Crea sito

Avamposto dell’Impero della Sorveglianza degli Stati Uniti: la Danimarca

Ron Ridenour Covert Action 10 dicembre 2020I dati acquisiti dalla NSA furono utilizzati per convincere il governo danese ad acquistare aerei da combattimento dalla Lockheed-Martin. L’esercito danese consente all’Agenzia per la sicurezza nazionale (NSA) degli Stati Uniti di spiare il ministero delle Finanze, il ministero degli Esteri, la compagnia di armi privata Terma, [1] la popolazione danese e i vicini della Danimarca: Svezia, Norvegia, Francia, Germania e Paesi Bassi. Le informazioni acquisite dalla NSA, con l’aiuto del Defense Intelligence Service (FE) danese sotto il comando del dipartimento della Difesa, furono utilizzate per convincere il governo ad acquistare il Joint Strike Fighter F-35 della Lockheed-Martin in grado di trasportare armi nucleari, sebbene la Danimarca vieta il possesso di armi nucleari sul proprio territorio. [2] Tale favoritismo col governo degli Stati Uniti e l’industria delle armi private del Paese ha messo fuori combattimento la concorrenza europea dell’Eurofighter GmbH Typhoon e del caccia svedese Saab Gripen. Anche il Superhornet della Boeing era un concorrente. Nel 2016, il governo decise di acquistare 27 F-35 per sostituire gli F-16. Il prezzo oggi è di circa 10 miliardi di dollari, il doppio del budget annuale per la difesa del Paese. Dopo anni di problemi tecnici, il primo F-35 per la Danimarca raggiunge la catena di montaggio a Fort Worth, in Texas. Il governo danese ha ignorato la propria agenzia dell’audit nazionale, che aveva “identificato gravi carenze nel processo decisionale e nei calcoli utilizzati come base per la scelta dell’aeromobile”. FE è paragonabile alla CIA degli Stati Uniti. Non è noto se abbia informato i propri capi del governo del suo spionaggio per contro di NSA/CIA ed interessi privati. Nessun membro del governo, parlamento, militare o Comitato di sorveglianza dell’intelligence (TET) danesi farà commenti. DR, l’emittente di servizio pubblico e sito danese, recentemente riferiva questi sviluppi sulla base delle rivelazioni fornite da uno o più informatori dell’intelligence. Nessun importante media in lingua inglese ha coperto questa rivelazione grave dello spionaggio più esteso nella storia della Danimarca, quanto ne ho potuto trovare in due ore di ricerca.

Giornalisti danesi potrebbero essere imprigionati negli Stati Uniti per le rivelazioni degli informatori
Ironia della sorte, i media danesi, sia DR che i giornali, non hanno seguito l’estradizione dell’australiano Julian Assange in Inghilterra. Il governo degli Stati Uniti aveva a lungo negato che Assange fosse un redattore, ma a metà del processo cambiò rotta. Ora sostiene che lo è e, quindi, afferma che qualsiasi giornalista nel mondo può essere perseguito dagli Stati Uniti per la segnalazione di “segreti della sicurezza nazionale”. Niels Kvale, redattore di DR, rispose alla mia lamentela per la soppressione di questa importante notizia, scrivendo che la decisione di DR su cosa coprire si basa sull’“importanza criterio più importante”. Estradare un giornalista negli Stati Uniti, che potrebbe imprigionare Assange per 175 anni su 17 presunte violazioni dello Spionage Act, non è apparentemente importante. Non coprendo questo processo non “importante”, DR potrebbe non capire che i suoi giornalisti possono essere perseguiti per aver violato lo Spionage Act del 1917 rivelando “segreti della sicurezza nazionale” della NSA-FE. Nel 1961, il Congresso degli Stati Uniti rimosse il linguaggio che limitava l’applicazione della legge al territorio degli Stati Uniti e ai loro abitanti. Ora la legge statunitense si applica a ogni essere umano nel mondo, inclusi i giornalisti. Se la NSA-CIA si arrabbiasse abbastanza, potrebbero ordinare al presidente di chiedere alla Danimarca di estradare i giornalisti “cattivi” per aver fatto conoscere al pubblico i suoi crimini di guerra. Possiamo essere certi che, qualunque partito politico sia in carica in Danimarca, obbedirà agli ordini mentre scatta agli attenti. I motivi per rivelare crimini di guerra non sono consentiti come difesa nei tribunali statunitensi. Questo è un avvertimento a tutti gli esseri umani che gli