La Russia può affondare tutte le portaerei statunitensi che navigano a est della Groenlandia

Valentin Vasilescu, Reseau International 12 ottobre 2018

Gli Stati Uniti hanno una posizione geografica isolata e possiedono la forza navale più potente, in grado di intervenire in qualsiasi parte del mondo. Un blocco imposto alla Russia nel Mar Nero e Mediterraneo dagli Stati Uniti, come disse a Pittsburgh il segretario agli interni Ryan Zinke al Consumer Energy Alliance, è quasi impossibile, poiché i nuovi missili ipersonici Kh-47M2 Kinzhal e 3M22 Zirkon possono neutralizzare il gruppo navale degli Stati Uniti sullo Stretto di Gibilterra.
Il Regno Unito annunciava l’invio di 800 commando nel nord della Norvegia per affrontare “l’aggressione” della Russia. Nel spiegamento di ulteriori truppe NATO negli Stati baltici e polacco, la Marina USA annunciava la riattivazione della seconda flotta, sette anni dopo la disattivazione, con un’area di responsabilità su Nord, Baltico e oceano artico. L’avamposto di Kaliningrad nel Baltico e il gasdotto Nord Stream sono le principali vulnerabilità della Russia nel fianco orientale della NATO. Gli Stati Uniti, sostenuti dalla NATO, potrebbero imporre il blocco navale alla Russia con la seconda flotta nell’Atlantico, Mar Baltico ed Artico? Le portaerei non si avventurano nell’Artico perché possono rimanere bloccate nel ghiaccio. Per le altre due zone, questo è possibile, ma senza alcuna possibilità di successo. La Russia può attaccare il blocco navale degli USA con missili ipersonici contro le navi di superficie non appena entrassero nello Stretto di Skagerrak (che collega Mare del Nord e Mar Baltico). Inoltre, i sottomarini a propulsione nucleare armati di missili ipersonici russi possono colpire un gruppo navale statunitense quando si trova a 1000 chilometri dalle costa orientali dell’Oceano Atlantico, a sud dell’Islanda. I russi possono anche lanciare missili ipersonici Kh-47M2 aerolanciati dai bombardieri a lungo raggio Tu-160 e Ru-23M3, se il gruppo navale statunitense raggiungesse la Groenlandia meridionale. Per evitare di essere intercettati, la rott degli aerei sorvolerebbe il Polo Nord.
Quali sono le possibilità di sopravvivenza del gruppo navale degli Stati Uniti? Il tempo di reazione degli statunitensi in caso di un attacco con missili ipersonici è molto basso, a causa dell’elevata velocità e della quantità minima di tempo dei missili ipersonici nella zona di reazione dei sistemi antiaerei. Il missile Kinzhal ha un’autonomia di 2000 chilometri, una velocità di 12250 km/h e una quota di crociera di 50000 m. Il missile Zirkon ha un’autonomia di 1000 km, una velocità di 9800 km/h e una quota di crociera di 40000 m. La probabilità di distruggere una portaerei con entrambi i tipi di missili ipersonici, perforandone la difesa aerea, è dell’88%. Ciò significa che su 100 missili ipersonici lanciati, 88 violeranno le difese aeree distruggendo i bersagli. Nel caso degli Stati Uniti, se 11 missili ipersonici russi vengono lanciati contro le 11 portaerei statunitensi, solo 1,3 missili non colpiranno gli obiettivi. Ciò significa che rimarrebbero due portaerei, inclusa una danneggiata, dopo la prima salva di missili ipersonici russi. Per la flotta statunitense, significherebbe un disastro incommensurabile.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente S-300 vs. F-35: Stealth e invincibile non sono sinonimi Successivo Tutto quello che si deve sapere sul sistema S-400 Triumf

Lascia un commento