Crea sito

La classe dominante lancia la bio-guerra all’umanità

FRN 24 marzo 2020La Russia ha l'”ipersonico”, gli USA l'”ipervirus”, i globalisti di quest’ultimo hanno iniziato la guerra senza dichiarazione. Solo ieri, pochi avrebbero potuto immaginare una cosa del genere. Secondo Cechov: se nel primo atto pende una pistola, nell’ultimo spara. Per non sparare coll'”ipersonico” e altre delle ultime armi, la Russia ha ripetutamente “fatto trapelare”, avvertito di inevitabili ritorsioni non solo ai militaristi nordamericani, ma al “centro decisionale”, dimostrando nuovi sviluppi militari che non avevano analoghi nel mondo. La “City on the Hill” digrignò i denti, schioccò le sanzioni e le “bobine di regime”, preparandosi in anticipo al suo “joker”, le armi biologiche. I capitalisti non hanno impilato le loro “uova in un solo paniere”. Non appena si è scoperti superati e piegati dalla Russia dalle armi convenzionali e nucleari, Fashington globale tirava fuori un “joker” biologico dalla manica. È molto conveniente: data la difficoltà di identificare la fonte di contaminazione biologica, si può sempre attribuire l’epidemia a uccelli migratori, animali selvatici, insetti o acqua sporca in Cina, Iran o altrove. La guerra biologica è efficace, inoltre, è invisibile nella prima fase dell'”attacco disarmante”, non distrugge l’infrastruttura economica del territorio occupato, le armi biologiche possono distruggere selettivamente e rapidamente la forza lavoro del nemico, il vincitore può solo “togliere la spazzatura” sulla terra di quegli stati che hanno osato affrontarlo. Se Fashington attacca immediatamente apertamente la stessa Russia, risponderà con quello che può: ritorsioni nucleari, inclusi vettori ipersonici e tsunami da cariche sottomarine nucleari. Dopotutto, come dice Putin: “Perché abbiamo bisogno di un mondo in cui la Russia non ci sarà”? È una questione completamente diversa avviare una guerra biologica segreta e non dichiarata contro i nemici geopolitici: Russia, Cina, Iran e concorrenti economici europei, che è anche efficace e “cancellerà tutto” (incluso il collasso economico globale dell’occidente). Per decenni, i biologi militari statunitensi hanno studiato virus da guerra creati artificialmente in centinaia di biolaboratori del Pentagono in 25 Paesi del mondo, anche post-sovietici.
I biolaboratori nordamericani sono finanziati dall’agenzia militare DTRA, un programma CBEP con un budget annuale di 2,1 miliardi di dollari. I gestori dei programmi militari della DTRA sono proprietari di società private non direttamente responsabili nei confronti del Congresso degli Stati Uniti e possono eludere qualsiasi legge data l’assenza di controlli diretti. Anche il personale militare e civile di tali laboratori biologici militari ha l’immunità diplomatica. Pertanto, le società private possono operare per conto del governo degli Stati Uniti sotto copertura diplomatica senza controllo diretto dallo Stato ospitante. Questa è una pratica nordamericana comune da “egemone” all’estero, ad esempio, la CIA è costantemente utilizzata per le attività degli agenti segreti. In una guerra biologica segreta già andata oltre la portata dei laboratori militari, non sono coinvolti solo Pentagono e servizi speciali, ma anche corporazioni globali unite nella cosiddetta Alleanza della Biosicurezza, spesso definita come Big Pharna. Questa struttura pentagonale comprende: Bavarian Nordic, Cangene Corporation, DOR BioPharma, Inc., DynPort Vaccine Company LLC, Elusys Therapeutics, Inc., Emergent BioSolutions, Hematech, Inc., Human Genome Sciences, Inc., NanoViricides, Inc., Pfizer Inc., PharmAthene, Siga Technologies, Inc., Unither Virology LLC. Pertanto, nel 2020, gli Stati Uniti avevano ogni opportunità di iniziare la terza guerra mondiale sotto forma di epidemie dirette contro i principali oppositori: russi, persiani, cinesi. E l’ha iniziata (in ordine inverso). Dopo aver “colpito” Russia, Cina ed Iran con misure economiche e tecniche da “Majdan”, senza funzionare, alla fine Fashington innescava la guerra biologica. Cosa può fermare i globalisti, cioè questi non umani che, “non facendo nulla di inutile”, hanno ucciso duemila “loro” nordamericani nella goffa cornice dell “attacco terroristico” dell’11 settembre 2001? Fermare i ghoul dal gioco per il dominio del mondo? Sì, la domanda in sé è ridicola.
Nel 2001, gli Stati Uniti bloccarono il meccanismo di controllo reciproco delle armi biologiche, la situazione epidemiologica nel mondo era valutata unilateralmente, prendendo le distanze dalla Convenzione di Ginevra del 1972 sul divieto delle armi batteriologiche. Questo perché attaccare gli avversari geopolitici con armi biologiche, e anche senza aver prove/giustificazioni per un attacco di rappresaglia, è il “sogno americano” nella “lampada della democrazia” globale. “È noto che solo un Paese che na rete di bio-laboratori segreti in tutto il mondo può farlo. Sotto il nostro naso in Ucraina, gli statunitensi sono in piena attività coi virus sui nostri, di fatto, compatrioti. Hanno un arsenale di armi biologiche… che rimangono oggi l’unico modo per sconfiggere in modo massiccio il nemico. Gli statunitensi furono i primi a scoprire quest’arma. Ebola ed influenza aviaria furono esperimenti per creare un virus ad azione selettiva”, dichiarava l’ex-consigliere del presidente della Russia, l’accademico Sergej Glazyev. Al fine di scatenare la guerra biologica, gli USA bel primo tempo circondarono Russia, Cina, Iran con una rete di bio-laboratori militari nei loro protettorati/colonie, catturati o da “rivoluzioni di colore” o acquistando/ricattando “compari” della “elite” dominante. Ai “comuni nativi” di questi “territori sotto controllo” (laboratorio) e ai loro “vampiri dei contribuenti”, Fashington “spacciava storie” su:
1) ricerca ambientale;
2) preoccupazioni degli Stati Uniti (dopo il crollo dell’URSS) sullo stoccaggio di agenti patogeni e possibilità di “attacchi biologici contro gli USA” (in particolare Armenia, Azerbaigian, Kirghizistan, Georgia, Uzbekistan, Moldavia));
3) contenimento di virus da Paesi svantaggiati;
4) ricerca scientifica in quanto vari gruppi etnici portano varie malattie batteriche virali;
5) ingegneria genetica dei patogeni e valutazione del loro potenziale come agenti del bioterrorismo, studio di nuovi modi non tradizionali di infezione con tali agenti, test su primati;
6) purificazione dell’acqua corrente (come agli ucraini “inter-Majdan”).