Stati Uniti non rispettano i diritti democratici fondamentali di libertà di stampa e di parola. Ho parlato al telefono col redattore di DR Kvale di questa minaccia del governo degli Stati Uniti. Rispose: “Non ne ero consapevole. Sembra interessante. Inviami l’articolo e informerò i nostri giornalisti”. La magistrata britannica Vanessa Baraitser deciderà di estradare Assange il 4 gennaio 2021. Qualunque sia la sua decisione, sarà impugnata dall’una o dall’altra parte mentre Assange marcisce in isolamento, nella prigione di massima sicurezza di Belmarsh da 20 mesi. Il mese scorso, Manoel Santos si uccise in una cella nell’ala di Assange. Viveva in Inghilterra da 20 anni, ma il ministero dell’Interno gli aveva notificato un avviso di espulsione in Brasile e l’aveva imprigionato a Belmarsh. Assange lo conosceva e ne è devastato, secondo la compagna Stella Moris, madre dei due dei figli di Julian. Molti medici e il relatore delle Nazioni Unite sulla tortura, Nils Melzer, ritengono che Assange sia stato torturato psicologicamente e che il suicidio sia una possibilità.

Nuovo affare NSA-FE
NSA e FE firmarono un accordo nel 2008 che consente alla NSA di sfruttare enormi quantità di dati provenienti dalle comunicazione via fibra ottica che attraversano la Danimarca. Questi metadati sono archiviati dal Servizio di intelligence della difesa danese in un centro costruito su guida e l’assistenza tecnica della NSA sulla piccola isola danese di Sandagergaard, a cui ha accesso la NSA. Sandagergaard è uno dei tre “posti di ascolto” dell’intelligence militare danese che esplora e analizza i dati globali di Internet cercando informazioni, ad esempio, su lla Terma, la maggiore azienda di armi della Danimarca. Questa è chiaramente un’intrusione nel principio fondamentale del capitalismo e nella necessità della concorrenza nel libero mercato. Un informatore militare riferì per la prima volta dello spionaggio illegale alla leadership militare nel 2015. I suoi rapporti ai superiori furono ignorati. Quattro anni dopo, rivelò lo spionaggio illegale al Comitato di sorveglianza dei servizi segreti danesi. Questo comitato di sorveglianza civile di cinque persone ha solo otto dipendenti e un budget di solo 1,3 milioni di dollari. Non ha il potere di interrogare o anche di vedere documenti segreti che la FE nasconde. Il budget del Defense Intelligence Service è di 160 milioni (2020). Il modo in cui vengono utilizzati i fondi è segreto e alcun comitato di sorveglianza, parlamentare o civile sa come viene utilizzato il denaro né può deciderne l’utilizzo. NSA con FE “sono nel profondo e scavano in alcuni segreti industriali danesi, di solito ciò di cui accusiamo i cinesi da sempre [Huawei, ad esempio]”, Tobias Liebetrau , ricercatore dell’intelligence del Center for Military Studies dell’Università di Copenhagen, aveva detto a DR. Un altro rapporto DR lo stesso giorno titolava: “Mal di testa per la Danimarca: gli Stati Uniti hanno utilizzato l’accesso danese per spiare i nostri vicini”. Sottotitolo: “È una vera causa persa mettersi contro il partner più importante della Danimarca nel mondo dell’intelligence, secondo gli esperti”. Quei due titoli giustapposti mostrano, forse inconsapevolmente, un profondo dilemma per i danesi. Vogliono la sovranità o piuttosto essere lacchè di Big Daddy? Senza aver fatto un sondaggio, la mia ipotesi è che nove su dieci sceglierebbero quest’ultima. Non c’è dubbio, affermano gli esperti danesi nei servizi di intelligence e militari, che l’esercito danese (e quindi il governo) stia spiando il proprio popolo, i suoi vicini amici, fornendo le informazioni richieste dai servizi d’intelligence militari del governo degli Stati Uniti e facendo favori all’industria bellica privata statunitense. Ciò include la spesa di miliardi di tasse danesi per acquistare armi da guerra, secondo me coll’intento di uccidere persone che gli Stati Uniti vogliono che uccidano. Tuttavia, Liebetrau liquidava tali crimini come decisivi: “Perché difficilmente si può guadagnare qualcosa rendendoli pubblici. Puoi solo perdere. Puoi perdere in relazione cogli alleati europei e col giocatore molto grande con cui hai un interesse incredibilmente grande ad avere un rapporto forte”.

