Crea sito

Dichiarazione del Presidente Xi Jinping sul CoVID-19

Histoire et Societé 18 maggio 2020Presidente dell’Assemblea mondiale della sanità,
Direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità,
Cari delegati,
Per cominciare, vorrei dire che è molto importante che questa Assemblea Mondiale della Sanità si svolga in un momento così critico quando l’umanità combatte questo nuovo coronavirus. Siamo di fronte alla peggiore emergenza sanitaria pubblica al mondo dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Sorprendendo il mondo, il COVID-19 ha colpito oltre 210 Paesi e regioni, oltre sette miliardi di persone nel mondo e causato la perdita di oltre 300000 preziose vite. Piango ogni vita persa ed esprimo le mie condoglianze alle famiglie in lutto.
La storia della civiltà umana è della lotta a malattie e della prevenzione delle catastrofi. Il virus non rispetta i confini. Neanche razza o nazionalità sono importanti di fronte alla malattia. Di fronte alle devastazioni del COVID-19, la comunità internazionale non ha vacillato. I popoli di tutti i Paesi hanno attaccato a testa alta il virus. Persone in tutto il mondo si aiutano a vicenda e si sono mobilitate unite. Con amore e compassione, abbiamo creato una straordinaria sinergia nella lotta al COVID-19.
In Cina, dopo scrupolosi sforzi ed enormi sacrifici, abbiamo capovolto la tendenza e protetto vita e salute del nostra popolo. Sin dall’inizio, abbiamo agito con apertura, trasparenza e responsabilità. Abbiamo prontamente comunicato le informazioni sulla malattia all’OMS e ai Paesi interessati . Abbiamo pubblicato la sequenza del genoma il più rapidamente possibile. Abbiamo condiviso senza riserve la nostra esperienza su controllo ed elaborazione col mondo. Abbiamo fatto tutto il possibile per sostenere e aiutare i Paesi bisognosi.

Signor Presidente,
Al momento del nostro incontro, il virus continua a imperversare e bisogna fare di più per controllarlo. A tal fine, vorrei presentare le seguenti proposte:
Innanzitutto, dobbiamo fare del nostro meglio per controllare ed elaborare il COVID-19. Questo è il compito più urgente. Dobbiamo sempre mettere al primo posto le persone, perché nulla al mondo è più prezioso della vita umana. Dobbiamo adottare competenze mediche ed attrezzature essenziali dove maggiormente necessarie. Dobbiamo agire con forza in settori chiave quali prevenzione, quarantena, individuazione, cura e tracciabilità. Dobbiamo agire il più rapidamente possibile per fermare la diffusione globale del virus e fare del nostro meglio per fermarne la trasmissione internazionale. Dobbiamo intensificare la condivisione delle informazioni, scambiare esperienze e migliori pratiche, e perseguire la cooperazione internazionale su test, cure cliniche e ricerca e sviluppo di vaccini e farmaci. Dobbiamo anche continuare a sostenere la ricerca globale degli scienziati su fonte e vie di trasmissione del virus.
In secondo luogo, l’Organizzazione mondiale della sanità deve guidare la mobilitazione globale. Sotto la guida del Dottor Tedros, l’OMS ha dato un contributo importante a guida ed avanzata della strategia globale per combattere il COVID-19. Il suo buon lavoro è applaudito dalla comunità internazionale. In questa fase cruciale, sostenere l’OMS è sostenere la cooperazione internazionale e salvare vite umane. La Cina invita la comunità internazionale ad aumentare il sostegno politico e finanziario all’OMS per mobilitare le risorse nel mondo per sconfiggere il virus.
In terzo luogo, dobbiamo fornire maggiore sostegno all’Africa. I Paesi in via di sviluppo, in particolare africani, hanno sistemi di salute pubblica precari. Aiutarli a sviluppare le capacità deve essere la nostra prima priorità nella risposta al COVID-19. Il mondo deve fornire maggiore supporto materiale, tecnologico e personale ai Paesi africani. La Cina ha inviato una considerevole quantità di forniture mediche e assistenza ad oltre 50 Paesi africani e all’Unione africana. Cinque squadre di esperti medici cinesi furono inviate nel continente africano. In totale, negli ultimi sette decenni, oltre 200 milioni di persone in Africa hanno ricevuto cure da equipe mediche cinesi. Proprio adesso,46 squadre mediche cinesi in Africa partecipano agli sforzi di contenimento del COVID-19 a livello locale.
In quarto luogo, dobbiamo rafforzare la governance globale nel settore della sanità pubblica. Alla fine noi umani prevarremo sul coronavirus. Tuttavia, questa potrebbe non essere l’ultima volta che una grande emergenza sanitaria bussa alla nostra porta. Date debolezze e lacune svelate dal COVID-19, dobbiamo migliorare il sistema di governance della salute pubblica. Dobbiamo rispondere più rapidamente alle emergenze su salute pubblica e stabilire rifornimenti globali e regionali di attrezzature antiepidemiche. La Cina sostiene la valutazione globale della risposta internazionale dopo che la malattia sarà sotto controllo in tutto il mondo, per fare un bilancio delle esperienze e rimediare alle carenze. Questo lavoro dovrà basarsi su scienza e professionalità, guidato dall’OMS e condotto secondo il principio di obiettività e imparzialità.
In quinto luogo, dobbiamo ripristinare lo sviluppo economico e sociale. Lavorando costantemente per contenere il virus, i Paesi in cui le condizioni lo consentono possono riaprire imprese e scuole in modo ordinato, seguendo le raccomandazioni dell’OMS. Nel frattempo, il coordinamento internazionale delle politiche macroeconomiche va rafforzato e le catene industriali e di approvvigionamento globali vanno mantenute stabili e non bloccate se vogliamo favorire la crescita dell’economia globale.
In sesto luogo, dobbiamo rafforzare la cooperazione internazionale. L’umanità è una comunità dal futuro collettivo. Solidarietà e cooperazione sono la nostra arma più potente per sconfiggere il virus. Questa è la lezione principale che il mondo ha appreso dalla lotta ad HIV/AIDS, virus Ebola, influenza aviaria, influenza A (H1N1) e altre importanti epidemie. Solidarietà e cooperazione sono un mezzo sicuro con cui tutti noi, popoli del mondo, possiamo sconfiggere tale nuovo coronavirus.