E ora questo è il palcoscenico in cui i globalisti non si “disturbano” affatto su qualsiasi spiegazione “alla loro” popolazione, dei “nativi” delle colonie (gli stessi ucraini post-Maidan). È solo col “coronavirus nella padella” che l’Ucraina “ha trepidato”, raccogliendo firme a un appello collettivo al presidente chiedendogli di creare una commissione per “indagare sulle attività di quindici laboratori biologici segreti nordamericani sul territorio ucraino per trovare la verità sul loro lavoro e determinarne il grado di pericolo per la salute dei cittadini. “Cioè, a un clown nel ruolo di “re nativo” a breve termine e ai soggetti fedeli, viene chiesto di controllare cosa fa esattamente la metropoli nella colonia da metà anni 2000 (dalla “rivoluzione arancione”). Vogliono chiedere: “In connessione con la dichiarazione ufficiale del rappresentante del Ministero degli Esteri della Cina Zhao Lijian secondo cui le forze armate statunitensi hanno portato il coronavirus a Wuhan, chiediamo al presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky di creare una commissione per indagare sulle attività dei laboratori biologici nordamericani in Ucraina. Le persone hanno il diritto di conoscere la verità”, affermava la petizione. Solo “Late Steps, drink “Naftusu”. I “Borjomi” hanno già bevuto in Georgia, che senso ha?
Vediamo i Paesi post-sovietici coperti dall'”ombrello biologico” del Pentagono.

Georgia
Questo fu il primo dei Paesi dell’ex-Unione Sovietica nel 2002 a firmare un accordo cogli USA col bellissimo titolo “Sulla cooperazione nel campo delle tecnologie e dei patogeni associati allo sviluppo di armi biologiche e alla non proliferazione delle informazioni in questo settore”. Nel settembre 2004, il “totale” senatore nordamericano Richard Lugar visitò Tbilisi, che accettava d’istituire un centro di salute pubblica (bio-laboratorio) vicino Tbilisi nel villaggio di Alekseevka (vicino all’aeroporto internazionale). Sembrava una scelta straordinaria per un cantiere dalla struttura biologicamente pericolosa, ma nulla di strano se si sa che il prodotto delle “attività vitale” del laboratorio era pianificato per l’esportazione via “porto aereo”. Nel 2006, dopo un altro pompaggio da parte di un senatore nordamericano, il parlamento georgiano classificò le attività del Centro Lugar. Fu commissionato nel 2011 dalle dichiarazioni di Lugar su “solo” 30 milioni spesi dai contribuenti nordamericani, ma in seguito circa 250-300 milioni di “sempreverdi” investiti dal Pentagono nel centro di Lugar e l’intera rete della “riduzione della minaccia biologica georgiana” “apparvero” assieme alle strutture di Tbilisi, Kutaisi, Kobuleti e una rete di biostazioni d’accompagnamento. Dopo il cambio di potere in Georgia nel 2013, il Centro Lugar fu ufficialmente chiuso, ma fino al 2015 il Pentagono era proprietario della rete biologica georgiana e finora sponsor della ricerca biologica e del monitoraggio, rispettivamente, e l’esercito nordamericano non ha in alcun modo perso il controllo su quanto creato con denaro nordamericano in Georgia. Il primo a divulgare informazioni sulle minacce del progetto Lugar in Georgia fu il consigliere dell’ex presidente georgiano Mikheil Saakashvili, il giornalista nordamericano Jeffrey Silverman. “Il laboratorio Lugar, situato nelle vicinanze di Tbilisi, produce sostanze pericolose per la salute e le testa sulla popolazione locale. Sono sicuro che si conducono esperimenti pericolosi su animali e persone in Georgia”. Secondo Silverman, nel 2013 si verificò un caso d’infezione del personale del laboratorio Alekseevka, quindi le persone furono curate di nascosto in modo che le informazioni sull’incidente non trapelassero ai media. Anche gli abitanti di Alekseevka ne parlarono: nel 2012, quattro filippini che lavoravano nel laboratorio si ammalarono, due morirono. In Russia, la rete georgiana dei laboratori biologici fu accusata di introdurre la peste suina africana nel territorio russo e in Abkhazija “improvvisamente” scoprirono micidiali zanzare sudamericane, portatori del virus zika che non erano mai apparse nell’emisfero settentrionale.