Sfondo di rivelazioni segrete
Nel mio messaggio del 27 agosto su CovertAction Magazine, riferivo ciò che TET rivelò ai media. Elencava sei principali aree critiche d’interesse.
Nascondere “informazioni chiave e cruciali alle autorità governative” e al comitato di sorveglianza tra il 2014 e oggi;
Attività illegali anche prima del 2014;
Dire “bugie” ai responsabili politici;
Sorveglianza illegale di cittadini danesi, compreso un membro del comitato di sorveglianza. [A quel punto, non si sapeva che il “servizio di intelligence straniero” menzionato fosse l’NSA degli Stati Uniti, ma non poteva essere altri];
Le attività non autorizzate furono accantonate; e
La FE non diede seguito alle indicazioni di spionaggio nelle aree del Ministero della Difesa.
La ministra della Difesa Trine Barmsen sospese temporaneamente tre, poi quattro, poi cinque leader della FE, compreso l’attuale direttore, Lars Findsen, e il recedente direttore, Thomas Ahrenkiel. Ricevono lo stipendio completo (20-25000 dollari al mese) durante il congedo. Rifiutò di essere intervistata, ma dichiarò che sarebbe stata condotta un’indagine prima che potesse decidere sul loro futuro. Bramsen ricevette critiche estreme dal precedente ministro della guerra Claus Hjort Frederiksen del partito neoliberista. L’accusava di “aprire la peggiore minaccia alla nostra sicurezza”. Tutti i principali partiti si sono uniti chiedendone il licenziamento. Dissero che avrebbe dovuto vietare al comitato civile di divulgare qualsiasi informazione ai media. Il pubblico non dovrebbe sapere cosa succede dietro le mura del Defense Intelligence Service. Bramsen reintegrò i cinque sospetti sospesi, anche se in incarichi diversi, a causa dell’opposizione del “blocco blu” – come vengono chiamati gli oppositori socialdemocratici e i suoi piccoli partiti di sostegno nel “blocco rosso”, anche prima che il comitato investigativo avesse iniziato il suo lavoro. Questa è la prima volta che FE è effettivamente sotto inchiesta. Un nuovo formato è in costruzione dal ministero della Giustizia. Bramsen aveva detto che potrà vedere documenti segreti e fare raccomandazioni, ma non divulgarli pubblicamente. Non possiamo sapere fino a che punto gli investigatori anonimi potranno indagare o se i crimini siano stati commessi. A seguito di questi sviluppi e col silenzio del comitato di sorveglianza civile, l’informatore decise di rivelare ulteriori prove, questa volta direttamente a DR. I giornalisti scrissero di conoscere il nome in codice del nuovo sistema di spionaggio avanzato ma scelsero di non rivelarlo. Scrissero che il personale della NSA si recava regolarmente nelle nuove strutture per “aiutare FE a costruire l’hardware necessario e installare il software necessario”.
