Crea sito

Il mito secondo cui Trump sia anti-sistema

Caitlin Johnstone, Le Cri des Peuples 14 giugno 2020Ogni volta che critico la politica estera dell’attuale amministrazione statunitense, ricevo sempre critiche dai sostenitori di Trump che insistono che stia facendo più bene che male “combattendo lo Stato profondo” e, più comunemente ancora, “evitando le guerre”. L’idea che Donald Trump sia una specie di Presidente della Pace, o anche che rallenti la macchina da guerra nordamericana più del predecessore, è contraddetta da tutti i fatti e le prove. Trump non ha posto fine ad alcuna guerra avviata dai predecessori e ha aggiunto pericolose escalation contro Venezuela, Iran e Russia. Una delle difficoltà nell’affrontare questo mito persistente, a parte l’ovvio fatto che ora tutti vivono in camere ecologiche strettamente occultate alle informazioni e in circuiti di validazione che di confermano i pregiudizi, è che il mito sia bipartisan. Ogni volta che Trump borbotta uno dei suoi vuoti appelli a principi non interventisti, i suoi sostenitori se la bevono mentre metà dei democratici l’attaccano in quanto insufficientemente falco. Il discorso di Trump sul ritiro dalla Siria è un esempio perfetto; le truppe sono ancora lì, ma i democratici l’attaccarono per l’irresponsabile comportamento “isolazionista”, mentre i sostenitori si cullarono nella fiaba sulla fine delle guerre promesse e attuate dal loro caro presidente. Tutti ne beneficiano, anche il complesso militare-industriale a cui Trump afferma di opporsi.
Ma il fatto che i falchi liberali attacchino Trump in quanto non più bellicoso di quanto possa essere in ogni possibile area, non lo fa un Presidente della Pace, non più dei neocon che attaccando Obama per lo stesso motivo lo fecero presidente della pace. I falchi di destra attaccarono violentemente Obama per aver rifiutato di armare l’Ucraina contro la Russia o di attaccare Damasco sulla “linea rossa” delle armi chimiche ( due ordini del giorno neoconservatori a cui Trump si è completamente allineato, a proposito), ma ciò non nega i depravati atti di’nterventismo di Obama in Libia, Siria e altrove. Trump e Obama a volte si rifiutarono di spingersi fino dove volevano i guerrieri più accesi, ma ciò non significa nemmeno che fossero contro la guerra.
Se volete una panoramica equa, precisa e non partigiana della prostituzione di guerra del Presidente in carica, consultate l’elenco (https://www.stpete4peace.org/trump) dell’organizzazione anti-guerra St Pete for Peace intitolato “Fatti sulla politica estera di Trump: cronologia aggiornata del bene e del male della politica estera dell’amministrazione Trump, da una prospettiva contro la guerra”. La scheda informativa compila dichiarazioni e decisioni di politica estera di questa amministrazione e le classifica nelle colonne “Buona” e “Cattiva”. Ci sono elementi nella colonna “Buona”, come gli incontri di Trump con Kim Jong-un e il rifiuto di colpire l’Iran per aver abbattuto un drone nordamericano [entrambi polverizzati dal sabotaggio nordamericano dei negoziati con la Corea, con Washington che violava gli impegni costringendo la Corea democratica a riprendere i test balistici e nucleari, e dall’assassinio di Qasim Sulaymani, atto di guerra senza precedenti che viola le regole della diplomazia in tempo di pace], ma scorrendo si vedrà di persona quanto più lunga è la colonna “Cattiva” della colonna “Buona”. Per me, questo di per sé è una confutazione piuttosto solida dell’idea che questo presidente sia da sostenere per motivi contro la guerra. Ogni volta che un sostenitore di Trump si oppone alle mie critiche a questa amministrazione, i suoi argomenti si basano sempre dalla colonna “Buona”, ignorando completamente la “Cattiva”. Ciò è possibile solo a causa delle dinamiche da altoparlante che consente ai sostenitori politici di ingoiare notizie positive sulla loro fazione politica preferita senza badare ad alcun punto negativo; le pareti dell’altoparlante sono così spesse che quando parlo ai sostenitori di Trump del suo comportamento da falco, vengo spesso accusato di mentire, fin quando non fornisco la prova delle mie affermazioni. Ma anche così trovano modo per dividere le informazioni in compartimenti e agire come se non avessero visto la confutazione completa e totale della loro posizione.
L’altro argomento che sento da chi difende Trump per motivi contro la guerra è che Hillary Clinton sarebbe stata peggiore e se fosse stata eletta, avremmo visto la Terza Guerra Mondiale accesa dai suoi piani estremisti sulla Siria. Concordo, ma ciò non significa che sia un argomento legittimo. Il fatto che Hillary Clinton sia cattiva non rende Trump buono, non più che l’esistenza del cancro faccia passare un bene l’insufficienza cardiaca. Trump è il comandante in capo della più potente forza militare di sempre, e il comportamento di tale forza militare è ciò di cui si parla ora. Le chiacchiere sulla presunta timeline alternativa della presidentessa Hillary sono un dibattito inutile e una distrazione.
Questa amministrazione attualmente lavora all’estradizione di Julian Assange e alla sua prigionia a vita perché denunciò i crimini di guerra nordamericani. Ha ucciso decine di migliaia di venezuelani con sanzioni volte a provocare carestie nel tentativo di effettuare il cambio di regime contro la nazione più ricca di petrolio del pianeta, e molte più persone potrebbero morire col nuovo embargo economico totale che Trump firmava il 15 giugno. Fa avanzare il programma di cambio di regime di John Bolton in Iran con sanzioni da carestia, operazioni segrete della CIA ed aggressioni militari. [Invece di sospenderle per la pandemia di Covid-19, Trump intensificava cinicamente tali sanzioni].
Nonostante la fiaba del Russiagate, degno di uno spettacolo di wrestling, Trump intensificava le tensioni con Mosca più di qualsiasi presidente nordamericano dalla caduta del muro di Berlino. Il principale esperto di relazioni tra Stati Uniti e Russia Stephen Cohen avvertì nel 2017 che ora siamo più minacciati di annientamento nucleare a causa di tali escalation dal culmine della guerra fredda. I numerosi atti di aggressione dell’amministrazione contro la Russia includono il suddetto armamento dell’Ucraina, il numero crescente di truppe piazzate al confine russo, attacchi agli alleati russi Siria e Venezuela, il ritiro dal trattato INF, l’attuazione della revisione della postura nucleare con una posizione molto più aggressiva nei confronti della Russia, costringere RT e Sputnik a registrarsi come agenti stranieri, infiltrazioni della rete elettrica russa, espulsione di decine di diplomatici , ampliamento della NATO con l’aggiunta del Montenegro, nomina del falco antirusso Kurt Volker a rappresentante speciale in Ucraina e opposizione agli interessi russi sul passaggio dai combustibili fossili della Germania [per non parlare della feroce guerra alle istituzioni internazionali, dall’OMS a CPI, e del sostegno ottuso alle pretese più sfrenate di Israele, ecc.].
L’amministrazione ha continuato a permettere il massacro saudita in Yemen e a vendere armi all’Arabia Saudita. Ha esteso la guerra in Somalia. Ha gonfiato il budget militare degli USA già incredibilmente gonfio per consentire un maggiore espansionismo militare globale. Aumentava notevolmente il numero di bombe sganciate ogni giorno rispetto la precedente amministrazione, uccidendo un numero record di civili e riducendo la responsabilità dei militari sugli attacchi aerei.
Ne avete l’idea. Non vi è alcuna ragione legittima di credere che questo presidente sia meno estremista di Obama. Se siamo fortunati, lascerà l’incarico con meno morti di George W. Bush. Il racconto che le cose sono cambiate serve solo ai potenti e garantisce che chi ci crede smetta di lottare per un vero cambiamento. Sarebbe bello se i cittadini degli Stati Uniti potessero eleggere un comandante in capo che si opponga veramente alla guerra. Credere che questo sia già successo è sconsiderato e delirante.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

