L’Africa vanta un grande potenziale per la cooperazione Cina-India

Yu Ning, Global Times, 23/7/2018

Col Presidente Xi Jinping e il Primo ministro Narendra Modi che visitavano l’Africa, speculazioni sulla competizione per l’influenza nel continente ricco di risorse vengono nuovamente alimentate. Il Presidente Xi arrivava in Africa per un tour nelle quattro nazioni Senegal, Ruanda, Sudafrica e Isole Mauritius, mentre Modi dava il via al suo viaggio dal Ruanda a Uganda e Sud Africa. Numerosi organi di stampa indiani descrivevano le intense vicende dei leader di Cina ed India nei Paesi africani come intensa corsa diplomatica. Nell’ultimo decennio, Cina e India, due potenze globali emergenti, sono diventate i partner economici più importanti dell’Africa e hanno entrambi compiuto sforzi per consolidare i legami col continente. Alcuni osservatori ritengono che Cina e India gareggiano per l’influenza nel continente. È allettante e facile cadere in tale facile costrutto della rivalità tra India e Cina in Africa, ma tali cliché non colgono l’intero quadro. La presenza comune dei due Paesi in Africa non porta necessariamente a una concorrenza spietata. Considerando che Cina ed India possono completarsi a vicenda dati i vantaggi in Africa, possono invece cooperare per adempiere alle responsabilità di grandi potenze.
La Cina contribuisce in modo significativo alla costruzione delle infrastrutture in Africa ed è brava a fornire investimenti e tecnologia, mentre l’India eccelle nell’aiutare l’Africa nello sviluppo delle risorse umane attraverso istruzione, formazione professionale e sviluppo delle competenze. Inoltre, grazie a un’importante popolazione africana di origine indiana nel continente, l’India ha mantenuto migliori relazioni non governative coi Paesi africani rispetto alla Cina. Poiché la Cina aumenta continuamente il sostegno allo sviluppo economico dell’Africa attraverso l’iniziativa Belt and Road, ci sono ampie opportunità di cooperazione tra Pechino e Nuova Delhi. Date le dimensioni dell’Africa e le sue crescenti esigenze di sviluppo, vi è spazio sufficiente per India e Cina nel sfruttare le opportunità offerte dal continente. La Cina è disposta a vedere l’India approfondire la cooperazione con l’Africa. Può anche essere d’aiuto se l’impegno dell’India coi Paesi africani può stimolare lo sviluppo locale e viceversa. La narrativa che ritrae l’Africa come campo di battaglia tra grandi potenze in competizione per l’influenza non è altro che mentalità neo-colonialista che va ignorata. Ovviamente non è realistico dire che non ci sia competizione tra Cina e India. Tuttavia, l’effetto negativo della competizione non va esagerato. Per i Paesi africani, che sia la Cina o l’India, più partner gli porteranno più assistenza e opportunità di cooperazione, contribuendo al loro sviluppo.
Come disse il Presidente Xi, India e Cina condividono notevoli vantaggi complementari e un significativo potenziale nella cooperazione in vari campi. In un mercato di terze parti come l’Africa che non coinvolge i reciproci interessi principali, Cina ed India dovrebbero esplorare in particolare le opportunità di cooperazione, instaurare fiducia reciproca e raggiungere una situazione vantaggiosa per entrambe le parti.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente Il programma della difesa russo accende l'immaginazione Successivo In Nicaragua, l'operazione "Contra 2" fallisce?

Lascia un commento