Il 24 settembre, DR pubblicava articoli (e trasmessi) che denunciavano altre attività illegali. “FE potrebbe aver violato una delle regole chiare che si applicano al servizio di intelligence militare e straniero danese: FE è volto solo per proteggere la Danimarca dalle minacce esterne e salvaguardare gli interessi danesi all’estero. FE può quindi entrare in possesso delle informazioni danesi solo per caso”. I cavi in fibra ottica aspirano e copiano metadati, sms, chat, telefonate, e-mail. I cavi recuperano i dati sul traffico Internet danese, attingendo alla comunicazione russa, nonché al mondo Internet tedesco e di altri Paesi europei. Qualunque sia tale nuova attrezzatura, probabilmente è simile o più avanzata di XKEYSCORE, posseduta anche dalla Danimarca. XKEYSCORE fu, nel 2013, il programma di sorveglianza elettronica più avanzato della NSA, che Edward Snowden svelò. Un altro informatore della NSA, William Binney, progettò un programma prima di XKEYSCORE, che poteva essere utilizzato per la sorveglianza estesa. Si oppose ad usarlo per spiare le popolazioni e si dimise nel 2001 dopo 30 anni di servizio. Quando fu progettato XKEYSCORE, aveva maggiori capacità di ECHELON [3] in quanto poteva accedere alle email di tutti gli utenti, a tutte le comunicazioni da computer e persino spiarci quando i nostri televisori hanno le telecamere. Al momento della denuncia di Snowden, disse al quotidiano The Guardian : “Qualsiasi analista in qualsiasi momento può prendere di mira chiunque… Io, seduto alla mia scrivania, avevo l’autorità di intercettare chiunque, da te o il tuo commercialista a un giudice federale, persino il presidente se avessi un’e-mail personale”. Le rivelazioni di Snowden contribuirono a rivelare che la NSA spiava continuamente la Francia e i capi di Stato della Germania e molti altri Paesi. La NSA si avvicina così tanto che i cellulari privati dei leader di Stato, delle Nazioni Unite e di tutti i membri dei partiti politici vengono ascoltati. La Danimarca è speciale nell’aiutare gli Stati Uniti nello spionaggio globale allo scopo di dominare il mondo; questo è il significato della “globalizzazione”. Quando le rivelazioni di Snowden erano sulla cronaca, la prima donna premier danese era un’altra socialdemocratica, Helle Thorning-Schmidt. Alcuni membri del parlamento chiesero se la NSA spiasse la Danimarca. Si smarcò: “Versate dell’acqua fredda nel sangue”.
La maggior parte dei paesi ha una propria agenzia di intelligence dei segnali (SIGINT), che si concentra sulla raccolta di informazioni per la sicurezza nazionale. Alcuni SIGINT conducono anche operazioni di controspionaggio e da forze dell’ordine. Ma NSA e CIA hanno preso l’intenzione per la sicurezza nazionale ben oltre l’autodifesa coll’obiettivo di spiare il mondo intero, al fine di influenzare i governi stranieri e le decisioni e le azioni delle imprese private. Anche prima del programma XKEYSCORE, ECHELON fu utilizzato per minare un accordo tra la società europea Airbus e Boeing-McDonnell Douglas con cui cercava un contratto da 6 miliardi di dollari. La Raytheon era tra le altre compagnie di armi che raccoglievano tali favori dalla NSA, le cui informazioni ottenute dallo spionaggio aiutarono Raytheon a vincere un contratto da 1,3 miliardi di dollari per fornire radar al Brasile, escludendo la società francese Thomson-CSF. Questo era ancora un altro esempio del punto di Snowden su come la sorveglianza di massa avesse trasceso qualsiasi funzione di sicurezza legittima e fosse invece utilizzata per avvantaggiare le multinazionali e consolidare corruzione sulle armi e altri accordi commerciali.

