Crea sito

Diplomatici statunitensi coinvolti nei programmi di guerra batteriologica

Diljana Gajtandzhieva Naturalblaze 18 settembre 2018

L’Ambasciata USA a Tbilisi trasporta sangue umano congelato e agenti patogeni come carico diplomatico per un programma militare segreto degli Stati Uniti. Documenti interni, implicanti diplomatici statunitensi nel trasporto e sperimentazione di agenti patogeni sotto copertura diplomatica, sono stati svelati da esperti georgiani. Secondo questi documenti, gli scienziati del Pentagono sono stati dispiegati nella Repubblica di Georgia ricevendo l’immunità diplomatica nella ricerca di malattie mortali e insetti infettanti nel Centro di Lugar, biolaboratorio del Pentagono nella capitale della Georgia Tbilisi. Tale struttura militare è solo uno dei tanti biolaboratori del Pentagono in 25 Paesi nel mondo. Sono finanziati dalla Defense Threat Reduction Agency (DTRA) nell’ambito di un programma militare da 2,1 miliardi di dollari, il Cooperative Biological Engagement Program (CBEP) , e si trovano nei Paesi ex-sovietici Georgia e Ucraina, Medio Oriente, Asia sud-orientale e Africa. Invece d’investire nella salute dei propri cittadini, il governo degli Stati Uniti ha speso 161 milioni di denaro dei contribuenti statunitensi presso il Centro Lugar di Tbilisi per ricerche su malattie mortali e insetti infettivi. La struttura segreta si trova a soli 17 km dalla base aerea militare Vaziani degli Stati Uniti, nella capitale della Georgia, Tbilisi. Il biolaboratorio del Pentagono è pesantemente sorvegliato. Tutti i passanti entro un raggio di 100 m sono filmati anche se il biolaboratorio militare si trova in un’area residenziale.
Le guardie di sicurezza mi avvertivano che se non rispettavo e mostravo il mio passaporto e lasciavo il luogo, venivo arrestato. Anche la mia richiesta ufficiale al Centro di Lugar per l’accesso alla struttura e per le interviste veniva respinta.

Esperimenti segreti di notte
Comunque, tornavo di notte quando il laboratorio sembra ancora funzionare. Non importa quanto lontana si sia l’aria odora di sostanze chimiche, proveniente dal centro Lugar che di notte viene soffiato dal vento verso l’area residenziale. I residenti del quartiere Alekseevka, dove si trova il laboratorio, lamentano che sostanze chimiche pericolose vengono segretamente bruciate durante la notte e che i rifiuti pericolosi vengono svuotati nel vicino fiume attraverso gli scarichi del laboratorio. La gente del posto lamenta costante mal di testa, nausea, ipertensione e vertigini quando le sostanze chimiche vengono bruciate nel laboratorio, a solo un paio di centinaia di metri dalle loro case. “C’è un fumo. nero, rosso, verde di notte o soprattutto al mattino presto intorno alle 3 o 4. Anche le galline sono morte. Hanno aperto un grosso tubo sotterraneo e l’hanno collegato alle fognature. Questo odore viene da lì. Puzza di uova marce e fieno in decomposizione. L’odore è così cattivo e si diffonde in diverse direzioni col vento”, dice Eteri Gogitidze che vive in un condominio vicino al laboratorio. “Ho una malattia della tiroide. C’è una famiglia di tre persone nel vicinato e tutte e tre hanno una malattia alla tiroide. Dicono che è causato dal laboratorio”, spiega Eteri Gogitidze di Alekseevka, dove si trova il laboratorio. “A volte il vento diffonde un odore di uova marce. Una volta mi sono svegliato la mattina presto e ho notato fumo viola provenire dal laboratorio. Di notte lasciano uscire il fumo in modo che la gente non lo veda. Perché di notte, cosa si nascondono?, si chiede e poi fornisce un altro fatto preoccupante: “Ci sono grandi tubi di plastica blu lungo questa strada (dal laboratorio) e dove tutto finisce nel fiume 3-4 km lontano. Non solo inquinano la nostra aria, ma anche avvelenano le nostre acque”.