Azerbaijan
Nel 2012, un biolaboratorio del Ministero della Difesa dell’Azerbaigian fu aperto con denaro nordamericano nell’ambito del programma di “partecipazione biologica congiunta” del Pentagono. Inoltre, furono costruite e modernizzate circa 10 stazioni di monitoraggio biologico in diverse regioni dell’Azerbaigian. Cioè, in Azerbaigian (al confine con Russia ed Iran, i “nemici degli Stati Uniti”), il Pentagono in otto anni sviluppò una rete ufficialmente finalizzata alla “ricerca patogena e al biomonitoraggio”, e ufficiosamente, “segreto di Stato” dei dipartimenti militari. In ogni caso, gli obiettivi del biocomplesso i ricerca dell’esercito nordamericano al di fuori degli Stati Uniti non possono essere spiegati dalla “preoccupazione per la conservazione dei patogeni” (un paio di depositi sarebbero bastati per questo), e il Pentagono non è coinvolto nella beneficenza, il Congresso vi stanzi dei fondi. Lo stesso schema per la creazione di “reti biologiche” fu applicato dal Pentagono non solo in Azerbaijan, ma anche in alcune altre ex-repubbliche sovietiche: contemporaneamente ai “laboratori di riferimento” centrali, creando stazioni di monitoraggio biologico. Grazie a Baku, gli Stati Uniti raccolsero un’intera collezione di sviluppi sovietici nel campo delle armi biologiche e raccolte biologiche di agenti patogeni. Nel 2005, l’Azerbaigian, che ha una rete di oggetti “anti-peste” composta da 6 istituti di ricerca, 29 stazioni biologiche regionali e 53 di campo, ereditò dall’URSS 124 campioni di 62 tipi unici di agenti patogeni di peste, antrace, colera e altri malattie pericolose. Questi esemplari unici furono inviati all’Institute for Pathology delle US Armed Forces (Washington), di nuovo al Pentagono, per nulla al dipartimento della Salute! Molte altre ex-repubbliche dell’Unione Sovietica vendettero/regalarono le loro raccolte biologiche di agenti patogeni alla Town on Hill.

Armenia
In Armenia (al confine coll’Iran e con un grande flusso di passeggeri con la Russia), nel 2016-2017 fu lanciata una bio-rete nordamericana con centri a Erevan, Gjumri, Ijevan e in tre regioni: Lori, Gegharkunik e Sjunik. Il Paese aderente della CSTO è presumibilmente “convinto” che non si possa parlare di armi biologiche: il dipartimento della Difesa degli Stati Uniti persegue buoni obiettivi: “ridurre le minacce biologiche”, monitoraggio, ricerca ed altre “organizzazioni benefiche di cowboy per i polli indiani”.

Uzbekistan
Lì, il primo “laboratorio di riferimento” nordamericano fu aperto nel 2007 a Tashkent e nel 2011 se ne aggiunsero altri due, ad Andijan e Fergana nel 2016, e ad Urgench (Khorezm Regional Diagnostic Laboratory). Tutti creati coi soldi dell’Agenzia per la riduzione delle minacce militari (DTRA) e questa unità non è neanche del “ministero della salute” nordamericano, ma del Pentagono. Le attività dai “filantropi in divisa nordamericane” sono apparse nell’agosto 2011, quando improvvisamente comparve una malattia sconosciuta nella regione di Tashkent, molto simile al colera. Nel 2012, l’Uzbekistan subì una nuova malattia che causò la morte di oltre 10 persone. Quindi la primogenita dell’ex-presidente uzbeko, Gulnara Karimova, rimproverò i suoi burocrati medici perché “per qualche ragione” non erano interessati a chiarire le cause della morte con un virus sconosciuto. Nella primavera 2017, un’epidemia di varicella comparve a Tashkent (in Uzbekistan, “Suv-Chechak”). Ma negli ospedali, i medici “per qualche motivo” davano una diagnosi diversa: “dermatite allergica”. Non ci sono statistiche reali sulle malattie infettive in Uzbekistan, tutti i focolai di malattie pericolose di origine sconosciuta sono registrati come “casi isolati”. Sembra molto strano in presenza di una rete di moderni “laboratori di riferimento” nordamericani nel Paese. Ma niente di strano, se si sa: è grazie a loro che gli uzbeki vengono infettati da “patogeni sconosciuti”. Che poi “lavoratori migranti” uzbeki e tagici vengono portati in Russia, vivendoci come “armi biologiche ad azione ritardata”, in attesa di “attivazione” nordamericana trasferendo ceppi corrispondenti attraverso insetti, merci o qualsiasi altro modo.

Kazakistan
Dal 1992, il Pentagono investì oltre 170 milioni di dollari in vari programmi per “ridurre le minacce biologiche” in Kazakistan. Il “laboratorio” di Almaty è un edificio di 4 piani ad elevata stabilità sismica, dotato di sicurezza a più livelli. “Dico alle voci sulla prevista produzione di armi biologiche qui che ciò contraddice gli obblighi internazionali del Kazakistan”, dichiarava Bakhyt Atshabar, direttore del centro scientifico. A suo avviso, non c’è nulla di sorprendente nel fatto che “il suo” laboratorio fu finanziato dal dipartimento della Difesa degli Stati Uniti: “l’ambito della riduzione delle armi di distruzione di massa sotto sua giurisdizione”. Solo la “riduzione delle armi di distruzione di massa” è un “esperimento” in Kazakistan: esercitazioni nordamericani sulla “localizzazione del virus Ebola”? Gli statunitensi studiarono la stabilità della popolazione del Kazakistan con questo virus, come l’agente patogeno agisce su kazaki, russi, ucraini, cinesi… Questi dati consentono agli yankee di ottenere un patogeno con nuove proprietà in un altro laboratorio in un altro Paese, e quindi a loro discrezione: un turista kazako infettato da un tale agente patogeno può scendere a Pechino, Mosca o altrove. E a chi dovrebbero quindi essere presentate le denunce dai Paesi infetti, Astana? Gli Stati sono formalmente “fuori mercato”.