Spionaggio pronto alla guerra mondiale nucleare
La NSA condivide XKEYSCORE con alleati selezionati, che si sottomettono agli Stati Uniti come poliziotti del mondo. Il primo è il Regno Unito. L’accordo UKUSA fu firmato il 5 marzo 1946 per spiare l’Unione Sovietica. Già l’anno prima, al termine della guerra in Europa, Winston Churchill ideò l’Operazione Unthinkable: un attacco a sorpresa dell’esercito contro le forze sovietiche in Europa col possibile uso di armi atomiche contro Mosca, Stalingrado e Kiev. Gli Stati Uniti stavano ancora costruendo le loro prime bombe atomiche (Progetto Manhattan). Il presidente Harry Truman disse a Churchill di non avere abbastanza bombe nucleari poiché le prime due dovevano essere usate contro Hiroshima e Nagasaki. L’operazione Unthinkable fu messa da parte quando il partito laburista vinse le elezioni del 5 luglio 1945. L’anno successivo, tuttavia, Truman incorporò la strategia atomica di Churchill contro i sovietici nella sua Operazione Pincher. Fortunatamente, l’Unione Sovietica acquisì le proprie armi atomiche nel 1949 prima che Stati Uniti e Regno Unito avessero bombe atomiche sufficienti per un primo attacco. L’equilibrio nucleare impedì la guerra mondiale nucleare, anche se oggi siamo a 100 secondi dalla mezzanotte secondo il Doomsday Clock. [4] Nel 1955, il patto UKUSA fu esteso a Canada, Australia e Nuova Zelanda. Questi Paesi anglofoni, noti come Five Eyes, in seguito condivisero il primo programma globale di spionaggio elettronico ECHELON avviato alla fine degli anni ’60. Questa rete di spionaggio militare si evolse in un sistema globale per intercettare comunicazioni private e commerciali, lo “spionaggio industriale”. Nel 1972, la rivista di sinistra Ramparts Magazine denunciò per la prima volta ECHELON, l’analista della NSA Perry Fellwock ne denunciò l’esistenza sotto lo pseudonimo Winslow Peck. Mostrò il coinvolgimento diffuso del personale di NSA e CIA nel traffico di droga e di esseri umani, e che agenti della CIA bruciavano villaggi in Cina nel tentativo di minare la Repubblica popolare cinese (RPC). Le uniche restrizioni ufficiali imposte a Five Eyes è che non dovevono spiare i propri cittadini. Snowden dimostrò che gli Stati Uniti lo fanno. Mentre le autorità statunitensi mentivano sul fatto che non spiano negli Stati Uniti, l’Inghilterra approvò una legge, l’Investigatory Powers Act del 2016, che concede allo Stato il potere di registrare la cronologia di navigazione, i messaggi di testo e i registri di connessione di chiunque. L’US PATRIOT Act, dopo l’11 settembre, consente al governo di obbligare i social media a fornire dei clienti tutte le informazioni in possesso, ovvero su tutti noi. Si sospetta che Israele sia il sesto occhio, ma questo non fu mai confermato, così come le sue bombe nucleari illegali non furono mai ufficialmente riconosciute. In seguito alla formazione dei Five Eyes, nel 1976, la Danimarca prese l’iniziativa, coll’approvazione degli Stati Uniti, di formare l’attuale Nine Eyes, aggiungendo Danimarca, Norvegia, Francia e Paesi Bassi. I Nine Eyes sono il club di spionaggio di secondo grado dopo i Five Eyes . Lo stesso vale per l’ultimo dei partner dello spionaggio, i 14 Eyes, aggiungendo Germania, Italia, Spagna, Belgio e Svezia all’elenco degli Stati vassalli degli Stati Uniti.
La NSA utilizza alcuni Paesi asiatici in una rete parallela (Giappone, Corea del Sud e Singapore). Snowden, e ora il più recente informatore della Danimarca, dimostrano che i Paesi delle alleanze negli occhi si impegnano nella regolare sorveglianza di massa dei propri cittadini e condividono liberamente tale intelligence con altre nazioni, rappresentando una minaccia ancora più forte per le persone comuni che utilizzano Internet. Oltre alla sorveglianza elettronica terrestre, ci sono centinaia di cavi sottomarini transoceanici che trasportano informazioni tra molti Paesi. Per decenni, la Danimarca ebbe un cavo europeo chiave collegato agli Stati Uniti, a cui la NSA attinge. Inoltre, ci sono nuovi cavi commerciali sottomarini.

