La Russia lavora sui nuovi aerei “anti-satellite”

Igor Rozin, RBTH 19 luglio 2018

No, non è fantascienza, è vero. Gli ingegneri russi hanno recentemente iniziato a lavorare sull’aereo da guerra elettronica “Porubshik-2” di nuova generazione. Il modello è la nuova versione di Il-22 “Porubshik” progettato per “accecare” aviogetti, bombardieri e sistemi di difesa aerea nemici interrompendone i segnali elettronici. Il primo modello è un vecchio velivolo dell’era sovietica. aggiornato un paio di volte per tenere il passo coi progressi tecnologici. “Nella guerra moderna, la maggior parte delle armi impiega la navigazione satellitare. Prima di tutto, i satelliti forniscono immagini del campo di battaglia ai comandi avanzati, ed anche la navigazione GPS ali aerei e soprattutto guidano i missili verso il loro obiettivo“, dichiarava Dmitrij Safonov, ex-analista militare del quotidiano Izvestija. “Le armi precise sono vitali nei conflitti moderni. Nei prossimi anni il loro potere distruttivo sarà simile a quelle nucleari. Quindi lasciare il possibile nemico privo della possibilità di usare tali armi è cruciale”.

Nuovo aspetto
Fusoliera e aspetto generale del nuovo velivolo sono attualmente in fase di riprogettazione e gli esperti ritengono che questa versione sarà notevolmente più grande del modello precedente. “I sistemi elettronici in grado di “spegnere” i satelliti o semplicemente d’interferirvi richiedono molta energia e grandi generatori di energia. Quindi il nuovo aereo richiede molto spazio interno e una fusoliera adatta; i nuovi sistemi saranno probabilmente basati sull’aereo da trasporto militare Il-276“, dichiarava il direttore della rivista Arsenal Otechestva (Arsenale della Patria) Viktor Murakhoskij. L’Il-276 è un velivolo da trasporto militare con capacità di carico di 12 tonnellate per una distanza di 2700 km, volando alla velocità di 870 km/h. Un velivolo costa circa 40 milioni di dollari.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Precedente Russia: sovrana e ben protetta dalle tempeste finanziarie Successivo La Cina può imparare dal rispetto di Trump per la Russia

Lascia un commento