Crea sito

L’Iran arresta il capo del gruppo terroristico Tondar sponsorizzato dagli Stati Uniti

Syrianews, 2 agosto 2020

Le agenzie di sicurezza iraniane arrestavano Jamshid Sharmahd, il capo del gruppo terroristico sponsorizzato dagli Stati Uniti noto come Tondar (Tuono), un’azione molto importante contro una famigerata mente terroristica. Il gruppo terroristico Tondar fu responsabile di una serie di attentati terroristici nell’Iran, la maggior parte sventata dalle vigili agenzie di sicurezza e forze dell’ordine iraniane, ma uno si distinse nel 2008 contro un centro religioso a Shiraz, nella regione meridionale dell’Iran, che uccise 14 fedeli e ne ferì 215. Jamshid Sharmahd confessava di “aver fornito gli esplosivi necessari all’attentato”, come riferito dai notiziari iraniani. Il capobanda aggiunse di aver pianificato e diretto personalmente l’attentato. Il terrorista appare in precedenza in TV dicendo: “Sai dov’è l’ufficio dell’FBI, lo stesso edificio federale dove siamo noi?” Implicando stretti legami col Federal Bureau of Investigation degli Stati Uniti, una delle principali forze dell’ordine nota nel reclutare terroristi negli Stati Uniti e arrestarli prima che realizzino le loro trame, e anche nota per i miserabili fallimenti nell’impedire gli attentati da parte dei terroristi sul suo libro paga, come i fratelli Tsarnaev responsabili dell’attentato della maratona di Boston nell’aprile 2013. Fedeli musulmani riferirono di un estremista all’FBI, scopertosi uno dei suoi agenti sotto copertura!
Il Ministro degli Interni iraniano elogiava i delicati sforzi compiuti dalle agenzie di sicurezza iraniane per attirare Sharmahd nel Paese dalla sua base negli Stati Uniti e arrestarlo con un’operazione complicata. Javad Zarif, il carismatico Ministro degli Esteri iraniano, su twitter rinfacciava agli Stati Uniti d’America l’ospitalità ai terroristi: “L’occidente deve cessare di finanziare e ospitare i terroristi. Dai loro santuari negli Stati Uniti e Europa, promuovono l’odio, agitano e organizzano omicidi e caos, e rivendicano spudoratamente la responsabilità dell’omicidio di inermi civili iraniani”. Le cortine di fumo non possono oscurare take ipocrisia. Nonostante gli atroci attentati terroristici e una serie di attacchi terroristici gravi ma sventati, Tondar è considerato il male minore tra i gruppi terroristici sponsorizzati dai nemici del popolo iraniano, il M.E.K. (Mujahedin-Khalq Organization) in cima alla lista d tali gruppi terroristici, “il gruppo preferito per governare l’Iran” dal falco ex-consigliere per la sicurezza nazionale statunitense John Bolton, persino il New York Times gli rinfacciò la conferenza a cui partecipò vedendovi i futuri capi dell’Iran”, persino il New York Times!
Quest’ultimo arresto espone ulteriormente i metodi che Stati Uniti e compari applicano per minare le autorità di una delle dozzine di Paesi sovrani nella lista dei successi. Sono gli stessi Stati Uniti che intrapresero la cosiddetta “Guerra al terrore” che portò alla creazione delli SIIL e al rafforzamento e potenziamento del gruppo madre al-Qaida e dei suoi derivati, mentre i funzionari statunitensi continuano la menzogna che combattono il terrorismo come maschera per condurre la “Guerra del terrore” contro l’umanità. È molto probabile che Jamshid Sharmahd affronti la pena capitale per i suoi crimini, proprio come tutti gli altri terroristi e spie catturati dalle autorità iraniane, ma questo non fermerà molti altri col cervello lavato dal seguirne la strada coll’enorme finanziamento e sostegno di Stati Uniti e compari.

Traduzione di Alessandro Lattanzio