2 Risposte a “Il mito secondo cui Trump sia anti-sistema”

  1. Un discorso tautologico in cui l’assunto iniziale viene dimostrato utilizzando l’assunto iniziale. Cioè che Trump è cattivo. Fidandoci delle due colonne del sito St. Pete ecc. Ma le due colonne sono tratte dal main stream e non sono superpartes. Non si possono prendere acriticamente. La certezza ci viene dal fatto che o cosiddetti chiuso nel bozzolo ecologico in realtà ne sono usciti anche grazie a questo sito. Dunque la loro opinione è criticamente ponderata. Non così la proposta dell’articolo. I fatti sono riportati ma indicato come falsi. Es. Trump non fa’ più guerre che è vero. Non risponde sproporzionatamente alle azioni ostili altra verità. Ha una politica estera tutto sommato coerente con il patto elettorale, vero. Si potrebbe continuare. Il problema sono i decenni di Deep state spadroneggiante. Trump non può ricostruire una base pulita in quattro e quattro’otto. Drain the swamp. La sua lotta contro i social ne è uno dei tanti esempi. La recrudescenza della lotta del vecchio contro il nuovo si è acuita dopo che ha ottenuto le prove dei responsabili del russiagate. Gli hanno lanciato contro una rivoluzione colorata. La verità è che viviamo tempi decisivi. E Trump è uno dei protagonisti. Se sia quello buono o quello cattivo ce lo dicono per esempio gli elettori americani. Speriamo che ce lo dicano come lo hanno detto alla sua elezione quattro anni fa. Saluti