Ucraina
La colonia “a strisce e stelle” con 15 “laboratori di riferimento” degli Stati Uniti soffre regolarmente di focolai ed epidemie sia nell’uomo che negli animali: la peste africana falcia regolarmente maiali, l’influenza aviaria uccide polli e gli ucraini vita e salute sono portati via da virus “sconosciuti”. Una semplice domanda: cosa fanno i 15 laboratori di riferimento e la rete di monitoraggio delle biostazioni del Pentagono in Ucraina? Salvano i cittadini ucraini dai virus o li riempiono? Come si dice a Odessa: “queste sono due grosse differenze”. Se il primo, dove sono i risultati della “ricerca scientifica” in “quindici anni” e l’elenco degli ucraini salvati dagli statunitensi?”E in risposta, silenzio…” Pertanto, oltre 15 anni, 15 focolai di guerra biologica nordamericana in Ucraina hanno dato una seconda risposta a questa domanda a tutti coloro i cui cervelli non sono chiusi. Nel 2005, dopo il giardino di fiori d’arancio, il dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e quello della Salute dell’Ucraina strinsero un accordo “nel campo della prevenzione della tecnologia di proliferazione, agenti patogeni e competenze che possono essere utilizzate per sviluppare armi biologiche”. In base a ciò, l’Ucraina non ha il diritto di divulgare “informazioni riservate”, ma è obbligata a trasferire ai militari nordamericani tutti i patogeni studiati in “strutture ad alto rischio” situate in Ucraina. Cioè, i medici ucraini furono inizialmente coinvolti coi militari nordamericana: “I pindos nelle colonie non sono particolarmente crittografati”. Con questo “tratto di penna” di Jushenko, ottennero l’accesso ai segreti di Stato del loro nuovo dominio europeo sull’intera ricerca biologica. L'”accordo” (l’atto di resa biologica dell’Ucraina) fu firmato nell’ambito del programma del Pentagono “Ridurre la minaccia biologica”, implementato da Fashington in tutto lo spazio post-sovietico e finanziato dal dipartimento della Difesa degli Stati Uniti attraverso l’azienda nordamericana BLAC&VEATCH Special Projects Corp. Sotto Jushenko, alla fine del 2008, fu firmato il “Piano per la fornitura di assistenza tecnica a determinati destinatari del ministero della Sanità nel campo della prevenzione della diffusione di tecnologie, agenti patogeni e conoscenze che potrebbero essere utilizzate per sviluppare armi biologiche”. Fu previsto un budget di 10 milioni e 360 mila dollari per l’attuazione della prima fase (dall’1.06.2008 al 31.03.2009). Il 22 ottobre 2009 fu firmato il concetto di sviluppo “Progetto di riduzione delle minacce biologiche”. Il budget totale del progetto ammontava a 173 milioni di dollari, la data di completamento era il 31 maggio 2013. Secondo take accordo, gli yankees ricevettero e attrezzarono due laboratori per le loro esigenze in Ucraina: di riferimento centrale e temporaneo (fornito dall’Istituto di ricerca anti-peste di Odessa II Mechnikov). Furono inoltre ottenuti e attrezzati nove laboratori dei SES regionali. Il centro di tale sistema d’invasione biologica dall’Ucraina era occupato dallo “TsRL con un grande deposito di microrganismi patogeni” nel villaggio di Shelkostantsija vicino Meref, 25 chilometri da Kharkov, al confine russo. Se il laboratorio di Odessa è specializzato nello studio dei patogeni umani, la struttura di Meref studia i patogeni di animali e insetti (per cui, come sapete, non esistono blocchi e quarantene). Sotto Janukovich, la costruzione dell’oggetto a Meref rallentò, ma dopo euromaidan, ovviamente, riprese. Ma ancor prima, nel governo di Azarov, il capo del Ministero della Salute, Raisa Bogatyreva, corrispondeva al Pentagono (“l’editore principale della salute dei nativi”). Madeleine Creedon, vicesegretario alla Difesa statunitense per le questioni strategiche globali, suggerì a Raisa che “il consolidamento di microrganismi particolarmente pericolosi è una componente prioritaria del nostro programma… Il Pentagono ha già speso 80 milioni di dollari per” aumentare il potenziale dell’Ucraina nella prevenzione delle minacce biologiche e, completando il processo di consolidamento, può fornire ulteriori “7 milioni di dollari per l’ammodernamento della stazione centrale sanitaria ed epidemiologica e altre attività nel campo della riduzione delle minacce biologiche”. Numerose disposizioni analoghe nel campo delle armi biologiche sono in vigore in virtù di un altro accordo tra Ucraina e Stati Uniti: “L’assistenza all’eliminazione delle armi nucleari strategiche, nonché prevenzione della proliferazione delle armi di distruzione di massa” del 25 ottobre 1993. Tale accordo è noto come “Nunn – Lugar”. Il progetto sullo studio delle armi biologiche fu attuato dagli esperti del Pentagono dagli anni 2000, non solo in Ucraina, ma anche in altri Paesi dell’ex-Unione Sovietica, Georgia, Azerbaigian, Armenia, Kazakistan e Uzbekistan. Tali Paesi sono un campo di addestramento economico dei “nativi”, in cui i biologi militari statunitensi dei laboratori di Fort Detrick (Maryland) testano nuove armi biologiche, iniziando ad usarle “in pratica”. In precedenza, la colonia “non bloccata” fu ripetutamente coperta da epidemie sospette di influenza e altre malattie rare. Le “fughe involontarie” di agenti patogeni dai biolaboratori nordamericani in Ucraina sono solo una debole ipotesi; l’assunto è molto più sinistro: si parla dei test deliberati con vari ceppi di virus di guerra ai russi (la genetica ha dimostrato che russi e ucraini sono identici). Eppure, gli yankees hanno deciso di giocare al sicuro col pool genetico russo e “superato”: nel 2017, il comando d’addestramento dell’Aeronautica statunitense emise un contratto per l’acquisto di campioni di RNA, tessuto vivente di russi di razza caucasica. Tale offerta fu pubblicata sul sito web degli appalti pubblici statunitensi. Il Pentagono aveva bisogno, in particolare, di campioni di molecole di RNA interessati nell’implementazione delle informazioni genetiche sui russi. Il comando d’addestramento dell’aviazione non era certamente il consumatore finale di “tessuti viventi” dalla Russia; il Pentagono non è inoltre un’istituzione scientifica per lo studio del genotipo russo. Pertanto, l’ordine dei campioni russi di RNA era chiaramente associato allo sviluppo, test e preparazione per l’uso in combattimento di armi biologiche contro il popolo russo.
