Crea sito

Russia e Bielorussia firmano il primo partenariato militare strategico

TASS, 2 marzo 2021

Questo programma consentirà di vedere chiaramente le prospettiva e sviluppare la cooperazione con la Russia, affermava il Ministero della Difesa bielorusso.
I Ministeri della Difesa russo e bielorusso firmavano per la prima volta un programma di partenariato strategico per i prossimi cinque anni, dichiarava il capo del Dipartimento di cooperazione militare internazionale del Ministero della Difesa della Bielorussia, Maggiore- Generale Oleg Vojnov, dopo un incontro col presidente bielorusso. “Abbiamo firmato per la prima volta per cinque anni il programma di partenariato strategico tra i Ministeri della Difesa della Repubblica di Bielorussia e della Federazione Russa. Questo programma consentirà di vedere chiaramente le prospettive e di sviluppare la nostra cooperazione con la Federazione Russa”. L’ufficio stampa del Ministero della Difesa bielorusso citava Vojnov nel proprio canale Telegram.
Fu chiaramente affermato all’ Assemblea Popolare bielorussa che “la Federazione Russa è un alleato strategico della Repubblica di Bielorussia”, aveva detto Vojnov. “Naturalmente, questo riguarda pienamente la sfera militare ed è perciò che il Capo di Stato oggi veniva informato sullo stato della cooperazione, sulle prospettive del suo sviluppo e, nell’insieme, sulla situazione che si sviluppa nell’interazione con la Federazione Russa”, aveva detto il funzionario della difesa bielorusso.
Oggi il piano della Bielorussia di cooperazione internazionale con la Russia tra i ministeri della difesa di entrambi i Paesi comprende “oltre 160 misure e il 40% di esse sono attività pratiche”, aveva detto Vojnov. “Come sua caratteristica specifica, il piano di cooperazione tra i nostri ministeri quest’anno prevede l’interazione pratica tra i rami militari delle truppe e forze speciali, che individua chiaramente le unità delle Truppe di terra, le Forze della Difesa Aerea e Aerea, le forze per le Operazioni speciali e le Forze aviotrasportate dei nostri Paesi”, aveva detto il generale bielorusso.

Traduzione di Alessandro Lattanzio