Crea sito

La Cina costruirà una comunità sanitaria con Russia, Kazakistan, Kirghizistan e Mongolia

Histoire et Societé, 18 settembre 2020

Cina, Russia, Kazakistan, Kirghizistan e Mongolia hanno deciso di costruire congiuntamente una fortezza anti-pandemia, una Via della Seta della salute e una comunità della salute per tutti, secondo il consigliere di Stato e Ministro degli Esteri cinese Wang Yi. La decisione veniva presa dopo uno scambio di opinioni coi Ministri degli Esteri di Russia, Kazakistan, Kirghizistan e Mongolia sull’approfondimento della cooperazione anti-pandemia per sconfiggere il COVID-19, affermava Wang in un’intervista a Xinhua, dopo aver partecipato alla riunione dei cancellieri dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO) a Mosca e aver visitato i quattro paesi dal 10 al 16 settembre. La Cina e i quattro Paesi si sostengono a vicenda nel bene e nel male e attuando una cooperazione efficace contro la pandemia dall’inizio dell’epidemia, aveva detto Wang. Ricordando la visita del presidente mongolo Khaltmaa Battulga in Cina a febbraio, le conversazioni telefoniche tra il Presidente Xi Jinping e le controparti di Russia, Kazakistan e Kirghizistan, Vladimir Putin, Kassym-Jomart Tokayev e Sooronbai Jeenbekov, Wang Yi affermava che Cina e i quattro Paesi propongono di sostenersi ed aiutarsi nella lotta alla pandemia. Nel tentativo di approfondire la cooperazione in caso di pandemia, i ministri decisero di agire in quattro aree, secondo Wang Yi.
In primo luogo, la Cina e i quattro paesi rafforzeranno la cooperazione in caso di pandemia, sosterranno nettamente l’Organizzazione mondiale della sanità nel svolgere un ruolo di coordinamento e si opporranno a qualsiasi tentativo di politicizzare la pandemia ed’ imporre un’etichetta geografica al virus.
In secondo luogo, consolideranno ed amplieranno i risultati anti-pandemici.
In terzo luogo, promuoveranno attivamente la cooperazione nello sviluppo, produzione e approvvigionamento dei vaccini.
In quarto luogo, faranno uno sforzo cooperativo concertato sulla medicina tradizionale cinese, dichiarava Wang Yi.
Nell’intervista, Wang Yi affermava che la riunione dei Ministri degli Esteri della SCO rafforzava la cooperazione internazionale contro la pandemia COVID-19 e si impegnava a sostenere il multilateralismo. La missione chiave di questa riunione dei Ministri degli Esteri era preparare politicamente il vertice virtuale della SCO per novembre, affermava. I ministri sperano di utilizzare il vertice come opportunità per affrontare in modo efficace le sfide globali, disinnescare i rischi alla sicurezza, condividere le opportunità di sviluppo, stabilendo nel contempo la SCO come modello del multilateralismo e delle relazioni internazionali globali, coll’avvicinarsi del terzo decennio al suo inizio, aggiungeva Wang Yi. I cancellieri raggiunseri importanti accordi su questo tema, dichiarava Wang Yi.
Sulle relazioni sino-russe, Wang indicava che i due paesi rafforzeranno la cooperazione sostenendo la collaborazione internazionale contro la pandemia, dando esempio di convivenza pacifica tra grandi Paesi, migliorando le innovazioni tecnologiche d’avanguardia e sostenendo giustizia ed equità internazionali. Wang Yi e il Ministro degli Esteri Sergej Lavrov, dopo i colloqui faccia a faccia, raggiunsero importanti punti di accordo sul rafforzamento delle relazioni bilaterali e sull’affrontare le sfide internazionali e regionali, dichiarava Wang. Mentre il mondo entra in un periodo di turbolenza e cambiamenti, forti relazioni sino-russe sono più importanti nel mantenere pace e sicurezza regionali e globali, aveva detto Wang. Cina e Russia svilupperanno incessantemente relazioni lungimiranti e lavoreranno con la comunità internazionale per costruire un nuovo tipo di relazioni internazionali caratterizzate da rispetto reciproco, equità, giustizia e cooperazione vantaggiosa per tutti. e costruendo una comunità del destino umano, per dare un contributo maggiore alla causa della pace e dello sviluppo umano, secondo Wang.
Nell’era post-pandemia, Wang affermava che la Cina continuerà a promuovere scambi e cooperazione all’estero e a creare migliore sinergie tra Belt and Road Initiative e strategie di sviluppo di altri Paesi. Wang diceva che durante il suo viaggio, la Cina e i Paesi interessati hanno concordato nuove caratteristiche e buone esperienze di cooperazione in vari campi durante la pandemia accettando di continuare la sinergia tra l’Iniziativa BRI e le strategie di sviluppo altrui accelerando la ripresa di lavoro e produzione e generando maggiori benefici per i Paesi e le popolazioni della regione. La Cina e i Paesi interessati inoltre convenivano di compiere sforzi congiunti per accelerare lo sviluppo delle relazioni bilaterali e approfondire ulteriormente la cooperazione bilaterale.
Sulla sicurezza regionale, Wang affermava che la Cina e le controparti regionali continueranno a rafforzare la cooperazione per mantenere la sicurezza regionale e combattere le nuove minacce e sfide che la regione affronta. Durante il viaggio, i Paesi della regione convenivano che la cooperazione strategica sulla sicurezza mostra alta fiducia reciproca e che sua parte cruciale della cooperazione globale, affermava Wang, proponendo che la Cina e altri Paesi asiatici migliorano la cooperazione sulla sicurezza di fronte a nuove minacce e sfide.
Sul processo di pace in Afghanistan, Wang affermava che la Cina spera sinceramente che tutte le parti ai colloqui di pace in Afghanistan metteranno al primo posto gli interessi del popolo e della nazione. Wang notava che l’orientamento fondamentale della soluzione politica, il principio fondamentale dell’approccio dell’Afghanistan all’autodeterminazione e l’obiettivo generale di un’ampia inclusione vanno rispettati. Allo stesso tempo, il nuovo governo afghano dovrebbe lottare contro il terrorismo, attuare una politica estera pacifica e amichevole e portare seriamente l’Afghanistan sulla via di pace, stabilità e sviluppo, aggiungeva.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.