Crea sito

Pompeo è il veleno da cui l’Asia deve guardarsi

Global Times, 30/10/2020

Il segretario di Stato nordamericano Mike Pompeo ha concluso il suo tour in Asia dopo aver completato un viaggio a sorpresa in Vietnam. Vietnam e Cina hanno controversie territoriali marittime, ma la Cina è il principale partner commerciale del Vietnam ed entrambi sono Paesi socialisti. Le relazioni Cina-Vietnam sono forti, importanti e sottili. Pompeo rimproverava la Cina durante il suo viaggio, ma sembrava essere moderato in Vietnam. Prima che salisse a bordo dell’aereo al ritorno, non c’erano notizie su di lui che parlava della Cina sui media vietnamiti o occidentali. Ha solo detto: “Abbiamo un enorme rispetto per il popolo vietnamita e la sovranità del vostro Paese”, come se accennasse a qualcosa. Alcuni media ne citavano le parole insulse sulla costruzione di sicurezza, pace e prosperità regionali. Sembra che il Vietnam abbia obbligato Pompeo a non considerare il Vietnam altro palco per attaccare la Cina. Pompeo sperava che i cinque Paesi asiatici da lui visitati seguissero gli Stati Uniti nel confronto con la Cina. Ma come riferiva Jakarta Post, questa è “una missione impossibile”. Pompeo non solo attaccava la Cina, ma anche piccole nazioni nel suo viaggio. Nelle conferenze stampa congiunte, spesso cercava di creare l’impressione che questi Paesi condividano l’atteggiamento degli Stati Uniti sulla Cina. Tuttavia, si notava la differenza tra le dichiarazioni di Pompeo e quelle degli ospiti e come questi Paesi cercassero di chiarire la loro posizione durante o dopo i discorsi di Pompeo.
Molti considerano il tour di Pompeo come il suo viaggio d’addio. Se il partito repubblicano perde le elezioni presidenziali, allora molte cose che Pompeo ha negoziato o firmato saranno rivalutate. Anche se Donald Trump venisse rieletto, è probabile che anche Pompeo venga sostituito. In Sri Lanka, Pompeo accusava la Cina di essere un “predatore” dicendo che gli Stati Uniti sono “amici” e “partner” dello Sri Lanka. Questo era il tema principale della sua visita. Ma c’è qualche Paese che non vuole avere amici? Com’è fastidioso quando una persona si avvicina e dice che il tuo amico è una persona cattiva da cui guardarsi! Come può il segretario di Stato nordamericano avere un QI così basso?
Le Maldive hanno relazioni diplomatiche cogli Stati Uniti dal 1966. Ma gli Stati Uniti hanno solo annunciato che avrebbero stabilito un’ambasciata. Dal 2004, nessun segretario di Stato nordamericano aveva visitato le Maldive fino al recente viaggio di Pompeo, dopo una pausa di 16 anni. Come può Pompeo condannare la Cina, il più grande investitore e fonte di turisti delle Maldive, nella nazione insulare? Il popolo maldiviano capisce che se non fosse stato grazie allo sviluppo delle relazioni Cina-Maldive, Pompeo non avrebbe visitato la nazione insulare né avrebbe promesso di aprirvi un’ambasciata. La zona economica esclusiva rivendicata dall’Indonesia vicino le isole Natuna si sovrappone alle rivendicazioni marittime della Cina, ma le due parti hanno gestito con successo le controversie. Tuttavia, Pompeo sollevava una questione della controversia, cercando di mettere l’Indonesia in linea in prima linea contro la Cina sulla questione del Mar Cinese Meridionale. Pompeo umilia la saggezza politica degli indonesiani, pensando che poche parole possono fuorviare Jakarta su quale sia il suo interesse nazionale.
Vietnam e Cina hanno relativamente il maggior numero di controversie marittime. Ma il Vietnam confina ed ha stretti scambi e relazioni con la Cina in varie aree. Pompeo negli ultimi anni lanciava aspri attacchi al Partito Comunista Cinese, dipingendolo come tirannico. Il Vietnam è guidato dal Partito Comunista del Vietnam. L’approccio degli Stati Uniti contro la Cina socialista pone anche minacce al Vietnam socialista. Il Vietnam dovrebbe trovare equilibrio tra lo sviluppo del partenariato strategico globale di cooperazione con la Cina e la gestione delle controversie territoriali. Pompeo è un tipico spoiler e ciò di cui l’Asia ha bisogno ora è costruire. Ci sono controversie in tutta l’Asia, ma non c’è motivo di lasciare che una domini la regione. Pompeo vuole esserne lui la ragione. È il veleno nella regione. Normalmente nessuno vuole bere veleno. Pompeo è venuto e se n’è andato, e i Paesi asiatici riporranno con cura il ricordo di lui quale veleno in un angolo di casa.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Una risposta a “Pompeo è il veleno da cui l’Asia deve guardarsi”

  1. Su Pompeo c’è poco da aggiungere. Deve andare via! Pericoloso per l’America e per il Mondo.

I commenti sono chiusi.