Gas velenoso uccide due filippini
I vicini ricordano un tragico incidente che coinvolse quattro filippini che lavoravano al Centro Lugar. Due stranieri morriono per un presunto avvelenamento da gas nel loro appartamento in affitto nel blocco 44 della colonia di Alekseevka. “La prima volta in cui chiamarono il servizio di emergenza ci dissero che fu avvelenamento da pesce. Ma la seconda volta che arrivò l’ambulanza, c’era della schiuma che gli usciva dalla bocca. Gridavano: “Aiuto, aiuto!” Quando sono morti, li portarono via e nascosero tutto. È successo tutto qui”, dice Albert Nurbekjan mostrando l’appartamento sigillato dove sono morti gli scienziati stranieri. Un’altra testimone, Elvira Ratiani che viveva nella porta accanto, vide morire gli stranieri davanti ai suoi occhi. “Erano i miei vicini, vivevamo sullo stesso piano e una volta avvelenati, ci chiesero di chiamare il servizio di emergenza. Abbiamo telefonato e il servizio li salvò. Dissero che probabilmente era avvelenamento da pesce. La seconda volta, bussarono alla porta e di nuovo chiesero aiuto. C’erano quattro filippini, due di loro furono salvati, ma gli altri due morirono”, ricorda Elvira Ratiani che vive nel fatale blocco 44 della colonia Alekseevka proprio accanto al laboratorio.

Sangue umano e agenti patogeni come carico diplomatico all’ambasciata degli Stati Uniti
Documenti interni e corrispondenza tra Ministero della Sanità della Georgia e ambasciata degli Stati Uniti a Tbilisi mostrano quali esperimenti sono condotti presso il Centro Lugar. I documenti trapelati rivelano che l’ambasciata USA a Tbilisi trasporta agenti patogeni, oltre che sangue umano congelato, come carico diplomatico.

Questa lettera del Ministero della Sanità della Georgia all’ambasciata USA a Tbilisi esonera l’importazione dalla registrazione poiché i diplomatici statunitensi sostengono che il sangue umano congelato è necessario per scopi di ricerca nel programma statunitense sull’epatite C in Georgia. Le spedizioni di carichi diplomatici sono esenti da ispezione e tasse. Secondo le istruzioni dell’agenzia DTRA (Defense Threat Reduction Agency) del Pentagono, che sovrintende e finanzia i laboratori, il materiale biologico per le esigenze del programma deve essere spedito come materiale per le ambasciate degli Stati Uniti. In caso di importazione in Russia, tale materiale biologico deve essere trasportato dai diplomatici in una borsa diplomatica e sigillato come carico diplomatico.

Il Pentagono: prostitute severamente vietate, niente sesso all’estero
Altre istruzioni per il personale degli Stati Uniti che lavora nell’ambito del programma militare proibiscono prostitute e qualsiasi interazione con individui di cui si può ragionevolmente ritenere essere prostitute. I rapporti romantici, intimi o sessuali con i cittadini locali o tra i membri del team sono fortemente scoraggiati dal fatto che “i servizi di sicurezza stranieri sono noti utilizzare l’attrattiva di tali relazioni per sfruttare i funzionari stranieri”. Quindi, una relazione con cittadini stranieri va segnalata al DTRA il più presto possibile, si legge nel documento.

