Crea sito

Il Congresso degli Stati Uniti deve tenere il naso fuori dagli affari della Russia

Rostislav Babjak

Due membri del Congresso statunitense del Texas, Michael McCaul (dx) e Mike Conaway, (dx) chiedono che “l’ex marine Trevor Reed, condannato a nove anni di prigione con l’accusa di aggressione, venga rilasciato e rimpatriato negli Stati Uniti immediatamente. Il capo della minoranza alla Camera McCarthy (r) presentva la sua richiesta al governo della Federazione Russa, tramite l’ambasciatore statunitense a Mosca John Sullivan. Intervenendo alla Camera dei Rappresentanti McCarthy dichiarava: “Trevor Reed è stato trattato ingiustamente in un processo fittizio del sistema giudiziario russo. Mi unisco ai miei colleghi nel chiedere il rilascio di Trevor in modo che possiamo riportarlo a casa”. (Ibid) Thomas Reed fu arrestato per essere “alterco da ubriaco con due donne. Inoltre, Reed veniva imprigionato per aver aggredito e messo in pericolo agenti di polizia che lo portavano alla stazione di polizia. Sputnik notava che Reed è stato condannato a “nove anni in una prigione di media sicurezza e a pagare 1374 dollari a ciascuno degli agenti”. Cosa dà a Reed il diritto di attaccare due donne e poi aggredire la polizia che l’arresta? Gli statunitensi non sanno come comportarsi all’estero? Apparentemente Reed vuole difendere l’immagine del brutto e brutale nordamericano violento nei confronti di donne e poliziotti, che non rispetta le leggi della Federazione Russa e le sue forze dell’ordine. Pertanto, non appena la sua condanna sarà terminata, a condizione che dimostri di essere un detenuto modello, andrebbe messo sul prossimo aereo e rispedito negli Stati Uniti. Inoltre, il Servizio Federale per l’Immigrazione (Direzione dell’Immigrazione) dovrebbe iscriverlo nell’elenco delle persone non grate in Russia.
Riguardo la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, e in particolare Michael McCaul (R Texas), Mike Conaway (R Texas) e il capi della minoranza della Camera degli Stati Uniti Kevin McCarthy, devono pensare ai propri dannati affari. Gli statunitensi devono capire che la Federazione Russa è una nazione indipendente e sovrana e che NON richiede approvazione o condanna da Stati Uniti, UE o qualsiasi altro Paese sulle sue leggi e prassi legali. Bisogna dire a McCaul, Conaway e McCarthy che gli Stati Uniti hanno molti problemi in questo momento, che vanno da un presidente canaglia che mente spudoratamente a un senato reazionario che non approva gli aiuti al popolo nordamericano afflitto dal Covid-19 che l’amministrazione Trump ha gestito male, un sistema legale ingiusto che perseguita minoranze e poveri divenendo il miglior sistema legale che il denaro può comprare, una divisione razziale che potrebbe inghiottire la nazione in un’orgia di violenze e alti tassi di criminalità, e varie altre questioni.
Una cosa è certa, i politici nordamericani hanno inventato il proprio paese, né la Russia né chiunque altro abbia rispetto di sé vuole seguire la via americana al governo, e molto altro. La Russia ha bisogno di tenere Reed rinchiuso per i prossimi 9 anni e mostrare ai nordamericani che la Russia rispetta le proprie sovranità e indipendenza.

Traduzione di Alessandro Lattanzio