Siria – Yemen, 26-27 Giugno 2018

Il 27 giugno, l’Esercito arabo siriano respingeva un pesante attacco dell’Hayat Tahrir al-Sham a nord di Hama, da al-Latamina, Kafr Zita e al-Zaqah, eliminando numerosi terroristi.
La SAAF bombardava le posizioni dei terroristi del SIIL a sud-ovest di Dara e a sud di Qunaytra, al confine con le alture del Golan occupate da Israele.
L’Esercito arabo siriano avanzava sul valico di confine di Nasib, al confine con la Giordania. Nel frattempo, altre unità dell’EAS respingevano l’attacco dell’Hayat Tahrir al-Sham su Dara, distruggendo 10 autoveicoli armati.
L’Esercito arabo siriano iniziava la seconda fase dell’operazione antiterrorismo a sud-est di Dara bombardando le posizioni dei terroristi nella regione di al-Suamah, presso la prigione Qaraz, il campo profughi e i silos, tra Dara al-Balad e Tariq al-Sad, oltre che le posizioni dei terroristi tra Dara al-Balad e Qariyah al-Sharqi. Inoltre, 450 terroristi si arrendevano all’Esercito arabo siriano presso Sharah.
30 tra civili e terroristi filo-turchi venivano uccisi da tre esplosioni presso piazza Qawa, ad Ifrin. Nel frattempo, si avevano pesanti scontri tra Jabhat al-Shamiyah e liwa al-Mutasim, tra piazza Qawa, Bazar al-Hal e l’ospedale Dair Sam.

Le unità dell’esercito yemenita e dei comitati popolari avevano distrutto nei combattimenti per Hudaydh, 331 automezzi nemici, eliminato 1323 mercenari filo-sauditi, affondato 1 unità navale emirota, lanciato 12 missili balistici e 6 operazioni aeree.
Il 26 giugno, esercito e commissioni popolari yemeniti infliggevano alle truppe saudite pesanti perdite presso Durayhimi, e distruggevano un’unità sudanese che cercava di infiltrarsi sul Jabal Masanah, al valico di confine di Alab.
Nel Taiz, esercito e commissioni respingevano 2 attacchi dei mercenari sauditi su Qubidha e Hamir.
Nel Nihm, le forze yemenite respingevano un’ampia offensiva saudita su Tal Ribah, eliminando decine di mercenari.
L’esercito yemenita eliminava 1 veicolo militare e decine di soldati sauditi ad est di Rumayh, nel Jizan.
Esercito e forze popolari yemeniti eliminavano decine di mercenari presso Murays, nella provincia di Dhala, ed occupavano la base del nemico.
Nove civili venivano uccisi da 15 raid aerei sauditi sulla provincia di Hudaydah, sui quartieri Jarahi e Zabid.

Precedente Stati Uniti, Nicaragua e guerra controrivoluzionaria Successivo Stalin non è colpevole di Katyn