Crea sito

Gli USA sbagliano a punire il comandante che lanciò l’allarme sul COVID-19

Hu Xijin, Global Times, 3/4/2020

La Marina nordamericana ha fatto dimettere Brett Crozier, il capitano della portaerei Theodore Roosevelt, che aveva lanciato l’allarme per lo scoppio di COVID-19 a bordo della nave. Crozier fece qualcosa di sbagliato suonando l’allarme? È la versione nordamericana del Dr. Li Wenliang? La reputazione di Li fu restaurata ed è ora identificato come martire. Crozier, tuttavia, viene dimesso nel momento cruciale della lotta degli Stati Uniti contro COVID-19. Il Pentagono ha condannato Crozier per aver dimostrato “un giudizio estremamente scarso nella crisi” e aver creato il panico non necessario. Ma dal nostro punto di vista, Crozier ha una mentalità più chiara dei funzionari del Pentagono. La portaerei Theodore Roosevelt diventerà probabilmente un’altra Diamond Princess e, se non verranno prese misure, prima o poi verrà segnalato un decesso a bordo.
Con una mentalità da campagna elettorale, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe potuto sapere che il Pentagono si mette nei guai, dicendo che non era d’accordo con la decisione contro Crozier. Ma Trump può correggere l’errore del Pentagono? Punirà i funzionari militari che hanno fatto un torto a Crozier? Indipendentemente dal fatto che Crozier riprenda i suoi doveri o meno, fin quando i funzionari che hanno emesso l’ordine di rimuoverlo rimarranno salvi, Crozier sarà perseguitato ed emarginato ed etichettato come codardo che ha distrutto il morale dei militari.
In breve, finora gli Stati Uniti erano riluttanti nel riflettere sul fallimento nel tenere sotto controllo l’epidemia COVID-19, e hanno semplicemente provato ad ignorarlo. L’ambiente politico negli Stati Uniti sostiene e incoraggia una serie bugie. Il Congresso degli Stati Uniti approvava risoluzioni per interferire nella gestione della Cina del caso del Dr. Li, ma ciò che dovrebbe davvero fare è criticare l’inazione degli Stati Uniti sul COVID-19 e il trattamento ingiusto di Crozier.

Traduzione di Alessandro Lattanzio