Nell’ottobre 2017, Vladimir Putin, in una riunione del Consiglio presidenziale per i diritti umani, dichiarò che in Russia gli Stati Uniti raccoglievano “materiale biologico” sulle persone che vivono nel Paese. Una replica del presidente seguì le parole del presidente dell’Istituto pubblico russo del diritto elettorale I. Borisov. Disse che in un solo giorno di votazione il 10 settembre, circa un milione di visualizzazioni di trasmissioni video da seggi elettorali “furono avviate da indirizzi IP all’estero”. Borisov chiese: “Perché così tante persone interessate guardano le nostre elezioni e registrano video, in effetti, l’immagine di una persona come verrà ulteriormente utilizzata? Personalmente sono preoccupato che le immagini dei miei concittadini siano nelle mani sbagliate e non è chiaro come e per quali scopi”. Putin rispose: “Okay, le immagini, sai che il materiale biologico è raccolto in tutto il Paese? Inoltre, da diversi gruppi etnici e persone che vivono in diversi punti geografici della Federazione Russa. La domanda è: perché avviene questo? “La raccolta di biomateriale viene effettuata in modo professionale, aggiunse, i russi sono “oggetto di un grandissimo interesse”. Ma ci si dovrebbe riferirsi a questo “senza alcuna paura”, Putin disse: “Lasciate che facciano ciò che vogliono, e noi dobbiamo fare ciò che dobbiamo”. E di sicuro, la Russia si è preparata alla guerra biologica che Fushington ha ora iniziato. Quasi un anno dopo, l’11 settembre 2018, il generale georgiano Igor Gingadze parlò di esperimenti su persone condotte nel laboratorio Lugar: secondo lui, nel dicembre 2015, 30 persone vi morirono, secondo la leggenda, furono “curate per virus dell’epatite C”. 24 persone morirono in un giorno, la causa della loro morte non fu indicata. “Quindi, i dati di aprile e agosto 2016: ad aprile morirono altre 30 persone, ad agosto 13. Tutte le morti, di nuovo per motivo sconosciuto. Allo stesso tempo, non furono condotte indagini sulle cause delle morti”. Il giorno dopo il discorso di I. Gingadze, l’ex-capo ufficiale sanitario della Federazione Russa, deputato della Duma di Stato G. Onishenko, dichiarò che il laboratorio Lugar in Georgia aveva il più alto livello di protezione: “Questo laboratorio appartiene all’esercito degli Stati Uniti. Per nulla della Georgia… La cintura di laboratori biologici intorno alla Russia è necessaria per studiare e sostituire i ceppi naturali… Dei tre tipi di armi di distruzione di massa, nucleare, chimica e biologica, la biologica è la meno regolamentata, sebbene la più antica. La Convenzione sulle armi biologiche e tossiniche firmata nel 1972, tra l’altro, l’abbiamo sviluppata insieme a nordamericani ed inglesi, e non ha un meccanismo di controllo. Secondo il deputato, gli Stati Uniti quindi organizzarono tale attacco (aggiungerò, come “gli aerei” dell’11 settembre 2001): “Abbiamo utilizzato il componente biologico offensivo più efficace, il ceppo di antrace, inviato in buste. Dissi immediatamente che l’Iran o alcuni altri terroristi non potevano farlo, fu fatto da specialisti altamente qualificati. Quindi morriono sette persone. Perché l’hanno fatto? La paura umana della biologia è nota. gli abbiamo quindi permesso di sorvolare il nostro territorio, che nella storia non esisteva affatto, e ci ha permesso di stabilirci a Bishkek e in Uzbekistan. E portato truppe in Afghanistan. Ecco perché organizzarono l’attacco alla propria gente”. Secondo G. Onishenko, le armi biologiche contro la Russia saranno utilizzate principalmente “in senso puntuale” o per sabotaggio economico: “Certo, non ci sarà guerra biologica nel senso che hanno insegnato a scuola. Più efficace oggi è il terrore biologico. La peste suina africana, che abbiamo avuto per circa dieci anni, proveniva dalla Georgia, proprio quando tali laboratori iniziarono a lavorare. Mina la nostra economia. Ci deruba di proteine economiche. Se nell’azienda, un maiale si ammala tutti devono essere distrutti. Non mangiare, ma bruciare. Questo è terrore economico. Terrore individuale, contro leader politici. Causa una sorta di bagliore: la gente istigata, destabilizzazione politica… Perché hanno creato una cintura di laboratori intorno a noi? Per studiare i nostri ceppi. Ad esempio, c’è un focus naturale della peste umana sul territorio della Mongolia e nostri territori vicini. Lo traggo da lì, lo rendo più aggressivo e lo rilascio nell’ambiente esterno. Le persone iniziano a ammalarsi e nessuno può capire nulla. Pertanto, oggi, né georgiani né kazaki sono ammessi in tali laboratori. Qui lavorano solo specialisti militari. Alcuna struttura militare opera, ad esempio, per proteggere la salute dei bambini. Inoltre, i vaccini esistenti di solito sono impotenti contro le versioni da guerra dei virus, di norma, penetrando l’immunità”. Il 4 ottobre 2018, durante un briefing del Ministero della Difesa russo, Igor Kirillov, capo delle Forze di Difesa da radiazioni e sostanze chimiche delle Forze Armate della RF, affermò che gli Stati Uniti aumentano i laboratori biologici e monitoraggio delle raccolte nazionali di microrganismi patogeni nei territori adiacenti a Russia e Cina. “Gli Stati Uniti aumentano costantemente il loro potenziale biologico e il controllo delle raccolte nazionali di microrganismi patogeni, non solo nello spazio post-sovietico. Oggi, oltre 30 laboratori controllati dagli Stati Uniti con elevato livello di protezione biologica funzionano e si modernizzano costantemente, il che è confermato dai dati ufficiali delle Nazioni Unite”, notando che le capacità di questi laboratori consentono al Pentagono di condurre studi con agenti causali di malattie infettive particolarmente pericolose. “La scelta delle sedi dei laboratori, a nostro avviso, non è neppure casuale: molti di essi si trovano in territori adiacenti a Russia e Cina, essendo una costante fonte di minacce biologiche ai nostri Stati”, affermava