Crea sito

La Corea democratica ha il suo sistema di difesa aerea S-400

Military Watch, 11 ottobre 2020

La Corea democratica svelava un nuovo sistema missilistico terra-aria a lungo raggio in servizio nelle sue forze armate, una delle numerose nuove piattaforme d’arma mostrate durante la grande parata militare del 10 ottobre per celebrare i 75 anni al potere del Partito dei lavoratori coreani. Sebbene meno cospicui rispetto ad altri sistemi d’arma coreani mostrati, come i missili balistici intercontinentali Hwasong-15, una nuova classe di carri armati e diversi nuovi sistemi di artiglieria a razzo e missili balistici tattici unici, nonché nuove uniformi per l’esercito. Il sistema di difesa aerea è potenzialmente una delle adduzione più significative nell’arsenale dell’Esercito popolare coreano (KPA) realizzato dall’ultima parata militare del settembre 2018. La Corea democratica ha uno dei settori della difesa più diversificati al mondo, producendo una vasta gamma di armamenti e sistemi di supporto per quasi tutte le esigenze della difesa del KPA, con le notevoli eccezioni degli aerei da combattimento e da trasporto medio, sebbene il Paese abbia prodotto caccia MiG-29 su licenza dopo aver acquistato una linea di produzione dalla Russia.
Dai rapporti della Russia ed altre fonti secondo cui il Paese aveva acquisito una versione avanzata del sistema missilistico superficie-aria S-300 alla fine degli anni ’90 o all’inizio degli anni 2000; il sistema di difesa aerea a lungo raggio più potente nell’arsenale coreano era in precedenza il Pyongae-5 (KN-06), piattaforma al centro della scena nell’ultima parata militare nel 2018. Il sistema utilizzava piccoli veicoli di lancio che trasportavano due missili ciascuno e si pensa che sia entrato in servizio nel 2016 o 2017 e abbia un raggio d’aggancio di circa 160-180 km. Il Pyongae-5 fece molto per modernizzare le capacità di guerra aerea coreana, in particolare alla luce delle capacità in ritardo dell’Aeronautica del KPA, e si prevede che il nuovo sistema abbia capacità notevolmente superiori. I nuovi missili sono schierati da veicoli di lancio più grandi che trasportano quattro missili ciascuno, con aspetto esteriore simile a quello del sistema S-400 russo.
I nuovi sistemi di difesa aerea coreani apparvero insieme ai sistemi radar mobili, sebbene non sia chiaro se ogni sistema utilizzi più radar in rete dalle frequenze diverse come coll’S-400 per rilevare meglio bersagli invisibili, o se utilizza un sistema di rilevamento più semplice come il sistema occidentale Patriot. Con S-400 e S-300V4 russi, con gittate di 400 km, e l’HQ-9B cinese, secondo quanto riferito, capace di attaccare obiettivi a 300 km di distanza, il progresso nell’industria della difesa della Corea e la possibilità di trasferimenti di tecnologia dalla Russia significa che il nuovo sistema di difesa aerea, che dispone di missili più grandi del Pyongae-5, ha probabilmente un raggio d’ingaggio di circa 250 km. Altri fattori tra cui la possibilità di coppia IR e guida radar, velocità e numero di missili che ogni sistema può guidare simultaneamente non possono essere attualmente stimati entro un ragionevole margine di errore.

Traduzione di Alessandro Lattanzio