Continua il coordinamento russo-siriano

Dr. Muhamad Abdu al-Ibrahim, capordattore di Syria Times, 26 luglio 2018

Sua Eccellenza Presidente Bashar Al-Assad ha affermato che il crimine dello SIIL ad al-Suwayda indica che i Paesi che sostengono il terrorismo cercano di far rivivere le organizzazioni terroristiche come carta per puntare su guadagni politici; tuttavia tali azioni sinistre porteranno solo spreco di vite in questi Paesi e a più sangue dagli inermi. Il Presidente Assad riceveva l’inviato speciale del Presidente Vladimir Putin Aleksandr Lavrentiev e la sua delegazione. Lavrentiev condannava nei termini più netti gli attacchi terroristici contro al-Suwayda, affermando che essi asseriscono la correttezza dello Stato siriano nel continuare la lotta al terrorismo fino all’eliminazione del terrorismo dalla Siria. I colloqui s’incentravano sulla cooperazione e i problemi degli sfollati dalla Siria a causa del terrorismo, dove il Presidente Assad apprezzava il ruolo svolto dalla Russia sul loro ritorno, sia all’interno che dall’estero. Anche i preparativi per il decimo round dei colloqui di Astana a Sochi, la prossima settimana, erano interessati. Il 23 maggio 2018, il Presidente Bashar al-Assad notava che popolo e leadership della Russia sono i partner delle vittorie ottenute contro i terroristi in Siria e queste vittorie non cesseranno mai fino all’eliminazione dell’ultimo terrorista e alla liberazione ciò che rimane dei focolai terroristici in Siria. Il Presidente Assad sottolineava, durante l’incontro con l’inviato speciale del Presidente russo in Siria, Aleksandr Lavrentiev e la sua delegazione, che alcune disilluse forze internazionali sulla realtà delle operazioni in Siria sono solo d’ostacolo prima del raggiungimento di qualsiasi progresso politico.
Il Presidente Assad chiese a tali persone distanti dal concreto di avere almeno il minimo di realismo politico e di fermare il sostegno al terrorismo e passare al lavoro politico. Durante l’incontro fu posto l’accento sull’importanza del meccanismo di attuazione dei risultati del Vertice di Sochi per proseguire la lotta al terrorismo, aumentare la partecipazione russa alla ricostruzione e attivare e far progredire il processo politico. Lavrentiev comunicava al Presidente Assad le congratulazioni del il Presidente Vladimir Putin e della leadership russa per aver liberato Damasco e provincia dagli attentati e dalle minacce dei terroristi. Lavrentiev osservava che il Vertice di Sochi e gli argomenti ivi discussi davano forte spinta alle relazioni bilaterali permanenti e alle prospettive della cooperazione. Lavrentiev invitava le forze internazionali che desiderano sinceramente sostenere il processo politico a trarre vantaggio dallo sviluppo positivo in Siria e dalla volontà del governo siriano di far avanzare il processo politico per giungere a conclusioni che portino alla fine della guerra e del sangue versato dai siriani.
Il 26 ottobre 2017, il Presidente Assad, nel corso dell’incontro con la delegazione russa guidata da Aleksandr Lavrentiev, osservava i risultati raggiunti dall’Esercito arabo siriano ed alleati nella liberazione dei territori occupati dai terroristici, preparando il terreno alla maggiore azione politica, in particolare perché il governo siriano ha trattato positivamente ogni iniziativa politica che mirava a fermare il sangue versato dai siriani, ripristinare sicurezza e stabilità in Siria e preservare sovranità ed integrità territoriale del Paese. Il Presidente Assad ribadiva la determinazione siriana a continuare la guerra al terrorismo da una parte e a sostenere la pista politica dall’altra accelerando la riconciliazione nazionale e incoraggiando il dialogo tra tutti i siriani attraverso una conferenza del dialogo nazionale in Siria, modificando la costituzione e tenendo nuove elezioni parlamentari.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente Grecia: guerra ibrida, gasdotti e Stati Uniti Successivo India e Russia firmeranno grandi contratti militari

Lascia un commento