Il primo informatore dei servizi segreti fu incarcerato
Il primo informatore dell’intelligence della difesa della Danimarca, il maggiore Frank Grevil, nel 2004 fece trapelare informazioni segrete secondo cui non c’erano prove che l’Iraq possedesse armi di distruzione di massa. Questa informazione fu trasmessa all’allora primo ministro Anders Fogh Rasmussen, che mentì al pubblico affermando di essere “assolutamente certo” che l’Iraq avesse tali armi. Convinse la maggioranza del parlamento a dichiarare guerra all’Iraq, l’unica nazione a dichiarare effettivamente guerra, e centinaia di soldati danesi furono inviati per uccidere persone in Iraq. Era la prima volta che la Danimarca dichiarava guerra dal 1864, contro la Germania, il che si rivelò uno sciocco disastro. Le autorità scoprirono che Grevil era l’informatore. Fu arrestato per aver divulgato segreti di Stato. L’informatore statunitense Daniel Ellsberg venne in Danimarca per aiutarne la difesa. Grevil fu giudicato colpevole e scontò quattro mesi di prigione, mentre il criminale di guerra Rasmussen ebbe due mandati come primo ministro. Gli Stati Uniti lo premiarono col primo posto nella NATO.

Conclusioni
Alcuna conseguenza! Indipendentemente dalla cospirazione in commissione di crimini tra l’intelligence militare danese e le agenzie di intelligence degli Stati Uniti, il governo danese, il parlamento, il comitato di sorveglianza militare e il cosiddetto comitato di sorveglianza civile non faranno assolutamente nulla per correggere tali illegalità e gli affari illegali continueranno come al solito. Questa è, secondo me, l’essenza di ciò che il programma di analisi delle notizie di DR “Deadline” concluse il 26 novembre. L’indagine segreta appena avviata richiederà almeno un anno. Solo cinque parlamentari, in rappresentanza di cinque degli otto partiti politici parlamentari, vedranno cosa decideranno di presentare gli inquirenti; in ogni caso i politici non possono dirlo a nessuno. I ministri di Stato, giustizia e guerra vedranno il rapporto. Il comitato TET può o non può vederlo. Le ultime rivelazioni sulla raccolta illegale di informazioni nell’interesse della società privata Lockheed Martin e lo spionaggio dilagante dei vicini europei della Danimarca faranno parte delle indagini? Non lo sappiamo. Né sappiamo se gli investigatori sconosciuti abbiano anche il potere di interrogare i sospetti e vedere tutti i documenti pertinenti. Nessun capo rilevante risponderà alle domande dei giornalisti “Deadline”. I rappresentanti di due partiti politici erano nel programma. Il portavoce del Partito conservatore, Naser Kadar, disse: “Tutti spiano. Se va bene o no [legale o no], è conseguenza della nostra sicurezza congiunta cogli Stati Uniti”. Kristian Hegaard, portavoce del partito Liberale di Centro (Radikal Venstre), conveniva che la segretezza è preminente, ma aggiunse che il comitato di controllo civile potrebbe avere più accesso alle attività di FE, come nel caso di diversi Paesi europei. In Svezia, i parlamentari hanno dibattiti aperti su quanta sorveglianza va consentita sui suoi cittadini. In una legge del 2009, furono emanate diverse restrizioni sulla raccolta di massicce informazioni tramite cavi in fibra. Il suo comitato di sorveglianza civile ha poteri di controllo maggiori che in Danimarca. Lo stesso in Olanda. A seguito delle rivelazioni di Snowden, la maggioranza al referendum votò contro una misura del governo che consentisse ai servizi di intelligence di attingere ai cavi in fibra. Il governo quindi apportò diversi aggiustamenti, comprese garanzie legali in tre fasi con una certa apertura su ciò che viene raccolto. In Germania, e persino Ungheria, il parlamento ha controllo maggiore sui servizi di intelligence rispetto alla Danimarca. La risposta di Kader è ciò che pensa la maggior parte dei danesi, e perché non c’è colore e grido: “La riservatezza è più importante della mia [nostra] curiosità. Non ne avrò così tanto da saperne. Mi fido della nostra intelligence militare”.