Signor Presidente,
La Cina sostiene la prospettiva della costruzione di una comunità umana dal futuro collettivo. La Cina considera sa responsabilità garantire non solo vita e salute dei propri cittadini, ma anche la salute pubblica globale. Al fine di stimolare la cooperazione internazionale contro il COVID-19, vorrei annunciare quanto segue:
– La Cina fornirà 20 miliardi in due anni per aiutare a combattere il COVID-19 e lo sviluppo economico e sociale dei Paesi colpiti, in particolare dei Paesi in via di sviluppo.
– La Cina collaborerà con le Nazioni Unite per istituire un deposito ed hub umanitario globale per garantire le catene di approvvigionamento delle attrezzature destinate alla lotta alle epidemie e attuare corridoi verdi di trasporto e sdoganamento.
– La Cina istituirà un meccanismo di cooperazione dei propri ospedali per gemellarli con 30 ospedali africani e accelerare la costruzione del quartier generale del CDC Africa (Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie) per aiutare il continente a rafforzare preparazione e controllo delle malattie.
– Sviluppo e diffusione del vaccino sul COVID-19 in Cina, quando sarà disponibile, saranno considerato bene pubblico globale. Questo sarà il contributo della Cina garantendo accesso conveniente al vaccino nei Paesi in via di sviluppo.
– La Cina lavorerà con altri membri del G20 per attuare l’iniziativa di sospensione del servizio del debito per i Paesi più poveri. La Cina è anche pronta a lavorare con la comunità internazionale per rafforzare il sostegno ai Paesi più colpiti dal servizio del debito, in modo che possano superare le attuali difficoltà.
Concludendo, invito tutti a riunirci e collaborare. Compiamo sforzi concertati per proteggere vita e salute dei popoli di tutti i Paesi. Collaboriamo per salvare la Terra, nostra casa comune. Collaboriamo per costruire una salute globale per tutta la comunità!
La ringrazio.

Traduzione di Alessandro Lattanzio