Gli scienziati statunitensi testano i virus sotto l’immunità diplomatica
Nei programmi del Centro Lugar vi sono i biologi dell’US Medical Research Unit-Georgia (USAMRU-G) insieme a ditte private statunitensi e al Centro per il controllo delle malattie degli Stati Uniti (CDC). Alcune zone del laboratorio sono classificate e accessibili solo ai cittadini statunitensi con nullaosta di sicurezza. A loro viene riconosciuta l’immunità diplomatica ai sensi dell’Accordo USA-Georgia del 2002 sulla cooperazione nella difesa. Joshua Bast è il vicedirettore dell US Medical Research Unit-Georgia (USAMRU-G). Lo scienziato militare statunitense guida un’auto diplomatica e gode dell’immunità diplomatica, senza essere un diplomatico. È schierato in Georgia dal 2015 dal Walter Reeds Army Institute of Research del Pentagono. La sua unità militare gestisce anche un laboratorio nel Centro Lugarm il laboratorio di ricerca dell’esercito Walter Reeds. Tuttavia, quando l’incontro all’ingresso del laboratorio, nega categoricamente che lavori al Centro Lugar. Tuttavia, le e-mail trapelate tra Pentagono e il Ministero della Sanità georgiano lo smascherano. Joshua Bast lavora nel centro di Lugar. Joshua Bast è il vicedirettore dell’USAMRU-Georgia, secondo la corrispondenza tra l’unità di ricerca medica del Pentagono in Georgia e il Ministero della Sanità georgiano. L’indirizzo dell’USAMRU-Georgia indicato in questa e-mail ufficiale è l’indirizzo del Centro Lugar (16 Kakheti Highway, Tbilisi).

Perché un dipendente del Pentagono mente sul suo posto di lavoro? Non ebbi alcuna risposta. Joshua Bast fuggì dopo la domanda. Non è l’unico non diplomatico statunitense che lavora al programma del Pentagono, a cui sia concessa l’immunità diplomatica. C’erano sei auto diplomatiche nel parcheggio del laboratorio, tutte con targhe dell’ambasciata USA. Dopo che mi rifiutai di dare retta alle guardie di sicurezza, spuntò un’auto senza targa. Ma riuscivo a scappare. Le guardie di sicurezza che pattugliano l’area intorno al laboratorio su un’auto non contrassegnata sono pagate dal Pentagono e non dal governo della Georgia, secondo le informazioni ottenute dal Registro dei contratti Federale degli Stati Uniti. Quindi, la Georgia non ha alcun controllo sulle attività del suo sponsor straniero. Inoltre, gli scienziati del Pentagono possono operare in violazione diretta del diritto internazionale.

Il diritto internazionale non è applicabile
Sotto un accordo di 3 anni tra Walter Reeds Army Institute e Centro nazionale georgiano per il controllo delle malattie (NCDC), al Pentagono è stato dato pieno accesso alla collezione locale di agenti mortali per studiarli. Questi sono agenti che possono causare antrace, tularemia, brucella e peste. Secondo le disposizioni dell’accordo, “il diritto internazionale non è applicabile al presente accordo, le parti concordano che nessuna corte, tribunale o entità internazionale ha giurisdizione o autorità per considerare o dare un giudizio in caso di controversie tra le parti di questo accordo”.