Ron Ridenour è un autore e giornalista degli Stati Uniti, attivista contro la guerra e per i diritti civili dal 1961. Dopo aver lavorato per i media nazionali cubani (1988-96), ora vive in Danimarca. Il co-fondatore di CAM Phil Agee ha scritto commenti a due delle sue decine di libri: “Yankee Sandinistas: Interviews with North Americans Living and Working in the New Nicaragua” e “Backfire: CIA’s Biggest Burn”. Vedasi: ” La minaccia russa per la pace: Pentagono in allerta” e “Winding Brook Stories” su Amazon e Lulu. Altri lavori possono essere trovati su ronridenour.com.

[1] Terma è la più grande azienda di armi della Danimarca. È specializzata in parti elettroniche per aerei da guerra, incluso l’F-35, e fu accusata di vendita illegale di attrezzature belliche ad Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti nella guerra contro la popolazione dello Yemen.
[2] Lockheed Martin è il più grande appaltatore bellico del mondo: l’85% delle sue vendite è alle forze armate del governo degli Stati Uniti; 13% a governi stranieri. I ricavi nel 2019 furono di 60 miliardi di dollari. Opera anche nella sorveglianza per NSA/CIA/FBI. Ogni anno “dona” 15-20 milioni di dollari alle campagne dei politici statunitensi. Secondo una revisione delle informazioni finanziarie di Sludge, 51 membri del Congresso e coniugi possiedono azioni per un valore compreso tra 2,3 e $ 5,8 milioni di dollari in società che sono tra i primi 30 appaltatori della difesa al mondo. Diciotto membri del Congresso, messi insieme, possiedono fino a 760000 dollari di azioni della Lockheed Martin. Il valore delle azioni Lockheed Martin è aumentato del 4,3% il giorno dopo che il generale iraniano Qasim Sulaymani fu assassinato da un drone su ordine di Trump. I membri del Congresso che traggono profitto dalla guerra – Sludge (readsludge.com) Secondo un rapporto di luglio 2019 del Center for International Policy, quattro società – Lockheed Martin, Boeing, Raytheon e General Dynamics – rappresentano il 90% delle vendite di armi all’Arabia Saudita con accordi del valore di oltre 25 miliardi di dollari. Le armi di fabbricazione nordamericana sono usate per uccidere più di 100000 persone nello Yemen.
[3] ECHELON fu svelato a metà degli anni ’90 con le sue stazioni di spionaggio elettroniche nel mondo, che intercettano i dati trasmessi tramite telefoni, fax e computer. Vedi gli accordi 14 occhi, 9 occhi, 5 occhi (spiegato), ProtonVPN Blog.
[4] Vedi il libro The Russian Peace Threat: Pentagon on Alert, capitoli 10-11. Amazon.com: The Russian Peace Threat: Pentagon on Alert (9780996487061): Ridenour, Ron: Libri. Vedasi anche l’ultimo libro di Daniel Ellsberg, “The Doomsday Machine: Confessions of a Nuclear War Planner”. IndieBound.org  sulle Operations Unthinkable e Pincher. Il Bulletin of the Atomic Scientists ha inventato il Doomsday Clock come banderuola di quanto l’umanità sia vicina all’apocalisse globale, inclusa la guerra nucleare. Nel 1947, all’inizio, mancavano sette minuti a mezzanotte. Nel gennaio 2020, l’orologio è a 100 secondi da mezzanotte. Vedasi Doomsday Clock.

Traduzione di Alessandro Lattanzio