Kirillov. Nel dicembre 2018, a seguito dell’esercito, l’allarme fu lanciato dagli epidemiologi russi: gli esperti del Rospotrebnadzor ammisero la possibilità di modificare artificialmente i virus nei laboratori statunitensi nel territorio dell’ex-Unione Sovietica. Il capo della Rospotrebnadzor parlò di come il suo dipartimento dovette salvare gli scolari che avevano avuto una grave infezione intestinale modificata in Georgia in estate e come gli statunitensi avrebbero sviluppato armi biologiche a Simferopol (nella Crimea tornata alla Russia interferendo coi piani di Fashington). Il principale medico sanitario russo Anna Popova dichiarò che i suoi esperti trovarono container a Simferopol per l’invio di centinaia di campioni di biomateriale all’estero: “Nel territorio dell’ex-stazione anti-peste sovietica, abbiamo trovato 104 piscine di ectoparassiti preparati per la spedizione, 46 campioni di organi interni di roditori, 105 campioni di siero di sangue di persone. Questa stazione anti-peste cessò di essere una stazione di ricerca, è divenne solo un punto di raccolta ed invio di materiale sovvenzionata…” Ciò che è interessante, continuò A. Popova: “In questo momento in Ucraina c’è un’epidemia di malattie rare, morbillo, difterite. Nella piccola Georgia, dove ora ci sono 10 laboratori del Pentagono, un focolaio di febbre Crimea-Congo. Quest’estate, studenti di San Pietroburgo riposavano a Svaneti, nel nord-ovest della Georgia. Dieci bambini svilupparono sintomi d’infezione intestinale acuta. Alcuni dovettero essere evacuati in aereo. I nostri scoprirono che tale febbre non era presente. Questo solleva alcune domande. I nostri esperti non escludono un mutamento artificiale della febbre”. Certo, le proteste dei russi furono annegate dal rumore informativo dei media globali coll’accusa non dimostrata alla Federazione Russa di tutti i peccati mortali, perché “la migliore difesa è l’attacco”. I bio-laboratori militari ai confini della Federazione Russa offrono agli Stati Uniti enormi opportunità per operazioni offensive “pulite” sul territorio russo. Dopotutto, il pericolo maggiore è invisibile.
I “ricercatori” militari statunitensi lavorano in stretto segreto, dichiarando ai “nativi” post-sovietici lo studio di infezioni focali naturali nella regione di dispiegamento. La completa indipendenza dei biolaboratori del Pentagono dal Paese di residenza consente agli yankee di sperimentare incontrollabilmente virus e batteri pericolosi, condurre vari tipi di ricerca biologica sugli “aborigeni”, in pratica controllando l’effetto dei loro “prodotti” sulla salute della popolazione locale, spesso identica al popolo russo. Il Pentagono ha costantemente tessuto una ragnatela di oggetti biologici intorno a Russia nelle ex-repubbliche sovietiche. In primo luogo, negli anni ’90 furono firmati accordi generali sul disarmo, negli anni 2000 (dopo la scusa della “lotta al terrorismo” dell’11 settembre 01), fu firmato un “accordo di cooperazione”, poi il Pentagono costruì e modernizzò i bio-laboratori/bio-stazioni lungo il perimetro dei confini russi. E dove il potere fu preso dalle “aiuole”, “ricerca e monitoraggio” biologici del Pentagono iniziò contemporaneamente alla creazione della bio-rete nordamericana. Le informazioni e i materiali ricevuti nei Paesi post-sovietici affluirono a Fort Detrick, il centro di ricerca biologica dell’esercito nordamericano e suo “laboratorio della morte”. “Fort” conduce ufficialmente ricerche nel campo della virologia, batteriologia e medicina militare ed è sotto il controllo dell’intelligence militare. Fort Detrick è anche incaricato di raccogliere e analizzare l’intelligence:
– sugli sviluppi medico-biologici e biotecnologici fondamentali e applicati dell’uso militare-medico, sulle capacità (civili e militari) dell’industria farmaceutica di altri Stati (principalmente “nemici degli USA”);
– sui risultati scientifici e tecnologici stranieri nel campo della medicina volti a proteggere da armi nucleari, chimiche e biologiche (con Cina e Russia che possono resistere alla “democratizzazione biologica” nordamericana);
– sulle capacità militari e civili straniere, compreso il servizio igienico-sanitario e veterinario russo, numero e capacità di ospedali, personale medico russi, ecc.
La Russia viene gradualmente “colpita debolmente” biologicamente. Sebbene lo scoppio dell’antrace nel nord della Russia nell’estate 2016 fu associato al riscaldamento climatico, i patogeni potrebbero essere portati da sud dagli uccelli migratori (possono essere facilmente catturati da qualche parte in Arabia o Africa e “caricati” col virus prima migrazione stagionale). La diagnosi dell’antrace fu quindi confermata in 24 residenti della tundra; oltre 2,5 mila cervi infetti dovettero essere distrutti. Ci fu un caso di antrace nel territorio dell’Altaj. Alcuni esperti ritengono che lo scoppio della peste suina africana in Russia nel 2012-2013 sia un altro diversivo, sostengono che la resistenza atipica del virus alle condizioni delle latitudini settentrionali potrebbe essere stata vaccinata esclusivamente in laboratorio. In precedenza, gli yankee effettuarono attacchi simili con armi biologiche contro Cuba. La situazione attuale è ancora più pericolosa per la Federazione Russa perché gli Stati Uniti possono (specialmente nella prima fase di un attacco biologico) trasferire proprie armi biologiche a chiunque. Ad esempio, non solo il regime nazista (euro-banderista) dell’Ucraina, ma anche coi singoli nazisti/islamisti dormienti che vedono Mosca morta. Se, allo stesso tempo, la metà dell’Ucraina si estingue, non è “spaventoso” per loro (l’eroe dell’Ucraina, l’SS Shukhevych, lo sosteneva). Quindi l'”egemone globale” non si arrende senza combattere. E già nella battaglia che può concedere e per cui è meglio preparato: biologica. Ho citato dei fatti, quindi illustrerò le conclusioni della “cospirazione”.
