Crea sito

Un rivestimento d’argento nell’ascesa del neofascismo

Wayne Madsen, SCF 4 settembre 2020

L’unico vantaggio derivante dall’ascesa dei capi neofascisti nelle nazioni democratiche finora è che i vari suprematisti fascisti, neonazisti, razziali e religiosi e terroristi di estrema destra hanno alzato le loro brutte facce al punto in cui ora è più facile identificarli con la loro cerchia di contatti ed organizzazioni. Quando Stati Uniti, Brasile, Colombia, Polonia, Turchia e altre nazioni afflitte in modo simile torneranno alla normalità politica, le forze dell’estrema destra, già auto-identificate, potranno essere represse, disarmate e accedere a Internet come minaccia alla sicurezza pubblica. Tali risorgenti nazisti possono anche essere messi in ridicolo e umiliati al grande pubblico al punto da ritirarsi dalla politica e tornano alle loro tane od essere perseguiti e imprigionati per i loro crimini, come stragi e terrorismo. Un modello adeguato per trattare con pericolosi neonazisti e fascisti è il programma di de-nazificazione degli alleati dopo la seconda guerra mondiale. Nei documenti del Tribunale di Norimberga del dopoguerra si trovano pareri legali esemplari sui pericoli posti dai nazisti e dalla loro razza fascista per la società e l’umanità. I funzionari del regime di Donald Trump, un regime perché fin dall’inizio ha perso ogni diritto concesso a un governo legittimo, dovrebbero prestare ascolto alle parole del presidente Franklin Delano Roosevelt, quando disse: “Loro [i nazisti] dovranno arrivare in tribunale… e rispondere delle loro azioni”. I promotori della “Fascist International” come l’ex-stratega politico di Trump Steve Bannon, già incriminato da un tribunale federale di New York per frode finanziaria, dovrebbero rispondere anche dei loro crimini d’odio internazionali. I cospiratori di Bannon includono politici di estrema destra in Italia, Brasile, Belgio, Germania, Francia e Austria che hanno cospirato per istigare violenze alla folla di destra e persino omicidi politici come quello di Walter Luebcke, sindaco dell’Unione Democratica Cristiana (CDU) di Kassel in Assia, e stretto alleato della cancelliera Angela Merkel. L’assassino era un membro della resistenza nazionalsocialista, parte di una rete neonazista europea. Lo stesso gruppo prese di mira Henriette Reker e Andreas Hollstein, rispettivamente sindaci di Colonia e Altena.
I ministeri degli Interni di diverse nazioni fecero pressioni sugli omologhi del Dipartimento per la sicurezza interna e della giustizia degli Stati Uniti per frenare i gruppi neonazisti statunitensi che attivamente esportano le loro convinzioni fornendo ai compagni di viaggio supporto sui social media. I gruppi neo-nazisti negli Stati Uniti, ad esempio Boogaloo Bois e Proud Boys, alimentano la creazione di gruppi simili all’estero: Lads Society in Australia e Sonnenkrieg Division nel Regno Unito. I gruppi nazisti nordamericani hanno contribuito a rafforzare i gruppi associati che la pensano allo stesso modo in Australia, Belgio, Francia, Germania, Guatemala, Italia, Nuova Zelanda, Norvegia, Slovacchia e Svezia. Al contrario, le organizzazioni internazionali naziste, incluso il gruppo Satanic Nazi – The Order of Nine Angles (O9A) nel Regno Unito, guadagnano sostenitori negli Stati Uniti e in Canada. Negli Stati Uniti, i risultati di un rapporto del Federal Bureau of Investigation del 2006, che affermava che i ranghi della polizia statunitense erano infiltrati da neonazisti e suprematisti bianchi, danno dato i loro frutti, con la polizia che conduce sistematiche esecuzioni extragiudiziali di minoranze razziali. Neo-nazisti e nazionalisti bianchi trovano simpatizzanti nei vetrici della polizia, in particolare nei sindacati di polizia. I sindacati come Fraternal Order of Police e Sheriff Benevolent Associations non sono altro che racket per proteggere poliziotti razzisti e minacciare città e consigli comunali, così come sindaci, per sostenere le spese gonfiate, alimentate dai contribuenti, dei dipartimenti di polizia. C’è anche un numero crescente di nazisti nel Partito Repubblicano. Un candidato repubblicano per la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti dalla Carolina del Nord, Madison Cawthorn, pubblicava su Instagram una sua foto nel 2017 davanti la casa di Adolf Hitler sulle Alpi bavaresi. Cawthorn chiamò Hitler “Fuhrer” e scrisse che stare nel covo del “Nido d’Aquila” fu uno dei momenti salienti della sua vita. Cawthorn potrebbe finire al Congresso degli Stati Uniti con altri che sposano opinioni nazionaliste bianche, come i candidati repubblicani in Georgia e Colorado.