Drone per diffondere zanzare tossiche
Il lavoro che i diplomatici statunitensi svolgono presso il Centro Lugar non ha nulla a che fare con la diplomazia e non rientra nella Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche. Joshua Bast, ad esempio, è un entomologo e ricercatore di insetti, secondo un video pubblicato dall’ambasciata statunitense per promuovere gli scopi pacifici del programma militare degli Stati Uniti in Georgia. Perché un entomologo lavora per l’esercito statunitense e perché ha l’immunità diplomatica? La guerra entomologica è un tipo di guerra biologica che usa insetti per trasmettere malattie. La Georgia confina col principale rivale degli Stati Uniti, la Russia. Mosca ha più volte espresso preoccupazione sul possibile sviluppo di armi biologiche ai confini russi, compresa la diffusione di malattie attraverso gli insetti. Tali timori non sono infondati, considerando un recente brevetto statunitense per un sistema di rilascio Toxic Mosquito Aerial, concesso dall’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti nel 2014. L’invenzione include un drone che può rilasciare zanzare infette.
Secondo i documenti del brevetto, il drone è in grado di rilasciare tossine letali e non letali, compreso qualsiasi agente che possa essere trasportato e somministrato da una zanzara. L’inventore del drone delle zanzare tossiche S. Mill Calvert ha brevettato 42 invenzioni militari simili per l’esercito e le forze speciali statunitensi, compresi i proiettili che provocano ictus, in soli due anni dal 2013 al 2015. Una persona con tale nome tuttavia non esiste nel registro dei cittadini degli Stati Uniti. L’avvocato per i brevetti degli Stati Uniti, Louis Ventre, cui presentavo domanda, si rifiutava di commentare se tale nome fosse uno pseudonimo e chi fosse in realtà il suo cliente. I documenti mostrano una serie di progetti del Pentagono che coinvolgono gli insetti come possibili vettori di malattie in Georgia. Nel 2014 il Centro Lugar fu dotato di una struttura per insetti e lanciò un progetto sulle mosche della sabbia in Georgia e nel Caucaso. Nel 2014-2015 tali specie furono raccolte nell’ambito di un altro progetto “Surveillance Work on Acute Febrile Illness” e tutte le mosche della sabbia (femmine) furono testate per determinare il tasso di infettività. Un terzo progetto, che includeva anche la collezione di mosche della sabbia, ne studiava le caratteristiche delle ghiandole salivari. Le mosche della sabbia trasportano pericolosi parassiti colla saliva e che possono trasmettere agli esseri umani attraverso un morso. Dall’inizio del progetto sulle mosche al Centro Lugar, la Georgia è infestata da mosche di sabbia. La popolazione locale si lamenta di essere stata morsa da tali mosche appena apparse, mentre erano nei loro bagni.
Gli scienziati del Pentagono hanno anche effettuato esperimenti con zanzare e zecche tropicali in Georgia. Nel 2016 furono raccolte 21590 zecche per una banca dati del DNA per studi futuri presso il Centro Lugar col progetto del Pentagono “Valutare la seroprevalenza e la diversità genetica del virus della febbre emorragica della Crimea-Congo (CCHFV) e degli Hantavirus in Georgia”. I progetti del Pentagono che coinvolgono le zecche coincidono con un’inspiegabile epidemia di febbri emorragiche della Crimea-Congo (CCHF) causata dall’infezione tramite un virus trasmesso dalle zecche. Nel 2014 furono infettate 34 persone (tra cui un bambino di 4 anni). Un totale di 60 casi con 9 morti furono registrati in Georgia dal 2009, secondo una e-mail inviata dal direttore del Centro Lugar, Amiran Gamkrelidze, al Ministro della Sanità della Georgia, David Sergeenko.

Polvere bianca sulla Cecenia
Si presume che l’Agenzia per la riduzione delle minacce alla difesa (DTRA), che gestisce il programma militare statunitense presso il Centro Lugar in Georgia, abbia già effettuato test sul campo con una sostanza sconosciuta in Cecenia, Russia. Nel giugno 2017 i cittadini locali riferirono di un drone che diffondeva polvere bianca vicino al confine russo con la Georgia. Il Pentagono ha droni per disseminare polveri di agenti biologici, secondo le informazioni ottenute dal registro dei contratti federali degli Stati Uniti. Tali test sul campo che coinvolgono droni per dispersione di bio-agenti furono effettuati dal 2012 a Dugway Proving Ground, Utah. La struttura militare non produce solo agenti bioattivi che includono antrace, tossina botulinica, tularemia, ecc., col pretesto di studiarli, ma li diffonde via aerosol, polvere ed esplosivi, come dimostrato in un rapporto dell’esercito statunitense del 2012. Un’offerta di lavoro dall’esercito degli Stati Uniti, test sul campo che coinvolgono bio-agenti e droni, possono essere trovati su un sito web dei contratti federali degli Stati Uniti. I documenti e le foto dell’esercito statunitense mostrano che il Pentagono ha sviluppato vari metodi di diffusione per gli attacchi di bioterrorismo, inclusi gli esplosivi.

