Crea sito

La missione cinese Chang’e 4 torna in azione sulla Luna

Andrew Jones, Space 16.6.2020La missione cinese Chang’e 4 è tornata in azione per la diciannovesima giornata di attività sul lato opposto della luna, col rover Yutu 2 impostato per individuare un nuovo cratere. Sia il lander della che il rover Yutu 2 hanno ripreso le attività scientifiche dopo l’alba sulla posizione nel cratere Von Kármán, sul lato nascosto della luna. Yutu 2 si svegliò il 14 giugno mentre il lander riprese le attività 13 ore dopo, il 15 giugno, secondo il China Lunar Exploration Program (CLEP). Il rover Yutu 2 era rimasto fermo il 18.mo giorno lunare (16-29 maggio), mentre le squadre sulla Terra potenziavano le stazioni di terra in preparazione della missione su Marte del Tianwen-1, prevista a fine luglio o inizio agosto.
Gli aggiornamenti alle strutture di localizzazione e comando di Jiamusi, nella Cina nordorientale e di Kashi nel nord-ovest furono completati il 13 giugno secondo CLEP, il che significa che ora può riprendere il normale servizio itinerante. Mentre il rover rimase fermo, il team scientifico di Yutu 2 identificò un cratere nelle vicinanze. Il cratere largo 1,3 metri e profondo 8 20 centimetri contiene materiale riflettente che può essere simile al vetro fuso di un sospetto impatto che il rover scoprì l’anno scorso. Dopo aver verificato il cratere, Yutu 2 continuerà il viaggio a nord-ovest dal sito di atterraggio del Chang’e 4. Yutu 2 ha coperto un totale di 447,68 metri da quando si posò sul lato opposto della Luna nel gennaio 2019. Nel frattempo oò Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) della NASA seguiva il lander Chang’e 4, mostrando anche l’avanzata di Yutu 2. Un’immagine scattata il 20 gennaio mostra il lander gettare un’ombra e il Yutu 2 molto più piccolo appena a nord del cratere.
Sia il lander Chang’e 4 che il rover Yutu 2 hanno superato la durata prevista di un anno e tre mesi terrestri, rispettivamente. Le attività del 19.mo giorno lunare proseguiranno fino al 27 giugno. L’astronave si spegnerà per proteggersi dal freddo rigido della notte lunare, dopo il tramonto del 28 giugno. La Cina inoltre prepara una missione lunare di ritorno dei campioni, Chang’e 5, da lanciare nell’ultimo trimestre di quest’anno.Traduzione di Alessandro Lattanzio