Il giuramento di Maduro tra il caos delle relazioni internazionali

Franco Vielma, Mision Verdad 9 gennaio 2019

Il Presidente Nicolás Maduro Moros presterà giuramento il 10 gennaio dopo la rielezione lo scorso maggio, davanti la Corte suprema di giustizia. Questo significativo atto politico, nonostante le controversie, per il Venezuela è un contrappeso delle istituzioni venezuelane alle agende del caos promosse contro il Paese nei fronti interno ed estero. Il caso venezuelano è, a causa del contesto mondiale convulso, l’antitesi alla vertiginosa distruzione dei sistemi di governance globale che spingono le nazioni verso una spirale pericolosa. Per cominciare, lo scontro intestino delle élites politiche degli Stati Uniti, proprio ora che il governo di quel Paese presenta la chiusura a causa degli scontri tra esecutivo e legislativo, la possibilità d’impeachment di Trump e politica estera degli Stati Uniti irregolare e sfrenata affronta l’Europa, che li ha anche messi in guerra commerciale contro la Cina e in relazioni sempre più ostili su altri fronti. La tensione tra i Paesi dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) e Russia sulla Crimea e altri territori dell’Europa orientale è un altro fattore da valutare. Allo stesso tempo, le tensioni in Asia, proprio ora che la Cina ha chiamato l’esercito a “prepararsi alla guerra” per l’integrità del territorio cinese e di Taiwan e la disputa per via commerciale asiatica de Mar Cinese Meridionale. La Francia brucia. L’Europa, che appare indebolita e dal consenso frammentato, si occupa degli effetti ingestibili della scia migratoria, una conseguenza per l’Europa che subordinò la politica estera alle avventure nordamericane in Medio Oriente. La Siria vince la guerra coi mercenari salafiti col sostegno di Russia ed Iran, nonostante il ritiro degli Stati Uniti persista indeterminata nella trama del conflitto sub-regionale attraversata dalla guerra dell’Arabia Saudita contro lo Yemen che causa una delle peggiori crisi umanitarie del nostro tempo. Ritornando in America Latina, la frammentazione politica incombe sulla questione del Venezuela. Gli spasmi integrazionisti che segnarono un momento politico nella regione, sono diluiti dalla regressione del ciclo progressista regionale e dalla controffensiva delle forze di destra, come illustra il caso brasiliano. Gli Stati Uniti potevano intraprendere un riordino della propria area d’influenza tradizionale ponendo sotto la propria ombra i Paesi del gruppo di Lima, un’entità non istituzionale e non vincolante che si erge ancora come forum presunto legittimo del sintonizzazione politica del continente. Essere contrari o favorevoli all’interferenza in Venezuela è l’agenda che intona le relazioni internazionali da questa parte del mondo, portando a situazioni di imprevedibilità senza precedenti, dove minacce militari ed attacchi politici degli Stati Uniti collocano Colombia e Brasile a vettori e dispositivi operativi e funzionali a tali scopi. Inutile dire che gli Stati Uniti appaiono su tutti questi fronti del conflitto globale.

Le carte da giocare in Venezuela
Recentemente l’ambasciatore russo in Venezuela Vladimir Zaemskij osservava le intenzioni degli Stati Uniti d’intervenire militarmente in Venezuela. Tuttavia, dalle posizioni pubbliche dei vari governi nella regione, è noto che nonostante le ostilità politiche dei presidenti latinoamericani del gruppo di Lima col Venezuela, la maggioranza dei suoi membri rifiuto nettamente l’opzione militare contro la nazione petrolifera. In effetti, l’approccio operativo dell'”accerchiamento del Venezuela” dal 10 gennaio non ha pieno consenso. Il governo di Mauricio Macri ha recentemente pubblicato una serie di sanzioni unilaterali e illegali contro le autorità venezuelane, ma chiariva che avrebbero mantenuto l’ambasciata a Caracas, secondo cui “mantenere i contatti coi capi dell’opposizione venezuelana”, ma alla fine, la cessazione delle relazioni veniva scartata. Messico e Uruguay chiarivano al gruppo di Lima che riconosceranno il mandato di Maduro. L’ascesa del Presidente Maduro al secondo mandato, per legittimo voto, è precisamente un fatto politico diametralmente opposto all’agenda del rovesciamento, colpo di Stato ed intervento della vita politica venezuelana, perché con tali orribili espedienti vi è il principio sistematico della politica statunitense di soggiogare gli Stati-nazione. Il Venezuela, che è anche un centro di influenza regionale, è il contrappeso concreto visibile alla politica di smantellamento dei Paesi che Washington orchestra. Il Venezuela aderisce alla propria istituzionalità e resiste da esso, nonostante ricatti e pressioni. Dati molti fattori nella politica internazionale, le probabilità di una regressione nel conflitto venezuelano sarebbero sollevate da un nuovo accordo in Venezuela. Ma come in altre occasioni, sarebbe afflito da fattori inquietanti interessati ad imporre la politica del bastone, come successe in precedenti occasioni col boicottaggio del dialogo da parte dell’opposizione venezuelana, che obbedisce alle direttive del dipartimento di Stato degli USA. Quali opzioni sono rimaste agli Stati Uniti per soggiogare lo Stato-nazione venezuelano? Quali saranno le vere dimensioni della politica estera statunitense erratica e conflittuale in questa parte del mondo? A questo punto, il 10 gennaio come inflessione della politica venezuelana e regionale sarà l’inizio di una tappa. La risoluzione tra stabilità politica ed agenda del caos planetario ha un episodio importante in Venezuela. La maggior parte delle idee nella regione, da entrambi i lati del quadro politico, coincidono sul fatto che l’America Latina va preservata come una zona priva di conflitti. Ma tale consenso non basta. I recessi sono imprevedibili nel labirinto della politica statunitense, oggi convulsa, complessa e in declino.

Traduzione di Alessandro Lattanzio



PayPal è il metodo rapido e sicuro per pagare e farsi pagare online.

Precedente La strategia perdente di Trump: abbracciare il Brasile di Bolsonaro e scontrarsi con la Cina Successivo Mosca avverte gli USA dall'intervento militare contro il Venezuela

Lascia un commento