Accordo di partenariato ferroviario tra Russia e India

Dmitrij Bokarev, New Eastern Outlook, 01.11.2018

Come è noto, le tecnologie russe sono molto richieste nel mondo, grazie all’alta qualità e al costo relativamente basso. Ciò vale per le tecnologie spaziali, della difesa e dell’energia, e per quelle utilizzate nella vita quotidiana, ad esempio nel trasporto ferroviario. Russian Railways (RZD), la compagnia ferroviaria statale russa, attualmente lavora a una vasta gamma di progetti internazionali, che aiutano molti Paesi nel mondo a sviluppare i sistemi ferroviari. Uno dei più promettenti partner di RZD in Asia è l’India. Russia ed India hanno a lungo lavorato intensamente su progetti scientifici e tecnologici. L’India è un regolare acquirente di armamenti russi ed è impegnata nello sviluppo di progetti militari congiunti con la Russia. Ha anche mostrato interesse per le tecnologie ferroviarie russe. Il trasporto ferroviario è cruciale nell’economia indiana. Con oltre 66000 km, la rete ferroviaria indiana è la terza più estesa al mondo. L’India è anche al quarto posto nel mondo per volume di merci trasportate su rotaia, principalmente grazie alla sviluppata industria del carbone: il carbone va trasportato su rotaia alle imprese di tutto il paese. Circa il 50% della produzione di elettricità dell’India dipende dal carbone e, di conseguenza, dal buon funzionamento della rete ferroviaria. Ogni giorno circa 30 milioni di persone viaggiano su ferrovia nel Paese. Il governo indiano è interessato a sviluppare la rete ferroviaria nazionale e le connessioni ferroviarie con altri Paesi. Va ricordato che nel settembre 2014 il Primo ministro Narendra Modi lanciava la campagna Make in India. L’obiettivo è sviluppare vari settori dell’economia e dell’industria indiana attirando investimenti stranieri. Poiché praticamente tutti i settori dell’economia indiana dipendono dal trasporto ferroviario, sviluppo, estensione e modernizzazione della rete ferroviaria sono uno degli obiettivi chiave della campagna. Ad esempio, 953 km di nuovi binari furono posati nel 2016-2017. Tuttavia, per soddisfare le esigenze dell’India è importante non solo creare nuove linee ferroviarie, ma anche dotarle di nuove tecnologie. Un altro obiettivo importante è aumentare la velocità dei treni dell’India. Per raggiungere questo obiettivo, l’India ricorre soprattutto all’aiuto della Russia.
I colloqui su una possibile partnership tra Russia e India iniziarono nel 2015. RZD si offrì d’aiutare l’India nella creazione di tratte ad alta velocità e di fornirle le ultime tecnologie per migliorare la sicurezza dei trasporti ferroviari indiana, incluso il monitoraggio basato sul GPS. Narendra Modi visitò la Russia nel dicembre 2015. Durante la visita RZD e Ministero delle Ferrovie indiano firmarono un accordo preliminare sulla cooperazione tecnologica nel settore ferroviario. Tra gli obiettivi specificati dall’accordo figuravano la modernizzazione delle ferrovie indiane ottenendo una velocità media dei treni di 160-200 km/h (attualmente la velocità dei treni sulla linea indiana più veloce è di 160 km/ora) e introduzione di tecnologie digitali e satellitari per garantire viaggi sicuri. Durante il vertice dei BRICS dell’ottobre 2016, Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica decisero di iniziare a lavorare sulla fattibilità degli investimenti per un progetto di modernizzazione della linea ferroviaria tra le città di Nagpur e Secunderabad. Questa sezione della linea ferroviaria è lunga 581 km. Gli ingegneri ferroviari russi e indiani furono incaricati di aumentare la velocità dei treni passeggeri a 200 km/h. L’aggiornamento della linea comporterà una vasta gamma di lavori, tra cui rafforzamento del sottosuolo, trasmissione della tratta e sostituzione della connessione radio analogica con una digitale. L’aggiornamento della ferrovia Nagpur – Secunderabad sarà un progetto di prova: sarà la prima volta che tecnologie russe saranno utilizzate dalla rete ferroviaria indiana. Se avrà successo, RZD inizierà a lavorare su altre tratte del sistema ferroviario indiano. Nel giugno 2017, al Forum economico internazionale di San Pietroburgo, RZD e partner indiani firmarono un accordo di cooperazione sullo studio di fattibilità per un nuovo progetto, iniziato nel settembre 2017 e che dovrebbe essere completato nell’agosto 2019.
Nel dicembre 2017 gli specialisti russi visitarono l’India ispezionando la linea Nagpur – Secunderabad. Identificarono vari problemi legati alla fornitura di energia elettrica, nonché altri che dovranno essere rettificati durante i lavori programmati. Nell’ottobre 2018, al forum commerciale Russia-India di Nuova Delhi, RZD e Ministero delle Ferrovie indiano firmarono un nuovo documento, accordo preliminare che prevede la significativa espansione della cooperazione tra specialisti ferroviari russi e indiani. In base a questi piani, gli specialisti di RZD faranno parte del centro di controllo unificato del trasporto multimodale merci: RZD svilupperà sistemi di gestione e sicurezza per il centro. Il nuovo accordo prevede anche una stretta collaborazione tra università russe e indiane, formando i futuri specialisti che potranno soddisfare i requisiti del settore ferroviario. Allo stesso forum, Aleksandr Misharin, Primo Vicedirettore Generale di RZD per lo sviluppo dei treni ad alta velocità, annunciò che Russia e India pianificano una società ferroviario per il di trasporto merci. L’obiettivo sarà utilizzare la rete ferroviaria della Russia per avere un sostanziale aumento del trasporto merci su rotaia dall’India all’Europa e viceversa. Vi è ora la chiara richiesta di una simile società, in quanto coincide con l’espansione del corridoio dei trasporti internazionale Nord-Sud (che unisce India, Iran e Russia con una serie di vie di trasporto e potrebbe in futuro, essere esteso al Nord Europa). La cooperazione nella creazione della società è una priorità chiave sia per la Russia che per l’India, poiché il corridoio dei trasporti nord-sud può diventare una delle arterie vitali della massa eurasiatica, facilitando il trasporto lungo il Corridoio Nord-Sud in entrambe le direzioni e aumentandone il traffico. Si prevede che la società sarà costituita entro la fine del 2018.
In conclusione, possiamo dire che il partenariato ferroviario russo-indiano non solo fornirà vantaggi ad entrambi i Paesi, ma promuoverà anche lo sviluppo della regione eurasiatica. La creazione di un sistema di trasporto contemporaneo in un Paese come l’India, con il suo enorme potenziale, avrà impatto positivo sulla prosperità dell’Asia meridionale. E collegare la rete ferroviaria dell’India a quella di Iran e Russia creerà un potente corridoio economico che unirà il nord e il sud dell’Eurasia e promuoverà trasporto ed integrazione economica delle nazioni nella massa territoriale eurasiatica.

Dmitrij Bokarev, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook”.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente Altri Paesi si preparano a serrare i ranghi contro l'unilateralismo di Washington Successivo Modi seppellisce il "momento unipolare" dell'India