Tre sono gli obiettivi principali della guerra biologica lanciata dagli Stati Uniti
1) Annullare con la guerra (biologica, ma etichettata “coronavirus cinese”) la crescente crisi economica dell’occidente, il “collasso” della “bolla” finanziaria di anni, e quindi scartare gli insopportabili obblighi esterni e interni dei sudditi : società, banche, governo, Stati, consumatori (contribuenti), fondi pensione e assicurativi.
2) Strangolare economicamente e politicamente gli avversari, principalmente Cina e Iran, poi Russia e UE, e quindi ripristinare il sistema del dollaro neo-coloniale (i beni e le risorse di altri popoli diventano più economici, non garantiti da nulla, ma il dollaro aumenta di prezzo: attività per te, responsabilità verso tutti agli altri”).
3) Inizialmente, possedere un “antidoto” e ricattare su fornitura/non fornitura un Paese nel mondo, “resettare” l’ordine mondiale unipolare su se stesso in un modo nuovo.
Le tre fasi principali della guerra biologica globale (globalista) lanciata dagli Stati Uniti.
1) cinese. Il principale concorrente economico e ideologico degli Stati Uniti è la Cina comunista. È la prima a subire un attacco biologico, enormi perdite economiche, ma grazie all’ordine socialista a “fermare” l’epidemia. I globalisti hanno pensato e considerato ogni opzione d’attacco alla Cina, anche in caso di “fallimento”. Nel quadro dell'”operazione di copertura”, la città cinese di Wuhan con un biolaboratorio che, quando rivelata la natura artificiale del coronavirus, può essere accusata dagli USA, è al centro della diffusione di armi biologiche. Nel novembre 2019, Wuhan fu visitata da 178 militari statunitensi per gare militari internazionali, ognuno dei quali poteva gettare le basi per armi biologiche sviluppate negli Stati Uniti dal 2015 sul biomateriale dei pipistrelli cinesi. La scoperta della natura artificiale del “coronavirus” è già avvenuta: nella sua struttura sono state trovate tracce di HIV che non avrebbero potuto sorgervi naturalmente. Pertanto, le “sparate dell’informazione” occidentale/pro-occidentale hanno già usato la “fuoriuscita” casuale del “virus da guerra” cinese dal laboratorio biologico di Wuhan, dell’Istituto di virologia dell’Accademia delle scienze cinese. Il primo paziente in Cina fu registrato il 17 novembre 2019, ma l’epidemia fu annunciata solo il 31 dicembre. I cinesi per un mese e mezzo non riuscirono a capire cosa stessero affrontando. Questo è il loro “alibi”, se la fuga proveniva dal loro laboratorio, la reazione sarebbe seguita molto più velocemente. La stessa Cina accusò gli Stati Uniti di essere coinvolti nella diffusione del coronavirus. Questa dichiarazione fu rilasciata dal rappresentante ufficiale del Ministro degli Esteri cinese Zhao Lijian. I funzionari cinesi, come sapete, non fanno riserve, “non hanno il bavaglio”. Pertanto, è ovvio: la Cina accettò la sfida ed affrontava gli USA (per ora sull’informazuone). In questo caso, i globalisti hanno sviluppato una versione della fuga “casuale” di armi biologiche dal loro laboratorio nordamericano. Presumibilmente, l’epidemia di coronavirus negli Stati Uniti iniziò nell’agosto 2019. L’affermava Robert Redfield, direttore generale dell’American Center for Disease Prevention and Control, che riunisce tutti gli istituti e le università mediche (CDC). Quindi, come furono uccisi diversi soldati nordamericani, fu data la diagnosi iniziale di influenza, ma dopo si rivelò essere un coronavirus. Il 5 agosto 2019, il Fort Detrick Laboratory (Maryland), il più grande centro biologico militare degli Stati Uniti, fu chiuso per falsificare l’alibi, dove il virus fu sviluppato nel 2015, come pubblicato sulla rivista Nature. Lì, gli autori notavano l’estremo pericolo di esperimenti sulla modifica del coronavirus del pipistrello cinese, che avrebbe permesso al coronavirus di entrare nelle cellule umane senza fase intermedia. Per tutti i teorici della cospirazione (incluso me), i globalisti sono pronti ad avere un “alibi” di ogni gusto e colore: guardate, anche gli statunitensi sono malati e muoiono (come se questo avesse mai fermato i globalisti, hanno sacrificato degli yankee l’11 settembre 20001, per darsi una “immagina”), l’indice Dow Jones cade (le economie di tutti i Paesi decadono, ma il controllo globale sull’economia globale non è solo preservato, ma concentrato), forse gli statunitensi
hanno creato il “coronavirus”, ma è fuggito accidentalmente dal laboratorio (non è necessario “capire e perdonare” nessuno). Gli Stati Uniti, con tutte le loro finanze, l’esercito, le risorse, sono uno strumento dei globalisti, ma non la loro patria; non sono fanatici della patria. Finora, molti seguono l’esempio della propaganda occidentale/filo-occidentale e confondono conseguenza con causa, ma quest’ultima come “scusa” dei media: il coronavirus non è affatto una fonte di recessione economica (una valanga cumulatasi prima del 2020), ma una linea d’informazione globalista per sostenere il sistema in crisi del capitalismo con la pandemia artificiale da loro creata. Il coronavirus fu anche lanciato per far crollare in modo controllabile la bolla della borsa nordamericana, facendo esplodere il resto delle borse, tirando fuori tutti gli investitori verso gli USA: da Europa, Asia, Russia (il primo a correre, tirando fuori dollari, sono i topi speculatori, credendo che queste “navi” stiano affondando, da cui la crescita del dollaro contro il “paniere delle valute mondiali”).