Oltre ad avere varie capacità militari per disperdere agenti biologici, DTRA ha anche pieno accesso ai confini russi, concesso nell’ambito di un programma militare denominato Georgia Land Border Security Project . Le attività relative a questo progetto sono state esternalizzate a una società americana privata – Parsons Government Services International. Parsons ha ricevuto un contratto da $ 17,7 milioni sotto il progetto di sicurezza del confine del Pentagono in Georgia. DTRA in precedenza ha commissionato a Parsons progetti di sicurezza delle frontiere simili in Libano, Giordania, Libia e Siria . È interessante notare che un subappaltatore che lavora a questo progetto di sicurezza delle frontiere – TMC Global Professional Services , viene anche contratto da DTRA per il supporto scientifico presso il Centro Lugar. La stessa società americana – TMC, che lavora presso il Centro Lugar effettua anche sorveglianza per le armi di distruzione di massa ai confini georgiani. Il progetto coincide con l’incidente relativo alla disseminazione di polveri che è stato segnalato e girato nella vicina Cecenia vicino al confine georgiano.

Appaltatori privati
L’agenzia DTRA (Defense Threat Reduction Agency) ha esternalizzato gran parte del lavoro del programma militare presso società private, che non sono responsabili nei confronti del Congresso, e che possono operare più liberamente e muoversi evitando lo stato di diritto. Questa e-mail, ad esempio, del 16 febbraio 2018, fu inviata da un dipendente di un’azienda privata, TMC Global Professional Services, per conto dell’unità del Pentagono presso il Centro Lugar, per chiedere un incontro col Ministro della Sanità georgiano.
Nel 2016 TMC ha ricevuto un contratto da 3,8 milioni di dollari fino al 2021 per servizi di supporto presso il Centro Lugar. È interessante notare che nello stesso anno la stessa società privata ottenne un altro contratto sulla lotta alla droga dal Pentagono del valore di 975 milioni di dollari. Perché a una società, che lavora per il Pentagono in un programma per contrastare i narcotici, viene concessa un laboratorio militare che brucia sostanze chimiche durante la notte? I documenti trapelati rivelano un’altra società coinvolta nel programma in Georgia, la Booz Allen Hamilton.
Nel giugno 2013, Edward Snowden, allora dipendente di Booz Allen era sotto contratto con la National Security Agency (NSA), rivelò pubblicamente i dettagli dei programmi di sorveglianza di massa e raccolta dati degli Stati Uniti in tutto il mondo. L’ex-datore di lavoro di Snowden, Booz Allen Hamilton, ricevette cinque contratti lucrosi dall’agenzia DTRA (Defense Threat Reduction Agency) dal 2010 al 2022, per un totale di almeno 358 milioni di dollari per il supporto d’intelligence e agenti chimici. Secondo il sito web della compagnia, sviluppava una piattaforma web per la Defense Threat Reduction Agency (DTRA) e la comunità di intelligence degli Stati Uniti. Il sistema contiene attualmente oltre 9 terabyte di dati d’intelligence e cresce di circa 1,5 milioni di dati ogni settimana. Il Pentagono ha speso almeno 161 milioni di dollari sul Lugar Center di Tbilisi con un contratto con l’appaltatore privato statunitense CH2M Hill. Questa è la metà della somma totale di 361,4 milioni di dollari che la società riceve per gestire i bio-laboratori del Pentagono in Georgia, Uganda, Tanzania, Iraq, Afghanistan e Asia sud-orientale. Secondo CH2M Hill, la compagnia statunitense ha assicurato agenti biologici e impiega ex-scienziati della guerra biologica presso il Centro Lugar. Questi scienziati lavorano per un’altra società statunitense coinvolta nel programma militare in Georgia, la Battelle Memorial Institute. Battelle come subappaltatore da 59 milioni di dollari presso il Centro Lugar ha una vasta esperienza nella ricerca sui bio-agenti, in quanto la società ha già lavorato al programma di armi biologiche statunitensi con 11 contratti con l’esercito statunitense. Fonte: Attività dell’US Army negli Stati Uniti, Programmi di guerra biologica, vol. II, 1977, p. 82. La stessa compagnia ha lavorato anche per la CIA nell’ambito del Project Clear Vision (1997-2000). Il cui obiettivo dichiarato era ricostruire un bomba all’antrace di epoca sovietica per testarne le caratteristiche della disseminazione. L’operazione clandestina della CIA-Battelle fu omessa dalle dichiarazioni sulla Convenzione sulle armi biologiche degli Stati Uniti presentate all’ONU.

