Crea sito

L’Iran intercetta l’intrusione di F-18 degli USA

PressTV, 24 marzo 2020

Veniva reso noto come le difese aeree dell’esercito iraniano agganciavano un intruso, aviogetto da combattimento F-18, che si avvicinava sulle acque meridionali del Paese e l’avvertiva decisamente, spingendo esperti militari e media a speculare sul sistema radar iraniano usato per intercettare l’aereo nemico. Nel video, il Super Hornet Boeing F-18 viene visto ricevere diversi avvertimenti dalle difese aeree iraniane prima di cambiare rotta e allontanarsi dallo spazio aereo meridionale dell’Iran. Le forze iraniane avvertirono l’aviogetto da combattimento che se avesse mantenuto la rotta verso lo spazio aereo iraniano, sarebbe stato abbattuto dai missili della difesa aerea del Paese.
Un video recentemente pubblicato dalla Radio della Repubblica islamica dell’Iran (IRIB), risale al capodanno iraniano (20 marzo). La base della difesa aerea dell’Iran nel sud, presso la città portuale di Bandar Abbas, gestisce una serie di sistemi radar che monitorano i cieli in quell’angolo del Paese, ma gli osservatori ritengono che il video dell’incidente sembra sia stato ripreso sistema radar nazionale dell’Iran denominato Fatah-14. L’intercettazione aveva un alto valore operativo e psicologico dato che l’aviogetto da combattimento fu rilevato di notte dall’Aeronautica dell’esercito iraniano, equipaggiata con diversi tipi di sistemi di guerra elettronica, secondo l’agenzia Sputnik. Il sistema radar Fatah-14, presentato nel 2015, ha una portata di 600 chilometri e può rilevare piccoli bersagli aerei ad alta quota. Alta agilità e rapida connessione alla rete di comando e controllo sono tre le caratteristiche del radar a semiconduttore. Resiste alla guerra elettronica ed è considerato il miglior radar per i sistemi missilistici.
Secondo quanto riferito, l’aviogetto intruso apparteneva all’esercito nordamericano. Washington non commentava, ma l’incidente avveniva pochi giorni dopo che il New York Times riferisse che il segretario di Stato nordamericano Mike Pompeo aveva preteso una “dura azione” contro l’Iran mentre il Paese era impegnato a combattere il nuovo coronavirus. Nel giugno 2019, le difese aeree dell’Iran abbatterono l’avanzato RQ-4 Global Hawk di fabbricazione nordamericana sulle acque territoriali dell’Iran, al largo della provincia costiera di Hormozgan, dopo che l’aereo senza pilota violò lo spazio aereo del Paese con una missione di spionaggio.

Traduzione di Alessandro Lattanzio