I terroristi neonazisti e fascisti dovrebbero essere classificati nella stessa categoria usata nella de-nazificazione della Germania. Gli alleati si riferivano ai leali funzionari nazisti chiamandoli “Belastete”, definiti come gravati dalla colpa nazista. Tali attivisti nazisti furono soggetti ad arresto immediato ed incarcerazione fino a dieci anni. Il 22 maggio 2020, l’Office of Homeland Security and Preparedness dello Stato del New Jersey emise un duro avvertimento sulla minaccia posta da neonazisti e nazionalisti bianchi. In un rapporto intitolato “Gli estremisti online sfruttano il COVID-19 per istigare i sostenitori”, l’ufficio avvertiva, “Gli estremisti suprematisti bianchi approfittano della pandemia COVID-19 per sostenere la teoria dell’accelerazionismo. La teoria afferma che partecipare ad attacchi di massa o creare altre forme di caos accelererà l’imminente e necessario collasso della società al fine di costruire una nazione razzialmente pura. Un gruppo mediatico neonazista che promuove tale teoria incoraggiava i sostenitori a incitare il panico mentre la gente segue l’isolamento sociale nell’epidemia di COVID-19, includendo uso di armi da fuoco nelle città e creare fori per i proiettili nei finestrini delle auto”.
Piuttosto che condannarlo, Donald Trump, la sua amministrazione ei suoi sostenitori repubblicani al Congresso e nelle capitali degli Stati negli Stati Uniti, davano supporto morale a tali gruppi terroristici di estrema destra con dichiarazioni e tweet. Nel 2017, Trump elogiò come “brava gente” i nazisti e membri del Ku Klux Klan che parteciparono a una parata con fiaccole a Charlottesville, in Virginia, in occasione della manifestazione “Unite the Right”. Trump effettivamente inviò un messaggio a neonazisti, suprematisti bianchi ed estrema destra che avevano il suo pieno sostegno. Trump da sempre sostiene tali gruppi marginali di estrema destra, come le milizie armate anti-blocco Covid-19 che minacciarono violenze su governatori e legislatori statali di Michigan, Ohio, New Hampshire e Idaho. Nel 2019, dopo che un suprematista bianco massacrò dei fedeli in due moschee a Christchurch, Nuova Zelanda, Trump, che aveva tentato di imporre un divieto di viaggio ai i musulmani che entravano negli Stati Uniti, twittò: “La mia più calorosa simpatia e i miei migliori auguri alla gente della Nuova Zelanda dopo l’orribile massacro nelle moschee. 49 persone inermi sono morte insensatamente, con molte altre ferite gravemente. Gli Stati Uniti sono con la Nuova Zelanda in tutto ciò che possono fare. Dio benedica tutti!” Sulla base della retorica piena di odio di Trump, ha la stessa responsabilità nell’attentato di Christchurch e in altri simili nel mondo, come i veri tiratori.
Un altro modello su come ripulire il governo di una nazione da estremisti di destra e violatori dei diritti umani è l’Argentina post-dittatura militare. Lì, le amministrazioni democratiche e la magistratura indipendente cercarono di assicurare alla giustizia membri e sostenitori della giunta militare che uccise circa 30.000 cittadini durante la “Guerra sporca” del 1976-1983. Dopo la cacciata della giunta militare, una Commissione nazionale sui desaparesidos (CONADEP) avviò un’indagine sui crimini commessi da funzionari della giunta contro cittadini argentini. Il rapporto della commissione, pubblicato nel 1985, era intitolato “Nunca Más”(“Mai più”). Molti autori della “Guerra Sporca” rimangono in prigione. Le nazioni attualmente assalite dal terrorismo dei gruppi neonazisti e fascisti dovrebbero guardare alla creazione di un organismo simile al CONADEP per epurare le rispettive società dal flagello del nazismo una volta per tutte. Oggi, un presidente nordamericano denuncia regolarmente gli “antifascisti” come terroristi e criminali. Durante la seconda guerra mondiale, il Presidente Roosevelt e i suoi alleati, Winston Churchill e Josif Stalin, denunciarono i fascisti come assassini e criminali. Il mondo deve tornare ai giorni in cui i fascisti erano il nemico comune dell’umanità.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.