L’inaugurazione del Centro Lugar a Tbilisi nel 2011. Andrew C. Weber (a destra), Segretario alla Difesa degli Stati Uniti (2009-2014), coordinatore delegato del DoD per l’Ebola Response (2014-2015), è attualmente un dipendente di Metabiota (appaltatore degli Stati Uniti). La società statunitense Metabiota Inc. ha ricevuto 23,9 milioni di dollari in contratti federali nell’ambito del programma DTRA del Pentagono in Georgia e Ucraina per servizi di consulenza scientifica e tecnica. Metabiota fu incaricata di eseguire lavori per DTRA prima e durante la crisi dell’Ebola in Africa occidentale e ricevette 3,2 milioni di dollari (2012-2015) per il lavoro in Sierra Leone nell’epicentro dell’epidemia di Ebola. Metabiota ha lavorato a un progetto del Pentagono all’epicentro della crisi di Ebola, dove si trovano tre biolaboratori statunitensi.

Giornalista espulsa dal Parlamento Europeo per aver affrontato il funzionario USA sulle armi biologiche.
Chiesi al segretario alla sanità statunitense Robert Kadlec un commento durante una conferenza sulle armi biologiche al Parlamento Europeo a Bruxelles e fui immediatamente espulsa dalla conferenza.

Bioarmi etniche
I documenti rivelano alcuni progetti finanziati dal Pentagono. Tra cui quelli relativi alla Russia. L’US Air Force raccoglie specificamente campioni di RNA e tessuti sinoviali russi sollevando timori a Mosca su un occulto programma di armi biologiche etniche statunitensi. Il Pentagono aveva anche studiato il ceppo di antrace russo presso il Centro Lugar per il quale la Russia ha un vaccino, un ceppo russo di Ersinia pestis (che causa la peste), così come la sequenza del genoma del ceppo del virus della febbre emorragica russa Crimea-Congo. Secondo lo studio del genoma, il “DNA del russo è disponibile dal Dr. Mikeljon Nikolich”, uno degli scienziati del Pentagono presso il Centro Lugar incaricato della ricerca sul genoma di ceppi in raccolte di patogeni provenienti da Paesi ex-sovietici, come rivela un documento trapelato.

Nel 2017 gli scienziati del Pentagono sequenziarono il genoma di un ceppo russo della Crimean Congo Hemorrhagic Fever (CCHF). E-mail trapelate tra il direttore del Centro Lugar Amiran Gamkrelidze e il ministro della Sanità della Georgia David Sergeenko, rivelano anche un progetto in corso del Pentagono sulla febbre emorragica Crimea-Congo nel Paese.

I georgiani venivano usati come conigli da laboratorio
Le e-mail del ministro rivelano anche un altro progetto statunitense sull’epatite C in Georgia, inclusi casi di morte. Lo studio pilota del Centro per il controllo delle malattie negli Stati Uniti in Georgia è chiamato “Diagnostica semplificata e monitoraggio dei pazienti infetti da epatite C nelle impostazioni delle cure primarie rurali utilizzando la terapia antivirale pan-genotipica appena approvata”. È designato come informazione riservata. Il Ministero della Sanità della Georgia firmò un accordo col Centro per il controllo delle malattie e la società farmaceutica privata Gilead degli USA. Secondo tale accordo, gli statunitensi forniscono medicine gratuite per la cura dell’epatite C. In cambio, la compagnia privata statunitense non può essere ritenuta responsabile di qualsiasi danno (intenzionale o meno) che potrebbe derivare dal programma. L’accordo è firmato da David Sergeenko dai georgiani. Il Ministro della Sanità della Georgia David Sergeenko firmò un accordo con Gilead che assolve la società farmaceutica privata statunitense da qualsiasi indagine, il che significa che Gilead non può essere ritenuta responsabile per qualsiasi danno (intenzionale o meno) che potrebbe derivare dal programma.

Da Parigi con amore
Le e-mail trapelate tra il ministro Sergeenko e il Centro per il controllo delle malattie degli Stati Uniti (CDC) a sostegno del programma sull’epatite C in Georgia rivelano incontri privati a Parigi tra i funzionari governativi e Gilead.

