. Il volume di valuta estera e attività in oro della Banca centrale di Russia è aumentato da 40,4 miliardi di dollari USA a 458,1 miliardi di dollari USA nello stesso periodo.
Riguardo le sanzioni statunitensi e ai tentativi di usare il dollaro come strumento di pressione, alla fine di novembre il Presidente Vladimir Putin osservava che gli Stati Uniti “non si sparano ai piedi, ma un po’ più in alto”. “Non miriamo ad allontanarci dal dollaro, siamo costretti a farlo. Vi assicuro, … Non vogliamo fare nulla di improvviso che possa farci del male… non lasciamo il dollaro, è il dollaro ci lascia”, aveva detto Putin. Il commento del leader russo arrivava dopo che il presidente della seconda banca russa, VTB, aveva presentato un piano di de-dollarizzazione ben accolto dal Ministero delle Finanze russo, stabilendo il graduale passaggio agli scambi bilaterali con diversi Paesi nelle proprie valute. Mosca spiegava che la principale motivazione era stimolare la crescita economica e proteggere l’economia dalle sanzioni degli Stati Uniti.

Traduzione di Alessandro Lattanzio



PayPal è il metodo rapido e sicuro per pagare e farsi pagare online.

Precedente L'India infligge un colpo inaspettato all'economia degli Stati Uniti Successivo Le sanzioni non funzionano: l'economia russa continua a crescere

Lascia un commento