  2. Tautologico è il tuo di ragionamento. Dite che trump è un rivoluzionario anti-sistema, e quando dimostra di essere un pupazzo del sistena, dite che è colpa del deep state per giustificarne le azioni in linea con quelle dei presidenti prcedenti, ed ancor più estremizzate; lo giustificate senpre col cosiddetto deep state che manovra, una trovata propagandistica usata da bannon e altri spin doctor neo-con di cui trump ama circondarsi (altro che drenare la palude).
    Se Obama avesse assassinato Sulaymani, avreste fatto la danza dell’antimericano indignato; ma per finta, vista l’ammirazione sconsiderata per gli USA peggiori che esprimi, una nazione di clint(on) esatwood a quanto pare; ma siccome tale crimine l’ha ordinato questo pagliaccio e pupazzo del complesso militarspionistico-industriale che è trump, allora diventa ‘risposta proporzionata’. Che pagliacciata!
    Il fatto stesso che si attribuisca a trump una presunta ‘moderazione’ all’estero (con chi? Il Venezuela? L’Iran? Il Nicaragua? La Bolivia??) è l’ennesima dimostrazione che tutti i balletti antiamericani e le chiacchiere antimperialiste, erano solo messinscena di gente profondamente americanista, quella peggiore, che crede che gli USA siano la cloaca sognata da fascisti come appunto clint eastwood e altri ‘intellettuali’ della sua risma, come il fascio-cattolico bannon, che molti ‘espertoni’ degli USA credono protestante, forse per salvare l’anima perduta di woytila.
    I finti filo-putiniani, all’improvviso ora negano che Russia, Cina, Iran, Corea democratica abbiano forza e potenza sufficienti a trattenere la bestialità statunitense. Denigrate ora questi paesi che celebravate aspettandovi, ad esempio, che Putin issasse, chissà perché, la bandiera del III Raich sul Kremlino. Una volta delusi, e capito che Putin, Xi, Kamenei e Kim non sono i duci fascisteggianti che sognavate, li avete scaricati per la nuova star televisiva nordamericana, il parruccone fascistoide giallo dalle pose e mosse ducesche. Ed ecco qua il grande condottiero cui tutto perdonare, tutto giustificare col Babau fasullo del Deep State aspirato e sospirato dalle masse ‘represse’ di piccoli borghesi che vogliono essere ‘liberi di reprimere’ qualcun altro. Nel pieno spirito della miserevole e arretrata medio-piccola borghesia statunitense, economicamente in miseria, e intellettualmente e culturalmente squallida (rispecchiata quindi dalla piccola-media borghesia italiana, nelle stesse condizioni; una solidarità inconscia di classe).
    Ed ecco crearsi un quadretto onirico degli USA buoni (quelli dove i bianchi sparano a tutti gli altri, neri, portoricani, indiani e comunisti), come rappresentati nei peggiori filmetti e telefilmetti di propaganda guerrafondai, da john wayne a chuck norris e silvestro stallone, ingoiati per decenni con la spazzatura mediatica prodotta dal complesso propagandistico RAIset. Un quadretto ‘hard’ da contrapporre agli USA ‘soft’, o presunti tali, degli Obama. Degli Obama, però, ma non dei clinton, che oggi supportereste con amore se hillary fosse diventata presidente, se il sistema elettorale degli USA fosse davvero basato sul sistrema una testa, un voto; e non fosse il sistema oligarchico che è, e che i trumpisti supportano con fervore, come supportano con fervore la teoria della terrapiatta e l’azione contro il 5G e i vaccini; riforme e cambiamenti combattuti in quanto ritenute demoniache invenzioni dei ‘comunisti’, come si asserisce da sempre negli ambienti dell’estrema destra nordamericana dalle cui viscere è sorto il trumpismo.
    Infine, Trump non ha mantenuto alcuna delle sue promesse, in alcun campo, tranne ridurre le tasse ai ricchi come lui. Ma questo ai trumpisti e sovranari, umanamente gli individui attualmente più servili verso i potenti dell’occidente, non interessa, anzi. Sono votati a vivere una vita quotidiana ferale, dove il più forte schiaccia il più debole, e dove l’intrusione di terzi dediti ad impedire tale stile di vita bestiale e greve viene vista come ‘intrusione oppressiva dello Stato’ (spacciato come deep state, lo stato cattivo, esclusi però industrie belliche, militari e CIA, che sono lo ‘Stato Buono’ celebrato proprio dai trumpisti, dai trumpofili e dalle altre marionette dell’antipapa mondialista e USAcentrico steve bannon).

I commenti sono chiusi.