Rapporti riservati: almeno 100 casi di morte in Georgia
I documenti confidenziali trapelati mostrano almeno 100 decessi segnalati alla Gilead, negli ultimi 3 anni, di pazienti sottoposti a cure con i farmaci Gilead Sovaldi e Harvoni fornitigli gratuitamente. I georgiani sono stati usati come conigli da laboratorio per una nuova cura sperimentale dell’epatite C da parte della società privata insieme al Centro per il controllo delle malattie negli Stati Uniti. Inoltre, in alcuni dei casi di morte inviati a Gilead dal Ministero della Salute georgiano, la causa della morte veniva indicata come sconosciuta o non correlata alla cura. 30 georgiani morirono durante le sperimentazioni cliniche coi farmaci solo nel dicembre 2015. Altri 30 casi furono segnalati nell’aprile 2016, sempre nell’arco di un solo mese. Va notato che i farmaci non sono né farmaci di rianimazione di emergenza per i pazienti in condizioni cliniche morte, né farmaci palliativi per cancro. La maggior parte delle cause di morte rimane oscura e alcune diagnosi non sono correlate con la classificazione internazionale delle malattie da parte dell’OMS. La discrepanza in un rapporto sul caso di morte del 2017 del Ministero della Sanità georgiano alla Gilead solleva alcune domande: come può un paziente morto continuare la cura dopo la morte? 30 casi di morte furono segnalati solo nell’aprile 2016. Secondo i rapporti, tuttavia, la causa della morte non era legata ala cura o era sconosciuta. A peggiorare le cose, l’agenzia governativa degli Stati Uniti lanciava il progetto apparentemente altruista sulle medicine gratuite per il povero popolo georgiano in collaborazione con la società privata Gilead, in un conflitto di interessi diretto. Un rapporto finanziario del 2017 rivela che la stessa società Gilead è tra i principali sponsor del Centre for Disease Control Foundation. Il maggiore azionista di Gilead è l’ex-ministro della Difesa degli Stati Uniti Donald Rumsfeld. Il 5 settembre 2018, il dipartimento anticorruzione della Georgian National Security Agency annunciava di aver avviato un’indagine sul programma per l’epatite C.
Il Centro Lugar finanziato dagli Stati Uniti a Tbilisi potrebbe essere coinvolto in esperimenti illegali su cittadini georgiani, affermava l’ex-ministro della sicurezza Igor Giorgadze citando documenti trapelati che aveva ottenuto. Aveva detto che era riuscito ad acquisire oltre 100000 pagine di documenti sulla ricerca nel Centro Richard Lugar. Il ministro della Sanità della Georgia, David Sergeenko, non rispose alle mie domande. Le e-mail trapelate mostrano però la reazione del ministro.

Il ministro inoltrò l’e-mail al suo centro stampa giurando contro di me in georgiano: “Chi diavolo è lei e da dove ha ricevuto la mia e-mail?” Per coincidenza fui inspiegabilmente rinchiusa nella camera da letto del mio appartamento in affitto a Tbilisi mentre dormivo e fui liberato dai servizi di emergenza che entrarono dal tetto. La polizia non ebbe alcuna risposta su chi s’introdusse nell’appartamento, mi chiuse a chiave e perché, dato che nulla fu rubato. Probabilmente qualcuno non vuole che i giornalisti indaghino sulle sostanze chimiche bruciate di notte nel laboratorio finanziato dal Pentagono e perché un appaltatore privato di un programma del Pentagono per contrastare i narcotici lavori nello stesso laboratorio.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

2 Risposte a “Diplomatici statunitensi coinvolti nei programmi di guerra batteriologica”

  1. …come lo leggo io questo articolo può essere letto da chiunque…..dove sono i ns grandi giornalisti delle ns gloriose testate nazionali? Dove è il Corriere? Dove Repubblica? Possibile questi giornali non si vergognino di come stanno facendo informazione? Ma perchè bisogna dare sovvenzioni a giornali che non fanno il servizio per cui prendono soldi????

I commenti sono chiusi.