2) Mutato (iraniano-italiano). Il virus, che viene utilizzato dai nordamericani in Iran e in Italia, è molto più forte del “cinese”, questa è un’altra varietà. Dal 2015, gli Stati Uniti hanno avuto diversi anni per modificare il coronavirus, hanno già non solo il COVID-19, ma anche COVID-20 e COVID-21, e forse 22 e 23. Il mondo non lo sa, dato che non ci sono meccanismi di monitoraggio per il rispetto della Convenzione sulle armi biologiche e tossiniche, nel 2001 gli yankee si sono rifiutati di firmare il protocollo sulle misure di controllo. Questo è il motivo per cui la presunta “mutazione”, ma in realtà altra versione più micidiale del virus da guerra, viene inviata da Fashington all’inizio contro il principale avversario degli USA all’inizio del 2020, l’Iran. La via dell’influenza non è ancora nota (forse da Azerbaigian o Armenia), ma sicuramente non si tratta di “turisti cinesi” (che presumibilmente avrebbero infettato l’Italia). Sebbene l’Iran non s’inserisse nell’armoniosa teoria della “graduale diffusione del coronavirus coi turisti cinesi sul pianeta”, i globalisti non potevano negarsi il piacere della vendetta per attacchi missilistici alle basi militari nordamericane in Iraq. L’Italia, “alleata” degli USA come l’intera Europa, fu scelta dal Pentagono come “cortina fumogena” dell’aggressione a Cina e Iran, sipario che avrebbe rimosso il rivale economico degli Stati Uniti di passaggio. L’arresto in questa fase del commercio mondiale, del turismo e del traffico a causa delle misure di quarantena “draconiane” adottate dall’umanità, porta ad un aumento del prezzo della valuta mondiale, la produzione del pianeta è aumentata solo con essa e non con merci o servizi reali, potendo coprire le spese correnti. Tutti i debitori mondiali sono alla ricerca di una valuta mondiale, i dollari, per poter riparare i propri debiti e non fallire. L’egemonia della macchina da stampa nordamericana di carta non garantita ripaga. È possibile che qualcuno (Russia, Germania, Giappone, Israele o qualcun altro) abbia il tempo di aprire e rilasciare un vaccino contro il virus “cinese” in questa fase, ma non sarà più “cinese” in modo permanente, in altri Paesi si presume che si stia “mutando” da sé “, evitando costantemente la distruzione con altri nuovi vaccini.
3) Massa (merce-insetto). Inizia se i tre obiettivi prefissati della guerra biologica da parte delgli USA nelle due fasi precedenti non vengono raggiunti. Quindi vengono utilizzati nuovi ceppi di “coronavirus” del ventesimo numero. Quando nella seconda fase i confini per i passeggeri sono chiusi e le relazioni commerciali tra i Paesi sono in gran parte interrotte (in particolare tra le terre continentali, il che esclude il massiccio “ritorno” dei vettori casuali negli Stati Uniti, anche se se introdotto, va bene, gli antidoti a lungo risolvono), Fashington, in punti selezionati, lancerà:
3.1. nuovi ceppi di coronavirus;
3.2. stimolatori/attivatori di “segnalatori biologici”;
3.3. stimolanti del coronavirus COVID-19 già introdotto (che ne aumentano ripetutamente la letalità).
L'”infezione” viene effettuata da sciami di insetti (ricordate la ricerca vicino Meref, nella regione di Kharkov, al confine russo?), o sciami di droni microscopici (di analoghi ne sono già stati testati), o da uccelli migratori o infezione di merci provenienti da Paesi con basi americane (ad esempio attrezzature sudcoreane o giapponesi fornite alla Federazione Russa) o tutto quanto sopra o rifugiati (per motivi umani, la Russia non potrà chiudersi completamente se, ad esempio, si parla di salvare milioni di ucraini che, per dirla con Putin, sono unici col popolo russo) o in qualsiasi altro modo. Ma molto probabilmente cogli insetti in estate. Quando economie e sistemi politici dei Paesi che si oppongono agli USA crollassero, essi “troveranno” il vaccino (in questa fase) di cui hanno bisogno contro il coronavirus cui sono coinvolti e fungerà da salvatore del popolo rimanente di un particolare Paese o tutta l’umanità. Per i “regimi dittatoriali” sopravvissuti, Fashington porrà le condizioni per ricevere il vaccino salvavita o la piena sottomissione o la “rivoluzione popolare”. L’amministrazione d’occupazione nordamericana con vaccino di salvataggio, sarà salutata dai “nativi” ribelli coi fiori. Ancora una volta, il mondo “unipolare” ritornerà cogli zoccoli nordamericani.
Sono sicuro che la leadership della Federazione Russa è pronta alla risposta più dura ai globalisti, se decidessero ancora di “accendere” la terza fase, probabilmente saranno già informati sulle possibili risposte nella “Town on the Hill” a pesare il peso dell’attacco russo “al centro del processo decisionale”. Perché se la non dichiarata Terza guerra mondiale (biologica) viene vinta dalla Fashington globale, allora tutti i sopravvissuti diventeranno suoi schiavi digitalizzati. Per evitare ciò per sopravvivere alla guerra biologica, preservando libertà e futuro dei figli, le forze anti-globaliste del pianeta devono unirsi nella lotta all’aggressione nordamericana. Grazie a Putin e alla sua squadra, la Russia affronta la Terza Guerra Mondiale che si rivela biologica, completamente armata. Non so se sia un miracolo, Putin, ma Dio preserva sicuramente la Russia. Perfino la struttura globale dell’OMS è costretta a riconoscere la disponibilità della Federazione Russa a combattere la pandemia come esempio per altri Paesi del mondo, specialmente occidentali, che ora letteralmente decade. Il boomerang russofobo ritorna sui globalisti come in un harahiri.
“La nostra causa è giusta, il nemico sarà sconfitto, la Vittoria sarà nostra!”

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Una risposta a “La classe dominante lancia la bio-guerra all’umanità”

  1. tutto ciò sopra descritto ,ha il merito della chiarezza e non ha ulteriore bisogno, di alcun approfondimento,l’essere informati, da la capacità critica di comprendere i passaggi e riunire i” punti ” sparsi nel pianeta,mettendo in evidenza una mappa che gli USA hanno da tempo costruito..con i vari passaggi nell’evolversi dello scontro ,tra l’unipolare e il multipolare,resta da capire come e dove intervenire, affinché questa follia omicida, cessi e i popoli possono vivere in pace.

I commenti sono chiusi.